Shoigu ha condiviso i successi della Russia in Siria

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha riassunto i risultati raggiunti dai nostri militari in Siria in tre anni di lotta contro le formazioni di banditi. Intervenendo a una riunione dei Ministri della Difesa e dei Partner per il dialogo dell'ASEAN (SMOA Plus), ha sottolineato che in questi tre anni l'organizzazione terroristica dello Stato Islamico (bandita nella Federazione Russa) era stata sconfitta.



Secondo il capo del dipartimento della difesa, durante l'intero periodo di partecipazione della Russia alla risoluzione della crisi siriana, sono stati eliminati più di 87500 terroristi. Ad oggi, oltre il 95% del territorio siriano è privo di formazioni di banditi. 1411 insediamenti sono stati restituiti al governo del governo legittimo. Pertanto, Damasco ufficiale controlla il territorio in cui vive più del 90% dei cittadini siriani.

Liberati accordi chiave e rilasciate comunicazioni principali

- ha detto Shoigu. Ha aggiunto che circa 122 oggetti appartenenti ai militanti sono stati distrutti.

Tuttavia, le azioni della Russia in Siria non si limitano agli attacchi contro gli islamisti radicali. I genieri russi lavorano lì, disarmando molti ordigni esplosivi lasciati dai gruppi terroristici. Secondo Shoigu, i genieri sono riusciti a sgomberare circa 6,5mila ettari di territorio siriano, più di 19mila case e altri edifici e un migliaio e mezzo di chilometri di strade.

Anche il Centro per la riconciliazione delle parti in conflitto, creato su iniziativa di Mosca, funziona con successo. Come risultato delle sue attività, più di 2,5 mila città e villaggi hanno aderito al processo di armistizio.

Un altro problema importante sono i rifugiati. Shoigu ha citato i dati delle Nazioni Unite, secondo i quali 7 milioni di cittadini hanno lasciato la Siria durante gli anni della guerra. Ha precisato che la situazione attuale consente loro di tornare in patria.

La Russia sta dando un grande contributo per aiutare i rifugiati prestando attenzione alle questioni umanitarie. Ad esempio, il quartier generale del coordinamento interdipartimentale per il ritorno dei rifugiati sta lavorando nella capitale russa. A Damasco c'è un centro di accoglienza, distribuzione e alloggio per gli sfollati. Ci sono posti di blocco attraverso i quali i siriani possono tornare nel loro paese dal Libano e dalla Giordania. Se contiamo dal 18 luglio, questi punti sono stati attraversati da circa 17mila persone.

Shoigu ha citato i seguenti dati sul ritorno dei rifugiati:

Dall'inizio dell'operazione, oltre 245 sfollati interni sono rientrati dall'estero nella Repubblica araba siriana. Circa 2 milioni di siriani in più hanno espresso il desiderio di tornare in patria da luoghi di residenza temporanea all'estero
  • Foto usate: stc.all.kpcdn.net
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.