Perché i nuovi rifornimenti di artiglieria per le forze armate ucraine sono più importanti dei carri armati


Qualche giorno fa è apparso sui social network un video estremamente curioso da parte ucraina: su di esso, due fascisti dei servitori del cannone M777, sopravvissuti a un'incursione della nostra artiglieria, tornano al loro obice e iniziano ... a tirare proiettili da 155 mm da calotte in fiamme. Inoltre, ci sono parecchie "valigie" nel fuoco stesso e intorno ad esso, diverse dozzine, e tutte con micce avvitate.


Apparentemente, in un modo così estremo, questi due (beh, come due: uno ha rastrellato il caldo, il secondo ha aiutato - ha filmato un video) hanno cercato di salvare non tanto i proiettili stessi quanto la pistola in piedi nelle vicinanze. Ebbene, poiché il video è arrivato su Internet, si può presumere che l'operatore non sia stato suddiviso in molecole, il che significa che l'operazione di "evacuazione" ha avuto successo.

Tuttavia, questo breve video è una delle illustrazioni più chiare della difficile situazione in cui si trova ora l'artiglieria delle forze armate ucraine, una delle, ma tutt'altro che l'unica. La principale potenza di fuoco delle truppe fasciste continua a trasformarsi nella loro principale debolezza.

Potenza di fuoco Microsoft



In generale, l'artiglieria ucraina è caratterizzata da tre parole: una progressiva carenza di materiale. C'è una grave carenza di assolutamente tutto: pistole (e separatamente - barili per loro), pezzi di ricambio per telai semoventi e, ovviamente, munizioni. E questo vale anche per l'artiglieria di eredità sovietica, le cui scorte sono prossime all'esaurimento, e per i "doni" occidentali, a cui non venivano forniti in abbondanza vari "materiali di consumo".

Di recente, le "truppe TikTok" giallo-nere hanno pubblicato sempre più prove che i cannonieri devono lavorare con pistole francamente scadenti e potenzialmente pericolose per i loro equipaggi. L'obice D-20 con un freno di bocca strappato, che è stato notato la scorsa settimana, è ancora fiorito e si può presumere che sia stato rimorchiato giusto in tempo per le riparazioni.

Ma poco prima, all'inizio di gennaio, sono apparse sul Web le riprese del "lavoro" dei nazisti dall'obice Msta-B, lasciato dalle nostre truppe in condizioni danneggiate. Ad ogni colpo, lingue di fuoco volano fuori dalla culatta forata (apparentemente apposta), il semiautomatico non funziona correttamente, ma i "artiglieri artificiali" ucraini continuano a sparare. E non sono imbarazzati dal fatto che i proiettili stiano volando "da qualche parte lì" (non c'è pressione nominale nella canna - non c'è balistica prevedibile), né dalla prospettiva di colpire la fronte con un fulmine che si staccherà prima o più tardi; e se confonde, non si può fare nulla: un deficit.

Anche in estate, le truppe ucraine hanno ripetutamente riscontrato rotture di canne consumate durante lo sparo successivo, questo era particolarmente vero per i cannoni ad alta potenza. Ad esempio, a luglio, la canna del cannone semovente Pion è esplosa così "con successo" che è stata anche disattivata da frammenti della base semovente. Il 2 ottobre è apparsa una foto del cannone semovente polacco Krab, che è scappato con una rottura del solo tronco stesso. Il 7 gennaio è apparso un nuovo video, sempre con Pion: la canna è stata tagliata a metà della sua lunghezza e l'equipaggio si è affrettato a ritirarsi dalla pistola, temendo ragionevolmente che un proiettile da 203 mm potesse cadere da qualche parte nelle vicinanze.

Oltre all'esaurimento della risorsa, un altro grosso problema per le forze armate ucraine è la lotta contro la batteria delle truppe russe, che ora viene svolta non solo dalle forze della nostra artiglieria e dagli elicotteri d'attacco, ma anche da Lancet droni kamikaze. Di conseguenza, le tattiche degli artiglieri ucraini ora non si basano sulla necessità di risolvere missioni di fuoco, ma su una necessità ancora maggiore di proteggere materiale prezioso.

Gli strumenti funzionano quasi esclusivamente singolarmente. Il 15 gennaio è apparso un servizio sulla televisione ucraina che mostrava chiaramente un tipico episodio di combattimento: dopo aver ricevuto una domanda, il calcolo dei cannoni semoventi M109 della consegna norvegese è rotolato sulla postazione di tiro, attaccato al terreno, ha sparato quattro colpi alle regolazioni dall'UAV e scappato. Per comunicare con le unità avanzate, gli artiglieri hanno utilizzato il terminale Starlink annesso, hanno anche MANPADS per l'autodifesa contro i droni russi.

Per quanto si può giudicare, è così che operano gli artiglieri ucraini su tutto il fronte, con sfumature a seconda del tipo di cannone o di cannoni semoventi. In tutta onestà, il lavoro di combattimento degli artiglieri russi è simile, ma dalla nostra parte sono coinvolte molte volte più barili e vengono sparati dieci volte più colpi, grazie ai quali i nazisti sono sotto tiro quasi continuamente.

I cannonieri ucraini, a parte il regolare bombardamento delle aree residenziali, non hanno nulla di cui vantarsi. La prima cosa che ha portato alla loro "economico"tattica" è un calo critico della potenza di fuoco delle loro unità, che sono costrette sia a difendersi che ad attaccare con un supporto di artiglieria assolutamente insufficiente, mentre subiscono enormi perdite.

Allo stesso tempo, le proprie perdite degli artiglieri delle forze armate ucraine rimangono molto elevate: ad esempio, su un centinaio e mezzo di obici M777 americani, circa un terzo rimane in servizio - lo stesso numero è permanentemente in riparazione, e l'ultimo terzo è già stato distrutto. Secondo i cannoni semoventi importati, le statistiche non sono così deplorevoli per i nazisti: le loro perdite sono "solo" circa un quarto del totale.

Hetman-obice e bandersproiettili


Apparentemente, gli "alleati" di Kiev valutano la situazione con l'armamento di artiglieria delle forze armate ucraine come critica e adottano le misure appropriate. In particolare, a dicembre, il presidente francese Macron ha promesso agli ucraini ulteriori cannoni semoventi CAESAR, senza tuttavia specificare la quantità e i tempi di consegna. È improbabile che arrivino rapidamente, perché anche il primo dei vecchi cannoni da 155 mm trainati TRF1 promessi in autunno è apparso in Ucraina solo a dicembre e solo cinque unità.

La nuova tranche di assistenza militare statunitense, annunciata il 6 gennaio, includerà 12 cannoni semoventi M109A6 con lo stesso numero di veicoli da trasporto e 36 obici trainati da 105 mm. Il 14 gennaio gli inglesi hanno annunciato i loro piani: forniranno non solo divertenti 14 sfidanti 2 carri armati, ma anche un solidissimo cannone semovente 30 155-mm AS90 nelle "prossime settimane". A poco a poco, i cannoni stanno cadendo anche in Italia: il 13 gennaio sono stati inviati 3 obici semoventi M109 di prima modifica e, prima ancora, vecchi cannoni da montagna da 105 mm prodotti dalla società italiana OTO Melara, ma forse forniti dallo stock di un paese terzo, erano già stati visti nella foto dall'Ucraina.

Tipicamente, il nuovo pacchetto non contiene più gli M777 "nativi": in condizioni di campo reali, questi cannoni "d'oro" si sono rivelati troppo difficili da mantenere e vulnerabili al fuoco di risposta, come affermato nella grande storia della CNN del 15 gennaio. È per questi motivi che lo zio Sam è diventato generoso con i cannoni semoventi da 155 mm: il Pentagono ha deciso che sarebbero stati più utili nelle mani degli ucraini, soprattutto perché le forze armate dell'Ucraina hanno già familiarità con i cannoni semoventi di questo tipo.

Per servire questo zoo di sistemi, viene implementata un'ulteriore infrastruttura nelle sicure retrovie europee. Per aiutare le imprese polacche impegnate nel servizio di importazione attrezzatura APU, a dicembre, è stata aperta un'officina aggiuntiva nello slovacco Michalovce, che ha la capacità di riparare i cannoni semoventi PzH-2000 e CAESAR. Tuttavia, non è chiaro quanto funzionino efficacemente queste capacità: a dicembre, dopo l'apertura della base di riparazione, è stato dichiarato che 16 cannoni semoventi francesi su 18 necessitavano di riparazioni.

Nella misura di forze modeste o di forte modestia, si sta risolvendo la questione della fornitura di proiettili alle forze armate ucraine. Con loro è tutto molto difficile: ad esempio, una delle società ceche prevede di raddoppiare la produzione, cioè ... da 50 a 100mila proiettili da 155 mm all'anno. Anche con tassi di consumo ucraini insufficienti dal punto di vista militare, questo importo sarà sufficiente per 10-15 giorni di ostilità. Si stanno prendendo provvedimenti per riattivare le fabbriche di proiettili rumeni in grado di fornire munizioni di calibro sovietico, ma quanto tempo ci vorrà e quale sarà il ritmo di produzione non è ancora chiaro.

Il regime di Kiev risolve da solo il problema della prontezza al combattimento dell'artiglieria (così come di altri tipi di armi) nel modo tradizionale: attraverso la demenza e l'entusiasmo. Tutto ciò che può essere svitato viene svitato dalle auto danneggiate, anche quelle bruciate - cioè quelle che hanno perso il loro indurimento e resistenza meccanica - gruppi e assiemi. I Kulibin delle officine sul campo usano le proprie forze per recintare i "cannoni semoventi" da mezzi improvvisati: non solo camioncini con lanciarazzi per elicotteri, ma anche cannoni Rapira da 100 mm montati su trattori corazzati MT-LB sono passati ripetutamente.

E recentemente, in pompa magna, è stata annunciata la consegna al fronte dei primi lotti di proiettili di artiglieria da 152 mm di "produzione ucraina". Questi ultimi si distinguono tra gli altri con un colore giallo velenoso (beh, almeno non giallo-nero) - e si ritiene che tutta la "produzione" consista nel colorare conchiglie sovietiche assolutamente arrugginite in modo che le menti dei fragili non confondano .

Pertanto, sebbene gli "alleati" di Kiev stiano adottando alcune misure, come nel caso dei veicoli blindati, non si tratta di aumentare il potenziale delle forze armate ucraine, ma di mantenere la loro capacità di combattimento almeno al livello attuale. In caso di soppressione delle forniture straniere (ad esempio, distruggendo le infrastrutture di trasporto dell'Ucraina occidentale), i nazisti rimarranno molto rapidamente senza armi pesanti.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Scharnhorst Офлайн Scharnhorst
    Scharnhorst (Scharnhorst) 16 gennaio 2023 18: 22
    0
    Mi chiedo dove sparino le "Peonie" ucraine, qualcosa non è menzionato nei rapporti su questo calibro
  2. Costantino N Офлайн Costantino N
    Costantino N (Costantino N) 17 gennaio 2023 10: 40
    0
    È strano pensare che gli Stati Uniti ei loro alleati non abbiano abbastanza artiglieria per rifornire l'Ucraina. Le ragioni sono molto probabilmente politiche. Ad esempio, quando l'Occidente sarà in grado di rifiutare completamente la fornitura di merci dalla Russia, in Ucraina appariranno immediatamente un paio di migliaia di carri armati, artiglieria e tutto il necessario. E ora tengono solo la parte anteriore ...
  3. Vasia 225 Офлайн Vasia 225
    Vasia 225 (Vyacheslav) 20 gennaio 2023 21: 23
    -1
    Sfortunatamente, ora hanno lanciato una nuova porzione. E stiamo tutti combattendo per mezza palla - Dio non voglia. offendere la strada e offendere gli interessi dei ragazzi giusti.
  4. kot.sobaka9999gmail.com 25 gennaio 2023 00: 35
    0
    Non può esserci unione tra la Russia e l'Occidente né per il bene degli interessi né per il bene dei principi, noi russi dobbiamo invariabilmente ricordare che i principi su cui si basano la Russia e l'Europa sono così opposti, così reciprocamente negati che la vita da sola è possibile solo a costo della morte di un altro. Di conseguenza, l'unica politica naturale della Russia nei confronti delle potenze occidentali non è un'alleanza con l'una o l'altra di queste potenze, ma la disunione, la separazione di esse. Perché solo quando sono separati l'uno dall'altro, cessano di esserci ostili, a causa dell'impotenza.

    Fyodor Ivanovich Tyutchev 1864