La Russia ha bisogno di un lontano "Pakistan Stream"


Come ha affermato il giorno prima il ministro dell'Energia russo Nikolai Shulginov, Mosca sta conducendo negoziati sostanziali con Islamabad sulla costruzione del gasdotto Pakistan Stream e non vede particolari ostacoli alla sua attuazione. Allo stesso tempo, la partecipazione di Gazprom a questo progetto energetico non è prevista. Come è successo e la Russia ha bisogno di un altro gasdotto da qualche parte là fuori?


Il ministro Shulginov ha commentato così le intenzioni delle parti in un'intervista all'edizione estera di The Nation:

Il gasdotto Nord-Sud, ribattezzato Pakistani Stream, è di grande importanza sia per la Russia che per il Pakistan. Il governo della Federazione Russa presta grande attenzione a questo problema. Tuttavia, l'approccio all'attuazione di tali progetti dovrebbe essere globale, il che significa non solo la costruzione del gasdotto stesso, ma anche la disponibilità di una fonte di gas per esso. E ora stiamo discutendo del progetto sia in termini di trasporto di gas rigassificato e gasdotto dall'Iran o tramite TAPI.

GNL rigassificato, gasdotto iraniano e turkmeno? In effetti, l'interesse del nostro "tesoro nazionale" per questo progetto, a prima vista, non è visibile. Ma solo per il primo.

Il gasdotto Nord-Sud andrà dal porto di Karachi, nel sud del Pakistan, dove è stato costruito un terminale di ricezione del GNL, a Lahore, nel nord del Paese, dove è prevista la costruzione di centrali elettriche a gas. La sua lunghezza dovrebbe essere di 1,1 mila chilometri, capacità - da 12,4 a 16 miliardi di metri cubi all'anno e costo, tenendo conto dell'inflazione - da 2 a 2,5 miliardi di dollari. L'appaltatore della costruzione era inizialmente la parte russa rappresentata dalla controllata di Rostec RT Global Resources, che avrebbe dovuto possedere una partecipazione di controllo nel progetto, sostenere fino all'85% dei costi e agire come operatore del gasdotto per i successivi 25 anni.

Tuttavia, dopo che la società statale nazionale è caduta sotto le sanzioni occidentali, l'appaltatore è stato sostituito e la quota della parte pakistana è aumentata al 74%. Anche il nome del gasdotto è stato cambiato in "Pakistan Stream". Si prevede di pompare GNL rigassificato, gas turkmeno o persino gas iraniano attraverso il sistema di gasdotti, e qui non c'è odore di Gazprom. Qual è allora l'interesse della parte russa, oltre alla costruzione e alla gestione?

Innanzitutto, va tenuto presente che il Pakistan è un mercato del gas estremamente promettente e in rapida crescita. Assorbirà tutte le risorse energetiche che verranno consegnate lì e chiederà ulteriori supplementi. Per la Russia, davanti alla quale l'Europa viene artificialmente chiusa, prendere piede nel mercato energetico del sud-est asiatico in generale e in Pakistan in particolare è un compito strategicamente importante.

In primo luogo, Islamabad potrà diventare un acquirente di GNL russo se i satelliti americani inizieranno a rifiutarlo per motivi politici. In particolare, il progetto Sakhalin-2 ora serve principalmente il Giappone, ma devono ancora arrivare tutte le principali "grattugie" di Mosca e Tokyo per quanto riguarda le Isole Curili. Il gas naturale liquefatto proveniente dagli impianti Sakhalin-2, Yamal LNG e Arctic LNG-2 LNG potrà quindi essere inviato via mare in Pakistan, dove verrà costruito un sistema di distribuzione del gas in tutto il Paese.

In secondo luogo, la Russia oggi ha raggiunto un livello senza precedenti di riavvicinamento con l'Iran, dove ci sono enormi giacimenti di petrolio e gas. Il Cremlino ha recentemente firmato un accordo con la Repubblica islamica per investire fino a 44 miliardi di dollari per costruire lì nuovi gasdotti, ha spiegato il ministro del petrolio iraniano Javad Ouji:

Abbiamo firmato un memorandum d'intesa con la Russia del valore di 4 miliardi di dollari per lo sviluppo dei giacimenti, nonché un accordo sulla costruzione di gasdotti e impianti per la produzione di gas naturale liquefatto per un importo di 40 miliardi di dollari.

40 miliardi di dollari in alcuni nuovi gasdotti? Molti soldi! Dove possono andare questi volumi aggiuntivi di gas? Se guardi la mappa, a est dell'Iran c'è il Pakistan e oltre - l'India. È del tutto possibile che stiamo parlando della creazione di un intero consorzio internazionale per la fornitura di gasdotto iraniano al vicino Pakistan e all'India, dove la Russia agirà come co-investitore e operatore.

C'è un'alta probabilità che anche la Cina sia coinvolta nel progetto, dal momento che è Pechino che ha agito come investitore nella costruzione di un terminale GNL a Karachi. Ovviamente, per la RPC, si tratta di un tentativo di diversificare i rischi del blocco della Marina americana dello Stretto di Malacca, poiché, se necessario, un gasdotto può essere esteso alla RPC dal porto pakistano e dal suo sistema di condotte. Sì, non sarà così facile farlo attraverso le montagne, ma i cinesi non hanno paura delle difficoltà.

In terzo luogo, a lungo termine, la nostra Gazprom potrà ancora aderire direttamente al progetto. Fino a poco tempo fa, il progetto del gasdotto TAPI era visto come anti-russo. Tuttavia, avrebbe dovuto fornire 33 miliardi di metri cubi di gas all'anno dal Turkmenistan attraverso l'Afghanistan e il Pakistan fino all'India! Era oggettivamente vantaggioso sia per Mosca che per Pechino se Ashgabat fosse saldamente legata ai mercati russo e cinese. Tuttavia, dopo l'inizio del NWO in Ucraina, molto è cambiato.

Ora il mercato europeo si sta gradualmente chiudendo prima di Gazprom e deve cercare nuovi mercati di vendita nel sud-est asiatico. C'è un notevole grado di probabilità che nel quadro della "tripla unione del gas" annunciata dal Cremlino tra Mosca, Astana e Tashkent era supposto entrare a far parte di TAPI ampliandone la capacità. Il gas del gasdotto russo attraverserebbe quindi il territorio del Kazakistan e dell'Uzbekistan fino al sud-est asiatico. Ma questa chiaramente non è una questione del prossimo futuro.

Si scopre che il lontano "Pakistan Stream" è molto, molto redditizio per le società energetiche e metallurgiche russe.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 19 gennaio 2023 14: 44
    +1
    La partecipazione a tali progetti di costruzione su larga scala è sempre redditizia, sia economicamente che politicamente. La Federazione Russa ha una buona esperienza nella costruzione di gasdotti e nella produzione di tubi. Qui, anche una pipa darà un profitto sufficiente. Sicuramente bisogno di partecipare a tali progetti.
    1. Vladimir80 Офлайн Vladimir80
      Vladimir80 19 gennaio 2023 16: 19
      0
      Qui, anche i tubi da soli daranno un profitto sufficiente

      a cui? michelson e volpe?
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 gennaio 2023 15: 33
    +1
    Il ceppo è chiaro, redditizio.
    Tubi, profitto, posa, condivisione, interesse, profitto, denaro, emirati, immobili.

    Si parla del Cremlino, investimenti, volumi, ma non investimenti e tasse...
  3. Vladimir80 Офлайн Vladimir80
    Vladimir80 19 gennaio 2023 16: 18
    +2
    assicurare assicurare assicurare
    Il destino dei torrenti del nord non ci ha insegnato niente???? e dicono anche che hoh.lov ha dei pagliacci al governo !!!
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 19 gennaio 2023 17: 21
    +2
    Il Pakistan ha stretti legami con gli Stati Uniti ed è vicino ai principali fornitori mondiali di petrolio e gas.

    prima di Gazprom, il mercato europeo sta chiudendo e ha bisogno di cercare nuovi mercati

    ma non c'è e non ci sarà un vero sostituto per l'UE, e quindi tutte le speranze per il commercio con l'UE attraverso intermediari
  5. sat2004 Офлайн sat2004
    sat2004 19 gennaio 2023 17: 37
    +3
    Certo, dobbiamo aiutare il Pakistan, che è sull'orlo del default, nella produzione di proiettili per aiutare l'Ucraina. Recentemente NEZZAVIIMAYA GAZETA ha commentato le consegne.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 19 gennaio 2023 18: 01
      -2
      Alcuni commenti sono chiaramente pessimisti e unilaterali: se mele, poi marce, se miele, poi amare. Questo si chiama impegno politico, o unilateralità. Non tutto va così male nella Federazione Russa e la tendenza al miglioramento è chiaramente definita.
  6. lavoratore dell'acciaio 19 gennaio 2023 20: 14
    +1
    Mosca sta intrattenendo colloqui sostanziali con Islamabad sulla costruzione del gasdotto Pakistan Stream

    Niente cambia. La mia testa è piena di un solo pensiero: "Commerciare con la Patria!" È necessario cambiare l'intera politica economica dello stato, e sono tutti loro.
  7. Costantino N Online Costantino N
    Costantino N (Costantino N) 21 gennaio 2023 09: 25
    0
    sì, solo gli Stati Uniti diranno all'India, o risorse dall'Iran e dalla Russia, o nessuna tecnologia occidentale come in Cina. in teoria possono? ci sono molti paesi in Asia che costruiranno volentieri fabbriche occidentali, il Vietnam è iniziato.