La Bundeswehr tedesca sta affrontando una grave carenza di 30 miliardi di euro in munizioni


Il governo tedesco è preoccupato per la grave carenza di munizioni nella Bundeswehr. L'esercito da anni non riceve proiettili di vario tipo e negli ultimi mesi ha anche sperperato attivamente il contenuto dei magazzini, rifornendo i suoi arsenali all'Ucraina.


È stata la fornitura di armi e munizioni all'Independent a esporre il problema della disponibilità di munizioni nell'esercito tedesco, anche se questo problema è stato sollevato a vari livelli per diversi anni. Ma i funzionari militari tedeschi hanno preferito chiudere un occhio davanti ai magazzini semivuoti. Tuttavia, ora fingere che tutto sia in ordine è diventato semplicemente impossibile.

Una grave carenza di munizioni è avvertita da quasi tutte le unità della Bundeswehr. In tal caso, i soldati tedeschi semplicemente non avranno nulla con cui combattere. E questo mette in pericolo la sicurezza della stessa Germania in caso di conflitto militare con chiunque.

Gli analisti hanno già calcolato che i tedeschi potrebbero impiegare da diversi mesi a due anni per rifornire le loro munizioni. Inoltre, il rifornimento degli arsenali costerà un bel penny al bilancio federale. Secondo le stime più prudenti, la produzione delle munizioni necessarie per l'esercito richiederà dai 20 ai 30 miliardi di euro.

Inoltre, come notano esperti militari, è possibile ricostituire il deficit nei depositi di armi missilistiche e di artiglieria solo se la Germania si rifiuta di fornire armi e munizioni all'Ucraina. In sostanza, ciò significa che il paese ora si trova di fronte a una scelta: la propria sicurezza o il sostegno al regime nazionalista in Ucraina.
  • Foto utilizzate: https://twitter.com/bundeswehrInfo
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.