"Fedor" in orbita: perché la Russia ha bisogno di un robot astronauta


Aumento delle macchine


Negli ultimi anni, i creatori di robot hanno compiuto diversi balzi tecnologici contemporaneamente, che, senza esagerare, possono essere definiti una rivoluzione. Se non mi credi, puoi guardare il filmato della DARPA Robotics Challenge 2015 organizzata dal Pentagono. I robot presentati lì (e ce n'erano molti) sembravano francamente ridicoli e spesso non potevano eseguire le azioni più semplici, ad esempio aprire la porta. Stranamente, i recenti progressi non sono direttamente collegati agli affari militari: gli stessi marines americani, dopo i test, non hanno visto alcun vantaggio nell'usare robot a quattro zampe come LS3. Ricorda che volevano usarli per trasportare carichi.


Questo fallimento non ha fermato il creatore del robot nella persona dell'azienda americana Boston Dynamics, che nel 2017 ha mostrato un video del robot umanoide Atlas che fa le capriole. E nel 2018, i bostoniani hanno dimostrato un Atlante in corsa, i cui movimenti erano quasi indistinguibili da quelli umani. Questi sono tutti, ovviamente, risultati colossali. Gli sviluppatori russi saranno in grado di rispondere adeguatamente ai loro colleghi americani?

Terminator in russo

In generale, il concetto di robot è molto estensibile: un UAV può anche essere chiamato robot. Inoltre, a questa categoria va aggiunto il nuovo complesso Uran-9, che, si potrebbe dire, ha reso la Russia leader nella creazione di sistemi robotici da combattimento a terra. In termini semplici, è un veicolo da combattimento di supporto antincendio controllato a distanza. Ma ora siamo interessati a robot specificamente antropomorfi. Cioè, almeno in parte simile alle persone. Come il già citato Atlas.

Nel 2015, i dipendenti dell'impresa TsNIITOCHMASH hanno mostrato al presidente russo Vladimir Putin un avatar robotico in grado (in ogni caso, una tale conclusione può essere tratta dalle foto presentate) per guidare un ATV e usare armi da fuoco. Un braccio manipolatore viene utilizzato per sparare. Gli stessi creatori hanno quindi annunciato la presenza di alcuni potenziali clienti, ma in realtà si è trattato solo di un'azione dimostrativa. Ed è difficile giudicare il reale potenziale da esso.


I robot antropomorfi non sono ancora visti come soldati: sono complessi, costosi e non abbastanza affidabili. L'idea di creare un robot astronauta viene promossa molto più attivamente. In precedenza, la NASA ha già inviato un Robonaut umanoide sulla ISS: nel tempo, ha ricevuto non solo braccia, ma anche gambe. Si credeva che il robot aiutasse gli astronauti nel loro lavoro quotidiano sia all'interno che all'esterno della stazione. Ma il primo pancake era grumoso. Si è rivelato molto difficile portare il "Robonaut" in condizioni di lavoro. Era ancora più difficile farlo in orbita.

Gli ingegneri russi non avevano paura di tali difficoltà. In precedenza, è stato creato l'astronauta robot SAR-400, quindi una versione migliorata: SAR-401. È sulla base di questi sviluppi che è stato creato il nuovo "Fedor", che è stato visto come un robot multifunzionale - utile, in particolare, per le operazioni di soccorso. Il lavoro su FEDOR (Final Experimental Demonstration Object Research) è svolto dall'NPO Android tecnica". Il robot ha ricevuto un moderno sistema di controllo vocale. Quindicimila parti sono state utilizzate per creare un prototipo, di cui circa la metà sono russe. Fedor utilizza un sistema operativo sviluppato in Russia basato su Linux. La potenza del robot è di venti cavalli (13,5 kW). L'altezza è di 180 cm, a seconda della configurazione, il suo peso può raggiungere i 160 kg. "Fedor" è in grado di svolgere funzioni in modo autonomo per circa un'ora, e in più può fungere da avatar. Inoltre, può essere controllato a grande distanza utilizzando le comunicazioni satellitari. Il robot può essere ricaricato tramite una presa.


Foto e video piuttosto spettacolari dei test, ovviamente, hanno alimentato l'interesse per lo sviluppo. A partire da dicembre 2016, il robot è stato in grado di:

- Sedersi sullo spago longitudinale e trasversale;
- Fai girare la testa;
- Muoviti a quattro zampe;
- Strisciare sulle pance;
- Alzarsi dopo essere caduti senza l'aiuto umano;
- Salite le scale;
- Entra in macchina;
- Guida un veicolo (copia e modalità autonome);
- Lavora con utensili elettrici.

Questo non è tutto ciò di cui il robot è già capace. Tuttavia, è necessario un obiettivo specifico. Nel 2016 si è saputo che intendevano costruire un nuovo robot per la ISS sulla base di FEDOR. Gli sviluppatori della versione migliorata erano la già citata "tecnologia Android", così come la società spaziale e spaziale "Energia". Ora l'ex direttore generale di RSC Energia, Vladimir Solntsev, ha poi affermato che essere coinvolto nel progetto per creare un robot spaziale darebbe agli ingegneri di Energia un'esperienza fondamentalmente nuova.


Si può presumere che i problemi finanziari e tecnici del dipartimento spaziale russo, che si sono fatti sentire con rinnovato vigore, abbiano posto fine al nuovo sviluppo. Tuttavia, non lo è. Nell'estate del 2018, RIA notizie ha riferito che una squadra di due "Fedorov" può essere inviata alla ISS nel veicolo spaziale senza pilota "Soyuz" nell'agosto 2019. E nel settembre 2018 si è saputo che il campione dimostrativo di "Fedor" sarà trasferito a "Roscosmos". Poi è stato riferito che si è deciso di inviarlo nello spazio sulla promettente astronave "Federation". Il robot sarà seduto al posto del copilota, non controllerà la nave. In futuro, vogliono utilizzare Fyodor per supportare gli astronauti durante il lavoro nello spazio. Per fare ciò, intendono installare speciali batterie ricaricabili sulla superficie esterna della ISS, con le quali è possibile ricaricare il robot. In un lontano futuro, vogliono utilizzare il nuovo sviluppo russo per volare intorno alla Luna, anche se, come sappiamo, le ambizioni lunari della Russia sono andate "sotto i ferri" a causa di fattori finanziari, tecnologici e politico problemi e contraddizioni. Nessuno li ha abbandonati completamente, ma i tempi di tali missioni sono notevolmente cambiati.


Non c'è bisogno?

L'americano Robonaut ha chiaramente dimostrato che nelle condizioni anguste della ISS, un grande robot umanoide non è la soluzione migliore. In ogni caso, in questa fase dello sviluppo tecnologico. Molto più utile per lavorare in orbita è un braccio robotico, come il Canadarm. Questa è, ricorda, una grande "mano" che può essere utilizzata per una varietà di scopi. Non stiamo parlando del fatto che dopo l'abbandono della stazione ISS (presumibilmente - la metà degli anni '20), la Russia non avrà più tempo per gli astronauti robotici. La stessa astronautica con equipaggio domestico rimarrà appesa a un filo. Dopotutto, "Roskosmos" viene sistematicamente escluso dal progetto per creare una nuova stazione orbitale lunare. Allo stesso tempo, semplicemente non esiste una vera alternativa per i voli con equipaggio ora. E la Soyuz e le Federazioni non avranno dove volare in tali condizioni, anche con il Fedor a bordo, anche senza di esso.


In generale, l'uso di un grande robot antropomorfo per risolvere qualsiasi problema pratico sembra una buona dose di "populismo". Ora anche la famosa Boston Dynamics non può attaccare i propri figli, anche se li fa ammirare. A questo proposito, FEDOR appare solo come una sorta di investimento per il futuro: ovvero la base per possibili nuove direzioni della robotica russa.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://novayagazeta.ru
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. igor_0261 Офлайн igor_0261
    igor_0261 (Igor) 1 November 2018 22: 50
    +1
    Tutto è molto corretto, buono e non c'è bisogno di farsi prendere dal panico.
    L'esplorazione della luna è in realtà un progetto ambizioso, molto costoso, ma allo stesso tempo assolutamente poco promettente.
    La luna comunque non potrà mai diventare una nuova casa.

    È necessario sviluppare stazioni orbitali e idealmente popolarle con robot e portare gli astronauti solo in caso di emergenza.
    Questi robot possono riparare i satelliti esistenti, raccogliere e utilizzare i detriti spaziali.
    È giunto il momento di passare dal concetto di satelliti autonomi monouso al concetto di piattaforme e veicoli serviti.

    Ad esempio, una piattaforma di riparazione si trova leggermente sopra l'orbita geostazionaria in modo che si sposti lungo le posizioni dei satelliti.
    Al momento giusto, invia un robot e fa le riparazioni, o semplicemente prende il satellite a bordo.
    Se il satellite non può essere riparato utilizzando i robot, di tanto in tanto le persone arrivano sulla piattaforma e riparano le apparecchiature difettose accumulate.

    Nel tempo, una quantità sufficiente di materiali si accumulerà sulla piattaforma per costruire una casa spaziale a tutti gli effetti con gravità artificiale e una buona protezione dalle radiazioni, dove sarà possibile vivere pienamente.

    Quindi tali stazioni voleranno lentamente verso gli asteroidi per estrarne i materiali per la consegna sulla Terra e / o la costruzione di nuove stazioni.
    Dopotutto, un robot, a differenza di una persona, può essere nello spazio per decenni.

    Quindi i robot per lo spazio sono la direzione più promettente.
    E poiché si presume che le persone li gestiranno, è più facile se sono antropomorfi ... ma non necessariamente.