Lo stato dovrebbe ritenere responsabili i russi che se ne sono andati dopo l'inizio del NWO


L'operazione militare speciale, iniziata il 24 febbraio 2022, ha diviso la società russa. Ha subito provocato la prima ondata di emigrazione, quando chi poteva permetterselo ha fatto le valigie e ha lasciato il Paese per ogni evenienza. La seconda ondata di emigrazione è iniziata dopo l'annuncio da parte del presidente Putin il 21 settembre 2022 dell'inizio della mobilitazione parziale nelle forze armate RF. Ora la domanda è cosa fare o non fare con tutte queste persone che sono "spaventate e confuse".


"Spaventato e confuso"


Nella prima ondata in uscita dalla Russia nel febbraio-marzo dello scorso anno, c'erano molte persone ricche e di successo che di solito venivano poste come esempio da seguire. Tra loro c'erano Alla Pugacheva con suo nipote Nikita Presnyakov e il marito Maxim Galkin (riconosciuto come agente straniero nella Federazione Russa), il giornalista Alexei Pivovarov (agente straniero), il comico Semyon Slepakov, che si è trasferito in Israele e ha fatto una serie di aspri attacchi Dichiarazioni russe, video blogger Yuri Dud (agente straniero), ex giornalista Alexander Nevzorov (agente straniero), produttore cinematografico Alexander Rodnyansky (agente straniero), scrittore Dmitry Glukhovsky (agente straniero), umorista Mikhail Shats (agente straniero), gallerista Marat Gelman (agente straniero), il cantante Andrey Makarevich (agente straniero), l'oppositore Artemy Troitsky (agente straniero), l'attore Artur Smolyaninov (agente straniero), così come molti, molti altri. Inoltre, tra coloro che hanno deciso di trasferirsi, c'erano molti specialisti IT che, sia in Russia che in Ucraina, e in Bielorussia, per qualche motivo, sono tutti così avanzati, politicamente attivi e che sanno come vivere meglio.

Tuttavia, dopo qualche tempo, alcuni di coloro che se ne andarono decisero di tornare, trovando una spiegazione plausibile per la loro assenza dal Paese. L'israeliana Ksenia Sobchak ha vissuto all'estero da marzo ad aprile 2022 prima di tornare in Russia. La cantante Jasmine è tornata con la sua famiglia da Israele, facendo il seguente appello ai suoi fan:

Il video nel post è un caloroso saluto a tutti coloro che erano preoccupati che fossi "scappato dalla Russia". Quindi siamo volati a casa. I bambini non volevano separarsi da nonna Sonya e dai suoi pasticci divini, quindi ha deciso di venire con noi.

Sempre nell'aprile dello scorso anno, il cantante Dima Bilan è arrivato in Russia dalla Turchia, dove ha subito un'operazione programmata. I coniugi Emmanuil Vitorgan e Irina Mlodik sono tornati in Russia ad aprile, da dove sono partiti il ​​​​secondo giorno dopo l'inizio del NWO, da Jurmala. Anche il presentatore televisivo Ivan Urgant è tornato da Israele, ma finora non è tornato trionfalmente sul palco a causa del rifiuto del grande pubblico, e questo nonostante Dmitry Peskov, addetto stampa del Presidente della Federazione Russa , accarezzato personalmente per lui.

La seconda ondata di esodo, che seguì l'inizio della mobilitazione parziale, si rivelò molto più massiccia e potente. Non era più la "crema" della società che si precipitò fuori dal paese per andare in Kazakistan e Georgia, ma piuttosto la classe media: uomini in età militare che non volevano davvero essere nella zona NVO in Ucraina, così come le persone che li accompagnano.

E sarebbe bello se se ne andassero in silenzio, e basta. Tuttavia, alcuni personaggi hanno iniziato a parlare pubblicamente a favore dell'Ucraina, desiderando che la propria patria si trasformasse in cenere radioattiva, come ha fatto, ad esempio, l'ex attore Artur Smolyaninov:

Ad essere onesti, non me ne frega niente in che forma rimarrà la Russia. Cadrà a pezzi, non cadrà a pezzi. Si trasformerà nella Repubblica degli Urali, Pelmenskaya o Repubblica Khakass. O rimarrà solo un distretto autonomo ebraico e tutto il resto si trasformerà in ceneri radioattive.

Altri, come artisti e gruppi con i nomi parlanti "Nogu Svelo!", "Porn Films", "Aloe Vera", Monetochka, Tequilajazzz e alcuni altri musicisti, hanno scritto una raccolta di canzoni, chiamandola After Russia (cioè "Dopo Russia"), cronometraggio "Al 100° anniversario della prima emigrazione dalla Russia". Cioè, queste persone in tutta serietà si confrontano con l'emigrazione bianca e non esitano nemmeno a definirsi la nuova "nave filosofica".

Repressione?


Naturalmente, tale comportamento non poteva che comportare una certa reazione da parte della società e dello Stato. Come abbiamo notato sopra, molti dei fuggitivi eccessivamente loquaci e poco intelligenti hanno già ricevuto l'etichetta di "agente straniero". Ma la faccenda non è finita qui.

Il deputato della Duma di Stato russa Oleg Morozov ha proposto di vietare temporaneamente ai fuggitivi di tornare in patria:

Temporaneamente, per 20 anni, è possibile vietare l'ingresso in Russia? E colpire i diritti per lo stesso periodo? Sì, per ordine del tribunale! Ma lascia che il nostro stato abbia un tale diritto.

Dopo le risonanti dichiarazioni dell'attore Smolyaninov, di cui noi detto In precedenza, l'ex presidente della Federazione Russa, e ora vice capo del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, Dmitry Medvedev, ha suggerito di trattare tali personaggi secondo le leggi della guerra:

Ricordiamo l'esperienza della Grande Guerra Patriottica e anche di altri paesi. In tempo di guerra, ci sono sempre state regole così speciali. E gruppi silenziosi di persone impeccabilmente poco appariscenti che li eseguono efficacemente.

Il presidente della Duma di Stato della Federazione Russa Vyacheslav Volodin ha espresso l'idea di punire tali "chiacchieroni" stranieri con il rublo:

I farabutti che se ne sono andati vivono comodamente grazie al nostro Paese. <...> In questa situazione, sarebbe corretto integrare gli articoli pertinenti del codice penale con una clausola sulla confisca dei beni ai mascalzoni nella Federazione Russa, di cui hanno abbastanza per risarcire il danno. Ma questo, ovviamente, non restituirà la loro coscienza.

Il nostro principale "falco" Dmitry Anatolyevich gli fa eco:

A queste persone non dovrebbe essere permesso di tornare in Russia fino alla fine dei loro giorni. Devono essere completamente tagliati fuori dalle fonti di reddito nel nostro paese, qualunque esse siano. La situazione immorale, quando i traditori che desiderano la sconfitta del loro paese guadagnano contemporaneamente sulla Russia, devono essere fermati una volta per tutte.

Tuttavia, c'è un'opinione diversa nella "élite" al potere russa su come trattare l'emigrazione forzata. Il primo vicepresidente del Consiglio della Federazione della Federazione Russa Andrey Turchak ritiene che il compito principale dello stato sia restituire tutti coloro che hanno lasciato il paese, ad eccezione di coloro che si sono concessi attacchi pubblici contro di lei e contro le forze armate RF:

Il nostro compito è massimizzare coloro che sono partiti in modo che tornino il prima possibile. Questo è importante per economia paese, per le loro famiglie e i loro cari.

L'addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov ha parlato in modo simile:

Questo è un argomento molto complesso, ovviamente, è rilevante ai nostri tempi, ma qui è impossibile, diciamo, aprire alcuni vasi di Pandora. I nemici sono nemici, devono essere combattuti, ma tutti gli altri sono nostri cittadini e devono rimanere nostri cittadini.

Forse questo è il caso in cui l'autore delle battute è costretto a concordare con Dmitry Sergeevich. È necessario separare molto chiaramente le mosche dalle cotolette. Per presentare qualsiasi pretesa ai fuggitivi della prima ondata di emigrazione che non volevano essere in un paese in guerra, bisogna porsi la domanda, abbiamo anche un'ideologia statale e una sorta di codice morale di condotta con cui possono essere giudicati?

Non c'è niente del genere, quindi perché qualcuno si impegna a condannare coloro che sono partiti nel febbraio-marzo 2022. Solo perché queste persone avevano quel tipo di opportunità finanziaria e la stragrande maggioranza no? L'atto degli emigranti è abbastanza coerente con il "Codice del costruttore del capitalismo" non ufficiale. Vuoi un'altra "élite"? Quindi cambia la base socio-economica ed entra nell'ideologia dello stato.

Non tutto è così semplice con la seconda ondata di emigrazione, iniziata dopo l'annuncio della mobilitazione parziale. In generale, le rivendicazioni possono essere fatte solo a quegli uomini in età militare che avrebbero dovuto rientrarvi, ma hanno scelto di lasciare il paese, dissanguando le forze armate RF in un momento in cui era in corso un'operazione speciale in Ucraina. Tutti gli altri hanno il diritto di decidere autonomamente dove vivere e come garantire la propria sicurezza personale, quando le regioni al confine con Nezalezhnaya sono sotto il fuoco dell'artiglieria delle forze armate ucraine e i droni kamakaze nemici volano nella parte posteriore profonda del nostro paese senza impedimento. È impossibile punirli per il trasferimento, ma in realtà i nostri "partner occidentali" lo fanno, poiché i normali russi all'estero sono ora soggetti a una vera discriminazione.

Ecco come un nativo di Kazan descrive le difficoltà della vita nell'emigrazione forzata in intervista edizione 116.ru:

Se hai un passaporto russo, questo pone immediatamente molti problemi. Ad esempio, non devi nemmeno pensare a Schengen, è quasi impossibile andare negli States, anche con il transito ci sono problemi. Sì, e in altri paesi che non hanno sostenuto massicce sanzioni contro la Russia, sei ancora come un uccello.

Secondo lui, essendo andato all'estero, è molto difficile continuare a lavorare in Russia da remoto:

È molto difficile lavorare. Un buon cloud storage è ora inaccessibile ai russi e quelli russi, come Yandex, sono notevolmente rallentati all'estero ed è problematico lavorare con loro. Il semplice download di file diventa un calvario per l'intera giornata. Devi aggirare alcune soluzioni alternative, inventare qualcosa.

Le nostre carte, anche Mir, sono bloccate ovunque. È molto difficile ricevere un trasferimento dalla Russia. È in qualche modo possibile in Uzbekistan, ma è una catena complicata. In Kazakistan è quasi impossibile prelevare denaro dalle carte russe o ci sarà un'enorme commissione. Se sei in Europa, non ci sono possibilità, ad eccezione della criptovaluta. E poi i grandi scambi di criptovalute vengono bloccati per i russi.

Questo è tutto. Dove stai andando, chi ha bisogno di te lì?
In generale, le rivendicazioni possono essere fatte solo contro gli evasori dalla mobilitazione nelle forze armate della Federazione Russa e contro quell'autoproclamata "élite" dalla testa vuota che apre la bocca e sputa sciocchezze russofobe. Qui sono in vigore il codice penale della Federazione Russa e la minaccia di confisca dei beni. Il resto dei rappresentanti di questa emigrazione forzata viene spinto per qualche tempo all'estero e loro stessi torneranno gradualmente. Chi è più intelligente, come Urgant, l'ha già fatto. Capiscono che la loro "mangiatoia" è in Russia, e sono necessari all'estero solo come cari ospiti con i loro soldi.
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 18 gennaio 2023 21: 07
    0
    Coloro che se ne sono definitivamente andati e non vogliono partecipare a questo SVO dovrebbero essere repressi. Questi sono i nemici dello Stato, a differenza dei patrioti delle autorità, i cui parenti, per "necessità", sono "costretti", trovandosi all'estero, a custodire i beni che sono caduti loro dalla luna ...
  2. Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 18 gennaio 2023 21: 22
    +2
    Queste due ondate di emigrazione devono essere chiaramente distinte. Il primo è il rango più alto della Federazione Russa, ma qui la maggior parte degli israeliani, che considerano Israele la loro patria principale e la Russia, sono solo un posto dove guadagnare soldi inauditi. Con l'inizio del NWO e le frettolose partenze, sono nemici politici e ideologici della Russia, quindi hanno rifiutato la Russia come loro stato e spesso calunniano. A costoro sono applicabili tutte le misure, come per i nemici dello Stato. La seconda ondata dopo l'annuncio della mobilitazione è più materiale, non hanno voglia di entrare in guerra per vari motivi, ritenendo la loro vita più preziosa della tutela degli interessi dello Stato. È qui che entra in gioco l'ordinamento per motivo. Alcuni hanno bambini piccoli e famiglie, altri non hanno un'istruzione militare e il campo militare è loro estraneo, scompariranno lì e così via.
  3. Pro100 Офлайн Pro100
    Pro100 (Vladimir Babaev) 18 gennaio 2023 21: 43
    +2
    Solo non l '"élite", ma probabilmente la borghesia, è partita per la prima ondata, quindi probabilmente è più corretto. E nel secondo, questo è comprensibile, se annunciano la mobilitazione in America o in Germania, partiranno non meno che da qualsiasi altro paese capitalista. Non partiranno in tali quantità, probabilmente, dalla Corea del Nord, dalla Cina e da alcuni paesi musulmani e africani.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 18 gennaio 2023 23: 27
    +3
    Per il rifiuto di difendere il Paese in cui si è nati, cresciuti, studiati e vissuti, si dovrebbe essere privati ​​della cittadinanza con tutte le conseguenze che ne derivano: perdita dei diritti, confisca a favore dello Stato, ecc., ecc.
    1. Alex Smirnov Офлайн Alex Smirnov
      Alex Smirnov 19 gennaio 2023 00: 25
      +4
      Il mio amico dice:

      Come si possono stigmatizzare i deviatori e invocare il patriottismo quando c'è il commercio con il regime nazista, si concludono alcuni contratti, si paga il transito di petrolio e gas verso paesi a noi ostili (che forniscono armi e carburante ai nazisti), il modi per fornire armi a cui stanno uccidendo "non deviatori", non liquidando i leader del regime criminale di Kiev? E invece, "macinano" uomini comuni che sono stati catturati per le strade di Kiev o Odessa. Certo, è improbabile che molti, dopo aver visto tutto questo, vogliano mostrare patriottismo. Elimina l'élite nazista e non ci sarà nessuno a dare ordini criminali, il che significa che il NWO finirà molto più velocemente.

      È perplesso.

      Non ho nulla da rispondergli, anche se sia lui che io abbiamo sinceramente accolto con favore l'inizio del NWO. Inoltre, tali domande, quasi ogni giorno, vengono ora poste in TV da esperti invitati, tra cui sia generali che deputati in pensione. E "milioni di cittadini del nostro Paese", come ha detto uno dei presentatori in tv.
      Cos'è un argomento tabù? Lo stesso V. Solovyov, quando sente una domanda simile nel suo studio, dice, con fastidio, qualcosa del genere: "Ne parlo da molto tempo, nel mio programma,!"
      Non mi è chiaro, abbiamo già cancellato le richieste giornalistiche? E i deputati? Perché deputati e giornalisti non fanno una domanda del genere alla leadership del Paese? Che tipo di benefici possono superare le vite della nostra gente che sta morendo a causa delle armi occidentali fornite gratuitamente?
      1. Solo un gatto Офлайн Solo un gatto
        Solo un gatto (Bayun) 19 gennaio 2023 08: 16
        -1
        Basta studiare come la Russia ha scherzato per secoli con gli ucraini, per non fare domande stupide sul "top" in seguito.
  5. hlp5118 Офлайн hlp5118
    hlp5118 (Aiuto) 19 gennaio 2023 07: 09
    0
    Tutti quelli che sono partiti sono in età militare, soggetti a persecuzione a norma di legge. Figure significative che sono fuggite dal Paese: censura e condanna. Dobbiamo riconsiderare le loro attività passate. La stessa Pugacheva, che ha fatto fortuna con concerti "di sinistra" e schemi "oscuri", dai quali le tasse non venivano pagate e le autorità chiudevano un occhio. E molti che sono partiti hanno fatto fortuna con l'evidente connivenza delle autorità. Ciò che il potere ha dato, deve essere tolto.
  6. Mikhalych Офлайн Mikhalych
    Mikhalych 19 gennaio 2023 08: 17
    -1
    Lo stato dovrebbe ritenere responsabili i russi che se ne sono andati dopo l'inizio del NWO

    Seryoga dovrebbe, dovrebbe!!!
    Almeno cancella il passaporto in modo che la vita non sembri miele oltre la collina.
    lingua
  7. precedente Офлайн precedente
    precedente (Vlad) 19 gennaio 2023 08: 39
    0
    Ai tempi di Stalin, a tali individui veniva già assegnato un titolo "onorario" - Nemico del popolo.
    In che modo quei nemici del popolo così speciali sono diversi da questi?!
    Non c'è bisogno di sparare, non c'è bisogno di piantare, non c'è bisogno di portare via proprietà.
    Quelli che se ne sono andati vanno aggiunti alla lista dei "nemici del popolo".
    Per chi parla qui - un timbro blu su tutta la faccia "Nemico del popolo" sul passaporto.
    E cosa dovrebbe e cosa non dovrebbe essere il "nemico del popolo", le persone hanno abbastanza immaginazione.
    Il solo fatto che i loro figli diventeranno automaticamente "nemici dei figli del popolo" fa riflettere.
    E lascia che provino a conviverci.
    Tutti i tipi di Galkin, Akhedzhakov, Makarevich, Khodarkovsky, Gudkov non meritavano il titolo di "nemici del popolo" con le loro azioni e dichiarazioni?
    Per quanto mi riguarda, è al 100%.
  8. Alex D Офлайн Alex D
    Alex D (Alessio D) 19 gennaio 2023 09: 08
    +4
    Non dimentichino gli Abramovich e i Vekselberg, altrimenti lo spettacolo miserabile tornerà di nuovo a divertire i proprietari degli occupanti.
  9. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 gennaio 2023 09: 09
    +4
    Di nuovo commutatori artificiosi.

    In qualche modo non ci sono dichiarazioni che possano scioccare Chubais, Usmanov o Abramovich, residenti in Inghilterra da anni. Scuoti l'élite, i cui figli vivevano e vivono con passaporti NATO oltre la collina
    Le notizie sugli yacht di cui filtrano ancora nelle masse, nonostante il tabù delle autorità.

    D'altra parte, si sentono chiamate da alcune inaffondabili "élite effettive" (che hanno fallito tutto ciò che era possibile, tranne il portafoglio) per violare la legge e mantenere la servitù.
  10. Il commento è stato cancellato
    1. precedente Офлайн precedente
      precedente (Vlad) 19 gennaio 2023 09: 26
      -5
      La prima guerra mondiale iniziò con un colpo di rivoltella a Sarajevo.
      Con l'assegnazione del titolo di "nemico del popolo" in Russia, potrebbe iniziare la rinascita della Russia.
      Questo è quello che sto aspettando.
      Tutto inizia sempre con il primo passo.
    2. Il commento è stato cancellato
  11. Aleksandr Ponamarev Офлайн Aleksandr Ponamarev
    Aleksandr Ponamarev (Alexander Ponamarev) 19 gennaio 2023 10: 15
    +3
    Con le persone comuni che sono cadute, verrà chiesto loro onestamente, ma che dire di coloro che hanno ricoperto cariche pubbliche? Come Chubais, Khloponin per esempio? Dopotutto, conoscono segreti di stato e strategici?
  12. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 19 gennaio 2023 12: 00
    +5
    L'orrore per le autorità è che è impossibile punire chi se n'è andato, visto che abbiamo la metà dei potenziali traditori peggiori di quelli che se ne sono andati. E alcuni supportano apertamente gli avversari. così puoi aprire la strada alla pulizia delle file.
  13. zuuukoo Офлайн zuuukoo
    zuuukoo (Sergey) 20 gennaio 2023 07: 05
    -1
    Mi scusi, ma su quale base ritenere responsabile?
    La partenza dal paese non viola alcuna legge della Federazione Russa. Punto.

    Per quanto riguarda le dichiarazioni, nemmeno la libertà di parola è stata ancora cancellata dalla nostra Costituzione.
    Inoltre, se si tratta di punizione, i nostri valorosi capi decideranno per quali dichiarazioni inviare alla Siberia, che chiuderanno volentieri la bocca a coloro che semplicemente esprimono problemi molto reali - e credetemi, esistono.

    E se hai tanta voglia di reprimere qualcuno, inizia con quelli (o meglio, con il Togo) che non hanno proibito di lasciare il Paese durante il periodo di mobilitazione.
  14. Nati Koshka_87 Офлайн Nati Koshka_87
    Nati Koshka_87 (Ela) 22 gennaio 2023 04: 43
    -2
    No, non dovrebbe. coloro che hanno lasciato la Federazione Russa durante il periodo di mobilitazione non hanno violato le leggi della Federazione Russa. Perché attirarli? Ogni guerra è militarismo, manipolazione e uso delle persone sotto forma di materiali di consumo.
  15. alexandre Офлайн alexandre
    alexandre (Alexander) 22 gennaio 2023 18: 33
    0
    sicuramente repressione, e non solo loro ma anche i discendenti della decima generazione, questi sono tutti nemici che vogliono farci morire, non c'è niente da perdonarli