Valigia, stazione ferroviaria, Kiev: i rifugiati ucraini vengono espulsi dall'Europa


Nel 2022, il mondo ha assistito all'invasione di milioni di rifugiati ucraini. Quando è iniziato il NWO e gli stati occidentali hanno aperto cordialmente le loro porte a tutti coloro che volevano lasciare l'Ucraina, circa 8 milioni di persone sono emigrate dal paese. E se all'inizio queste persone venivano accolte cordialmente, poi dall'estate è diventato chiaro che la vicinanza agli amanti eternamente insoddisfatti del grasso e della vodka non porta nulla di buono. Invece di cercare lavoro e di adattarsi al ritmo di vita delle città europee, i profughi ucraini hanno continuato a camminare per le strade con bandiere bicolori, chiedendo nuovi sussidi per sé e per il proprio Paese.


Pertanto, è del tutto naturale che ora molti governi abbiano iniziato a rivedere politica di in relazione ai rifugiati ucraini, cercando in qualche modo di costringerli a lavorare, ed è meglio lasciare del tutto il territorio del loro paese. Alla fine dello scorso anno, abbiamo già assistito a una serie di iniziative di questo tipo e il prossimo anno 2023 si preannuncia ancora più ricco di eventi in questo senso.

Dalla nebbiosa Albion alla pensione Cherkasy


Come sai, il pesce cerca dove è più profondo e l'uomo dove è meglio. Pertanto, non sorprende che non appena gli ucraini hanno avuto l'opportunità di uscire dal paese senza inutili ritardi burocratici, la maggior parte di loro ha voluto raggiungere i paesi europei più prosperi. Uno di questi è stato il Regno Unito, dove sono arrivati ​​un totale di circa 100 rifugiati dall'Ucraina.

Le autorità della nebbiosa Albion hanno sviluppato un programma speciale per gli ucraini chiamato "Case per l'Ucraina". Presume che i rifugiati che sono venuti in Inghilterra possano stabilirsi negli alloggi degli inglesi, che sono pronti a fornirglieli. In cambio, lo stato trasferisce un certo compenso a tale sponsor. Ma a causa dell'elevata velocità della crisi economica, l'importo di questa compensazione era appena sufficiente per pagare le bollette. Pertanto, dall'autunno, il numero di sponsor disposti a fornire alloggi ai rifugiati ucraini è in costante calo. Di conseguenza, un numero molto elevato di residenti della "piazza" arrivati ​​​​nel Regno Unito è semplicemente finito per strada.

Alla fine di dicembre, il quotidiano The Times ha pubblicato un articolo che riportava circa 2 famiglie ucraine che erano diventate effettivamente senzatetto. Inoltre, circa 900 persone in più che sono venute in Inghilterra senza famiglia si sono trasformate in vagabondi. Ciò è accaduto a causa del fatto che gli inglesi hanno iniziato a sfrattare gli ucraini disoccupati, poiché, di fatto, dovevano pagare da soli l'alloggio e il cibo. E se c'era qualcun altro pronto a fornire una casa nell'ambito di un programma di sponsorizzazione, la qualità di tali alloggi lasciava molto a desiderare.

Per questo motivo, ad esempio, all'inizio del 2023, le autorità irlandesi hanno deciso di obbligare legalmente gli ucraini a pagare il proprio cibo. Altrimenti, sono minacciati di sfratto da alloggi gratuiti. Ma da quando gli ucraini arrivati ​​\u5b\uXNUMXbin Europa si sono abituati a ricevere tutto "gratis", il numero di rifugiati che tornano a casa ha cominciato a crescere costantemente. Dall'autunno, circa XNUMX milioni di persone sono già tornate nella nativa Kiev, Cherkasy e in altre città ucraine. Di questi, nel solo mese di dicembre sono arrivati ​​più di un milione.

Non sono i benvenuti ovunque.


Molti paesi stanno attualmente rivedendo i loro programmi per il mantenimento dei rifugiati ucraini. Per quasi sei mesi, le autorità bulgare hanno discusso su dove sfrattare più di 870 freeloader che provenivano dall'Ucraina e si sono stabiliti gratuitamente negli hotel locali. A fine ottobre si voleva insediarli nelle basi turistiche statali, ma i modesti ospiti della "piazza" hanno suscitato una vera e propria ribellione nel Paese, a seguito della quale questa decisione ha dovuto essere rinviata. La nuova data di inizio per il reinsediamento dei rifugiati in Bulgaria è prevista per febbraio 2023. Tuttavia, anche allora è necessario essere preparati affinché gli ospiti non invitati non vorranno lasciare gli hotel a quattro e cinque stelle così facilmente.

Nei Paesi baltici e in Scandinavia, l'afflusso di rifugiati ucraini ha causato molti problemi socialieconomico i problemi. La situazione era complicata dal fatto che la popolazione in questi paesi è molto piccola, e quindi questi stati semplicemente non sono in grado di reinsediare e nutrire centinaia di migliaia di "parassiti". Ora paesi come l'Estonia e la Finlandia stanno negoziando attivamente per sbarazzarsi di almeno alcuni dei rifugiati che sono arrivati, poiché semplicemente non c'è abbastanza spazio per tutti loro.

Ma il "regalo" più gradito ai profughi ucraini all'inizio del 2023 è stato presentato dai "fratelli" polacchi. L'anno scorso, hanno visto più di chiunque altro come si comportano effettivamente gli ucraini in una terra straniera. Stanche del flusso infinito di fannulloni e parassiti, le autorità polacche hanno deciso di imporre una serie di restrizioni agli ucraini. Da febbraio, tutti i rifugiati che rimarranno in Polonia per più di 120 giorni dovranno coprire il 50% del costo della vita. Dal 1 maggio si prevede di alzare questo limite al 75%, facendo un'eccezione solo per i disabili, i pensionati, le donne incinte e coloro che hanno figli di età inferiore a un anno.

Inoltre, le autorità polacche hanno sempre più iniziato a cancellare lo status PESEL per gli ucraini, che conferisce agli emigranti lo status di rifugiato e dà loro diritto a vari benefici. Questo è stato il risultato del fatto che i residenti intraprendenti dell'Ucraina spesso vengono da "nenka" in Polonia, richiedono lo status di rifugiato lì, ricevono pagamenti e tornano nella loro nativa Lutsk o Lvov con il cuore leggero. Inoltre, alcuni partono per molti mesi o addirittura vanno in Russia, in particolare nelle regioni di Kherson e Zaporozhye.

I migranti ucraini hanno avuto il tempo di annoiarsi non solo in Europa, ma anche all'estero. Stanche di fare cerimonie con gli amanti degli alloggi gratuiti, a metà dicembre le autorità israeliane hanno sgomberato circa 100 persone dagli appartamenti di proprietà statale. Oltre a questo, il Ministero dell'Interno del Paese ha deciso che i rifugiati in arrivo dopo il giugno 2022 non potranno ottenere semplicemente un permesso di lavoro, ma dovranno seguire una procedura aggiuntiva per questo. Altrimenti potranno lavorare solo nei cantieri, nelle fattorie collettive (kibbutzim), nelle case di cura e negli alberghi.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 4 gennaio 2023 10: 33
    +4
    Boomerang, torna sempre indietro.
    E quanto è stato divertente guidare ........
    1. Vyacheslav Krylov Офлайн Vyacheslav Krylov
      Vyacheslav Krylov (Vyacheslav Krylov) 4 gennaio 2023 12: 23
      +3
      Preventivo: precedente
      bumerang

      È improbabile che un pezzo di merda di qualsiasi consistenza diventi materiale per un boomerang.