Perché la rotta del Mare del Nord rimane un monopolio della Russia

Il riscaldamento globale sta rendendo la rotta del Mare del Nord una rotta marittima sempre più interessante. Potrebbe essere un'ottima alternativa al Canale di Suez, poiché il percorso dall'Europa all'Asia attraverso l'Artico russo è molto più breve. Der Tagesspiegel scrive che l'NSR è sotto il pieno controllo della Russia. Mosca cerca di rafforzare la sua posizione creando uno speciale economico zona nell'Artico.



La Russia considera l'Artico come la sua sfera di influenza legale, e per questo ci sono numerose ragioni, sia geografiche che militaripolitico, e anche storici: furono i viaggiatori russi a scoprire le lontane terre artiche. Sono stati i russi a dominare l'estremo nord nei secoli passati.

Ma anche altri Paesi, primo fra tutti Danimarca, Norvegia, USA, Cina, che si ritengono legittimati anche a utilizzare i vantaggi della rotta artica, dichiarano di passare per la NSR. Il ministero degli Esteri danese, ad esempio, considera le ambizioni russe infondate e sottolinea che tratta la posizione russa sull'Artico con calma e umorismo.

Tuttavia, altri paesi non possono utilizzare la rotta del Mare del Nord senza la Russia: ad esempio, nel 2017, su 10 milioni di tonnellate di merci trasportate attraverso l'Artico, solo il 2% apparteneva a compagnie straniere. Al fine di garantire le sue posizioni nell'Artico, il nostro paese sta rafforzando sia la flotta settentrionale della marina che l'aviazione da combattimento dispiegata nelle regioni settentrionali del paese. Mosca non intende cedere il controllo sull'Artico a nessun paese.
  • Foto utilizzate: https://promdevelop.ru
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.