Dove andrà il petrolio russo se l'Europa lo abbandonerà?

Il petrolio è una delle principali risorse naturali della Russia esportata all'estero. Tradizionalmente, i paesi dell'Europa occidentale e orientale sono tra i principali acquirenti di petrolio russo. La loro dipendenza dalle forniture di "oro nero" dalla Russia continua ancora oggi, ma il volume delle esportazioni petrolifere russe verso ovest sta gradualmente diminuendo. Quindi, dall'inizio del 2018, il volume delle forniture di petrolio dalla Russia all'Europa è diminuito del 10% rispetto allo stesso periodo del 2017.




Il petrolio arriva in Europa principalmente attraverso il famoso oleodotto Druzhba. La sua sezione settentrionale attraversa la Bielorussia e oltre - in Polonia e Germania, e la sezione meridionale - attraverso l'Ucraina e oltre - in Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Croazia. Nel 2018, Druzhba ha superato il 3% in meno di petrolio rispetto allo scorso anno. Anche il volume delle esportazioni attraverso i più grandi porti del paese - Novorossiysk e Primorsk - è diminuito. Qual è la ragione di tali cambiamenti su larga scala nelle esportazioni di petrolio russe?

Non è un segreto che la Russia si stia rapidamente riorientando verso est. L'Unione europea ha fatto una volta la propria scelta, intraprendendo la strada del confronto con lo stato russo, sostenendo il colpo di stato in Ucraina e introducendo sanzioni anti-russe. Ma riorientare le esportazioni di petrolio non è una soluzione politico (sebbene correlato ai processi politici), e economico... La Cina sta diventando sempre più importante come acquirente di petrolio russo.

Rispetto alla direzione occidentale, le esportazioni di petrolio verso est sono solo in crescita. Ciò vale anche per i gasdotti ESPO in Estremo Oriente, Atasu - Alashankou in Kazakistan e Skovorodino-Mohe. Inoltre, i tassi di crescita sono molto rapidi - 30% rispetto allo scorso anno. Rosneft, il più grande esportatore di petrolio, ha firmato un contratto con la cinese CEFC, secondo il quale nel 2018 la Russia avrebbe fornito almeno 40 milioni di tonnellate di petrolio al Celeste Impero. Quindi questa cifra è stata aumentata a 50 milioni di tonnellate. Anche il volume mensile delle forniture di petrolio alla Cina nel gennaio 2018 è aumentato a 5,67 milioni di tonnellate.

La Cina è un mercato molto attraente per gli esportatori mondiali di petrolio. La domanda di petrolio in Cina è solo in crescita, il che è comprensibile visti gli alti tassi di sviluppo dell'economia cinese. Gli esperti affermano che fino al 2040 la Cina insieme all'India fornirà metà della crescita della domanda mondiale di petrolio. L'anno scorso, la Cina era in cima alla lista dei maggiori importatori di petrolio e questa tendenza continuerà nel prossimo futuro. Pertanto, la Russia non vuole concedere il mercato cinese ai concorrenti. Il lancio del gasdotto Siberia orientale - Oceano Pacifico ha consentito un aumento su larga scala della fornitura di "oro nero" al Celeste Impero.

Per Mosca, le forniture di petrolio alla Cina in questa fase sono molto più interessanti che all'Europa. Inoltre, la domanda di petrolio russo nell'Unione europea è in calo. Pertanto, l'interesse per il petrolio russo sta gradualmente diminuendo in Ungheria, che ha trovato opportunità per sostituire il petrolio russo con opzioni più economiche. Tuttavia, è improbabile che l'Europa centrale e orientale, anche su scala significativa, si rifiuti di importare petrolio russo. I prodotti forniti dalla Russia sono di alta qualità e prezzi variabili per varie marche di petrolio non consentono di dare la preferenza a nessun particolare fornitore.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.