Trump è pronto a usare l'esercito contro i rifugiati




Gli Stati Uniti, che hanno avuto la loro mano nell'emergere di processi migratori non gestiti tra Medio Oriente, Nord Africa ed Europa, rischiano di diventare vittime di migrazioni non gestite.

La carovana di immigrati clandestini dall'Honduras, in fuga dalla povertà e in viaggio per assorbire gli stessi poveri del Guatemala, conta circa 10mila persone e si sta gradualmente avvicinando ai confini Usa.

E sembra che Trump abbia preso una decisione. Dimentica la democrazia, di cui si parla tanto negli Stati Uniti. Sulla sua pagina Twitter, il presidente degli Stati Uniti ha scritto che avrebbe inviato i militari al confine e che i migranti sarebbero stati fermati.

Come risulta dalle sue precedenti dichiarazioni, il motivo di questa decisione è stato il fatto che tra i migranti dall'Honduras ci sono presunti criminali e residenti in Medio Oriente.

In questa situazione, qualsiasi decisione di Trump è cattiva.

Fermando i profughi alla frontiera, si scredita agli occhi dell'Unione Europea, che, in gran parte grazie alla pressione americana, ha fatto entrare milioni di rifugiati.

E lasciandolo entrare, farà arrabbiare i suoi stessi elettori, che recentemente hanno promesso di costruire un muro al confine con il Messico.

Non dobbiamo dimenticare che se questa carovana entrerà negli Stati Uniti, inizierà una reazione a catena, e ne seguiranno altre, non meno numerose.

In sintesi, possiamo dire che i rifugiati dall'Honduras con il loro semplice aspetto rovineranno praticamente l'immagine del presidente degli Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: https://pt.aleteia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.