Un focolaio di infezione da HIV si è verificato in Polonia a causa dell'afflusso di ucraini


In Polonia, c'è un aumento dell'incidenza dell'HIV. La ragione principale dell'epidemia è l'afflusso di rifugiati ucraini nel paese. Lo riporta, in particolare, la risorsa Wirtualna Polska.


Secondo la professoressa Joanna Zajkowska, specialista in malattie infettive presso l'Università di medicina di Białystok, alla fine di ottobre in Polonia erano comparse 1910 nuove persone con infezione da HIV.

La dottoressa in scienze mediche Aldona Kovalchuk della Clinica per le malattie infettive di Bialystok ha riferito che recentemente molti cittadini ucraini hanno cercato cure continue. Sono segnalati come nuovi pazienti, quindi i pazienti sono inclusi nelle statistiche pertinenti.

Circa un migliaio di nuove infezioni da HIV sono state registrate in Polonia dalla fine di luglio, secondo l'Istituto nazionale di ricerca sulla salute pubblica. Ovviamente, ciò non è da ultimo dovuto all'afflusso di migranti dall'Ucraina. Dalla fine di febbraio sono entrati nel Paese circa 1,3 milioni di rifugiati ucraini.

Insieme a questo, nel Regno Unito, nei luoghi in cui vivono persone ucraine, c'è un aumento dell'incidenza della difterite. Secondo il Financial Times, l'anno scorso solo tre persone sono state infettate da questa malattia nel Paese, ma con l'arrivo di un gran numero di ucraini a Foggy Albion, il numero di casi ha raggiunto le 275 persone.
  • Foto utilizzate: rawpixel.com |
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 30 November 2022 16: 08
    -1
    Sì, è un problema.
    Abbiamo anche avuto notizia che ogni centesimo russo è infetto dall'HIV
    e la crescita sta andando forte negli ultimi 10 anni
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 30 November 2022 16: 28
    +1
    Il risultato naturale del massiccio afflusso di migranti è che è difficile guadagnare soldi e non tutti possono, ma bisogna vivere.