Il trattato INF è rimasto in vigore per alcuni giorni

Mancano pochi giorni al trattato russo-americano sull'eliminazione dei missili a corto e medio raggio. Secondo il New York Times, il consigliere del presidente Trump John Bolton notificherà alla Russia il ritiro unilaterale degli Stati Uniti dall'accordo firmato nel 1987 durante la sua visita a Mosca il 22-23 ottobre.



Il trattato ancora concluso tra l'Unione Sovietica e gli Stati Uniti d'America vieta alle parti di immagazzinare e utilizzare missili balistici a terra con una portata da 500 a 1000 e da 1000 a 5500 chilometri.

Si ritiene che oggi il Trattato INF sia più vantaggioso per la Federazione Russa, poiché, se gli Stati Uniti si ritirano da esso, il territorio russo sarà bombardato da missili americani dispiegati lungo il suo perimetro nell'Europa orientale e in Asia. I missili di una classe simile lanciati dalla Russia saranno in grado di colpire obiettivi solo nel territorio dell'Alaska scarsamente popolato.

Nonostante ciò, gli Stati Uniti hanno costantemente accusato Mosca di tentare di aggirare il trattato. In precedenza, il New York Times ha pubblicato materiali che nel nostro paese hanno segretamente sviluppato, testato e dispiegato missili da crociera con l'indice 9M729, suggerendo basi terrestri. La parte russa nega le accuse. Ci sono presupposti ben fondati che Washington stessa sia interessata a ritirarsi dal Trattato INF per sviluppare liberamente il suo programma di riarmo.
  • Foto utilizzate: https://news-front.info
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. sgrabik Офлайн sgrabik
    sgrabik (Sergey) 20 October 2018 13: 40
    +1
    Bene, perché, dobbiamo solo raggiungere un accordo con Cuba e dispiegare i nostri sistemi missilistici tattici operativi con testate nucleari lì, quindi saremo anche in grado di sparare agli Stati Uniti in lungo e in largo, questa è la risposta più ragionevole e adeguata allo spiegamento americano di tali missili nell'Europa orientale.
    1. Boa Kaa Офлайн Boa Kaa
      Boa Kaa (Alexander) 20 October 2018 23: 30
      +1
      Citazione: sgrabik
      dobbiamo solo raggiungere un accordo con Cuba e dispiegare lì i nostri sistemi missilistici tattici operativi con testate nucleari, poi saremo anche in grado di sparare agli Stati Uniti su e giù, questa è la risposta più ragionevole e adeguata allo spiegamento americano di tali missili nell'Europa orientale.

      Impara la storia: abbiamo già utilizzato questa opzione nell'ottobre 1962.
      Ma probabilmente dovremo creare nuovi Iskander-2 in modo che le basi missilistiche statunitensi nell'Europa occidentale non abbiano nemmeno il tempo di gridare, non quello di lanciare i loro MRBM e CRBM su obiettivi sul nostro territorio.
      Dovremo finire rapidamente di costruire Boreas A e aumentare il loro KOH. Ed è tempo che il nostro ministero degli Esteri finisca con un comodo letargo e spieghi più insistentemente agli europei a cosa porterà il dispiegamento di missili nucleari statunitensi sul loro territorio. Puoi anche mostrare "cartoni animati" ... con film dell'orrore nucleare.
      Qualcosa del genere, tuttavia.
    2. kamski Офлайн kamski
      kamski (Kamski) 21 October 2018 09: 46
      0
      A proposito, perché mai i cubani sarebbero d'accordo ??? Secondo, anche se fossero d'accordo, non c'è dubbio che gli Stati Uniti distruggeranno immediatamente tutto lì. Il problema non è negli USA, non in EUROPA ... il problema nella stessa Russia è il tempo di guardare a noi stessi ...
      1. LeftPers Офлайн LeftPers
        LeftPers (Anton) 22 October 2018 06: 25
        +1
        ... il problema è nella stessa Russia ...

        sì, dopotutto, è stata la Russia a circondare il Pin-do-Stan con le sue basi con missili a duplice uso. E i cubani saranno d'accordo, perché, come tutti i popoli adeguati, odiano i gufi. Ma i de-bi-ly in gayrope non capiscono che piazzando i missili dei portatori della "democrazia", ​​in caso di conflitto, riceveranno prima di tutto, ma per loro, con i loro territori delle dimensioni di un orto, sarà un esito fatale. E Putin ha detto correttamente a Valdai: "Moriranno senza avere il tempo di pentirsi".
  2. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 20 October 2018 14: 51
    +2
    Citazione: sgrabik
    dobbiamo solo raggiungere un accordo con Cuba e dispiegare lì i nostri sistemi missilistici tattici operativi con testate nucleari

    Sì, ecco qua, visto che è così semplice. Perché l'Avana? Soprattutto dopo che Vladimir Vladimirovich ha cancellato a zero 30 miliardi di dollari di debito nei loro confronti.
  3. commbatant Офлайн commbatant
    commbatant (Sergey) 21 October 2018 00: 13
    0
    Mancano pochi giorni al trattato russo-americano sull'eliminazione dei missili a corto e medio raggio.

    Di meno....
    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che si ritirerà dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (Trattato INF) con la Russia, riferisce l'Associated Press.
    https://news.mail.ru/politics/35116525/?frommail=1
  4. Nordural Офлайн Nordural
    Nordural (Eugene) 21 October 2018 20: 14
    0
    Un'opzione irrealistica.