Servono investitori privati ​​per creare una costellazione di satelliti russi?


L'operazione militare speciale in Ucraina ha dimostrato chiaramente il nostro tecnologico in ritardo rispetto all'Occidente collettivo. Utilizzando la costellazione di satelliti della NATO, le forze armate dell'Ucraina hanno una seria superiorità rispetto alle forze armate RF nell'intelligence e nelle comunicazioni, che determina in gran parte il successo del nemico sul campo di battaglia. Ovviamente qualcosa deve essere fatto al riguardo, ma cosa?


Probabilmente il suggerimento più popolare che emerge regolarmente nei commenti su questo argomento è quello di iniziare ad abbattere i satelliti occidentali o disabilitarli in massa in modo radicale come un'esplosione nucleare in orbita. Perché questa è una cattiva idea, noi detto in precedenza e sono giunto alla conclusione che la risposta più ragionevole sarebbe quella di creare il nostro analogo di StarLink. E così le autorità russe hanno iniziato a cercare Ilonov Maskov nel proprio paese.

Che cos'è, Pushkin?


Secondo i resoconti dei media, il 16 gennaio 2023 è stato firmato a Mosca un accordo di intenti tra il governo della Federazione Russa, la società statale Roscosmos e le società commerciali che parteciperanno alla creazione delle costellazioni di satelliti russi e delle infrastrutture di terra per la manutenzione dei veicoli spaziali ed elaborazione dei dati. In conformità con questo documento, entro il 2030, dovrebbe essere formato un sistema spaziale informativo unificato della Federazione Russa, dovrebbe essere formato un unico spazio informativo e dovrebbero apparire promettenti sistemi spaziali di nuova generazione. L'attuazione di traguardi e obiettivi così ambiziosi passerà attraverso l'attrazione di società commerciali e investimenti privati ​​nell'industria spaziale.

Tutto sembra dall'esterno come la liberalizzazione della cosmonautica domestica, in cui, a quanto pare, dovrebbero iniziare a nascere le Ilona Masks domestiche. Ovviamente Roskosmos, che in precedenza non tollerava i concorrenti interni, non è riuscita a preparare il Paese a una guerra con un nemico ad alta tecnologia, e ora dovrà avvicinarsi al "trogolo" di bilancio. Ricordiamo che nella Federazione Russa sono già stati fatti tentativi di creare società spaziali private, senza successo a vari livelli.

Il progetto più realistico è stato Sea Launch, acquisito dalla società russa C7 Space Transport Systems. Tuttavia, a causa dell'impossibilità di utilizzare i veicoli di lancio Zenit ucraini dal 2020, lo spazioporto galleggiante è rimasto inattivo in Estremo Oriente. L'avvio è congelato a causa di sanzioni a tempo indeterminato, sono in corso trattative per trasferire costose infrastrutture allo stato rappresentato da Roscosmos.

Un altro progetto di spazio privato domestico fallito è CosmoKurs, fondato nel 2014 da Pavel Pushkin, laureato al MAI ed ex dipendente del Khrunichev Center. La compagnia operava nell'ambito della Fondazione Skolkovo e si poneva come obiettivo lo sviluppo del turismo spaziale privato: un volo suborbitale a un'altitudine di 200 km per 15 minuti. Il costo di un biglietto è stato ipotizzato a livello di 200-250 mila dollari, il numero di lanci - almeno 120 all'anno. I piani della "Maschera russa" includevano la creazione del proprio veicolo di lancio leggero e persino la costruzione di un cosmodromo privato da qualche parte nella regione di Nizhny Novgorod.

Nonostante il fatto che l'investitore del progetto fosse un privato, o forse è stato grazie a questo che CosmoKurs è morto da tempo nel 2021. Secondo Pushkin, il motivo principale della chiusura sono stati i numerosi ostacoli burocratici da parte dello Stato. Di conseguenza, l'attività principale dell'azienda iniziò a ridursi allo sviluppo cartaceo delle giustificazioni per il superamento di varie procedure di autorizzazione.

Le maschere si resettano


Tuttavia, c'è un'altra startup spaziale in Russia, il cui futuro è visto come molto più roseo. Si tratta della società privata Reusable Transport Space Systems (MTKS), che nel 2020 ha concordato con Roscosmos la costruzione di un veicolo spaziale da trasporto riutilizzabile chiamato Argo:

Il 1 settembre 2020, ROSCOSMOS State Corporation e MTKS LLC hanno firmato un accordo di cooperazione, sulla base del quale MTKS LLC interagirà con le imprese russe dell'industria missilistica e spaziale, che fanno parte della società statale, al fine di creare un riutilizzabile sistema di trasporto spaziale e, in particolare, veicolo spaziale di trasporto riutilizzabile "Argo". Inoltre, la firma di questo accordo, secondo l'intenzione delle parti, servirà da sviluppo per la creazione di una moderna base produttiva per la fabbricazione di parti e strutture composite della futura nave.

Argo è un veicolo spaziale riutilizzabile progettato per trasportare merci alla Stazione Spaziale Internazionale. Esternamente ricorda molto la nave "Federation", successivamente ribattezzata "Eagle". E non c'è da stupirsi, perché lo sviluppo di Argo è guidato da Nikolai Bryukhanov, l'ex progettista generale della navicella Orel sviluppata da Roscosmos. Perché il cielo sopra la prima navicella spaziale russa privata sembra senza nuvole?

Sì, perché il fondatore di MTKS LLC è Dmitry Kakhno, che allo stesso tempo dirige la società Energia-Logistics (una filiale di RSC Energia, di proprietà di Roscosmos). E questo fatto ci fa dare una nuova occhiata all'iniziativa per espandere il partenariato pubblico-privato attorno alla creazione della costellazione spaziale russa.
Ecco come il nuovo capo di Roscosmos Yuri Borisov ha commentato i piani per aumentare la produzione di satelliti:

La base per costruire la costellazione orbitale sarà la produzione in serie, che sarà costruita da Roscosmos. Ma dobbiamo seguire le tendenze globali e aprire il mercato agli investimenti privati, seguendo l'esempio di Stati Uniti, Europa e Cina. La firma di questo accordo è il primo passo verso l'attuazione pratica dei nostri piani.

E cosa succede nel residuo secco? Dare a Elon Musks domestici l'opportunità di creare le proprie nuove produzioni caricandole di ordini dallo stato per accelerare la creazione di un gruppo orbitale è una storia. Ma consentire ai commercianti privati ​​​​affiliati alla stessa Roscosmos di sedersi sul collo sotto le spoglie di investitori benefattori, essendo arrivati ​​​​a tutto pronto, è una storia completamente diversa.

Vedremo entro il 2030, e forse molto prima, cosa verrà fuori da questa partnership pubblico-privato nel settore spaziale.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 23 gennaio 2023 13: 49
    0
    Probabilmente gli esperti stranieri stanno ridendo e gli esperti nazionali stanno sputando.

    Tutti i progetti non statali all'interno del Paese sono stati strangolati (anche il dipartimento del "ricco" S7 sembra essere stato liquidato, e il capo dell'argomento .... è morto in un incidente aereo. Mi ricorda qualcosa .. ..), molti progetti interstatali sono partiti, il denaro è stato ottimizzato, i progetti sono stati chiusi, appartamenti VIP acquistati per patrioti...

    Gli americani sfoggiano nuove scoperte, nuove super foto dal telescopio .... contro le foto del ponte di Crimea e di Mosca di notte dalla stazione attraverso l'oblò .....
    1. Neltone Офлайн Neltone
      Neltone (Oleg) 23 gennaio 2023 14: 33
      -1
      Roskosmos, che in precedenza non tollerava i concorrenti interni, non riuscì a preparare il Paese alla guerra

      Citazione: Sergey Latyshev
      Strangolato tutti i progetti non statali all'interno del paese

      27 dicembre nella città di Shchelkovo, nella regione di Mosca, nell'edificio amministrativo e dei servizi costruito della Spacecraft Assembly Production (SPKA) LLCGazprom SPAK»
      ...
      un impianto di produzione di satelliti, la cui messa in servizio è prevista per il 2023. Il primo prodotto realizzato presso il sito Gazprom SPKA LLC sarà il satellite ottico SMOTR-V per il telerilevamento della Terra, che permetterà di risolvere un'ampia gamma di problematiche produttive e ambientali. La creazione del satellite "SMOTR-V" è inclusa nel progetto federale "Sphere". Gli impianti di produzione dell'SPKA sono progettati per l'assemblaggio e il collaudo simultaneo di un massimo di 4 veicoli spaziali di classe media e pesante e fino a 100 piccoli veicoli spaziali nell'organizzazione della produzione di massa

      Sotto questo aspetto. Gazprom Space Systems non è Roskosmos.

      Per quanto riguarda le affermazioni secondo cui Roskosmos non è riuscito a farcela, questa è una questione di priorità statali.
      Ci sarebbe un compito e un finanziamento per la creazione di un'adeguata costellazione di satelliti, ci sarebbe una base potente per la produzione di componenti - le richieste sarebbero appropriate.

      Nell'ambito di ciò che era, con grande difficoltà hanno innalzato la vita utile dei satelliti - prima con l'ausilio di una base di componenti straniera, poi con la stessa difficoltà - con un graduale abbandono di essa.
      Compreso - tutti i prodotti ucraini.
      Incidenti di lancio ridotti.
      Hanno costruito Vostochny e hanno dominato la produzione di Angara.

      Vediamo come nelle nuove condizioni creeranno (o non creeranno) lo stesso Smotr-V, "Sphere", Express-AMU4.
  2. Vasia 225 Офлайн Vasia 225
    Vasia 225 (Vyacheslav) 24 gennaio 2023 09: 42
    0
    E con quanta sicurezza Rogozin andava sulla luna mentre i suoi assistenti scavavano soldi.
  3. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 24 gennaio 2023 10: 48
    0
    Iz quello che hanno escogitato,,,, Lo Stato stesso e senza concorrenza farà la sua preoccupazione tra 30 anni, l'importante è fare più pasta. Non hanno fretta. E c'è stato un tempo sotto il regime sovietico, quando non permettevano alle persone di lavorare sui problemi più importanti in un unico posto. Ci sono sempre stati diversi KB e i produttori sono diversi.
  4. usm5 Офлайн usm5
    usm5 (Giorgio) 25 gennaio 2023 00: 35
    0
    Mi scusi, ma l'articolo è assurdo. L'autore sostiene che i sistemi che ci spiano, assegnano designazioni di bersagli ad armi ultra precise e forniscono comunicazioni al nemico sul campo di battaglia non dovrebbero essere distrutti. E poi come se qualcosa non avesse funzionato. Come, invece, dare al capitale privato la possibilità di appendere la stessa cosa nello spazio. Lascia che ti chieda: questa "stessa cosa" salverà le nostre città dai proiettili guidati dal GPS, nasconderà la posizione delle nostre truppe e la principale infrastruttura industriale agli occhi del nemico? Non capisco come sia possibile condurre un'operazione militare segreta, se gli occhi e le orecchie della NATO sono appesi sopra la tua testa tutto il giorno? È una specie di ragazzo intelligente che ha accettato uno spazio così "democratico"? Oserei assicurarvi che non appena gli Stati Uniti vedranno un pericolo simile nella costellazione di satelliti russi, dichiareranno immediatamente sovrano lo spazio esterno sul proprio territorio e, senza inutili sentimentalismi, disabiliteranno tutto ciò che non gli piace. Per fare questo, hanno sviluppato caccia spaziali. Uno di questi è il Kh-37, che, con il suo "micrometeorite", ha disabilitato la nostra nave attraccata alla stazione spaziale internazionale, e prima ancora, diversi satelliti militari della Federazione Russa, che misteriosamente hanno fallito, deorbitato e bruciato nell'atmosfera . Mi sembra ancora che la Russia deliberatamente non abbia fatto grandi scommesse sulla costellazione di satelliti, poiché in caso di guerra nucleare vengono tutti semplicemente distrutti dalla detonazione di cariche nucleari specializzate nello spazio, i cui principali fattori dannosi sono le radiazioni di neutroni e impulso elettromagnetico. Ma i paesi della NATO hanno legato quasi tutte le loro armi e sistemi di controllo del combattimento ai satelliti. Pertanto, abbiamo urgentemente bisogno di "sbucciare questo tallone d'Achille". E questo deve essere fatto in primo luogo, prima di utilizzare armi nucleari tattiche. Se, a causa della loro stupidità, non sono stati in grado di creare combattenti spaziali, significa colpire in un modo sviluppato in era sovietica... E avere paura e sbavare per la loro "risposta" è il destino dei codardi, delle persone di mentalità ristretta o dei traditori . Non combatteranno senza una costellazione di satelliti. Dovranno fare i conti con l'alterazione delle loro armi e dei loro sistemi di controllo per molto tempo. E se perdiamo la nostra costellazione di satelliti, allora al diavolo. Ma tutti ricominceranno da zero. E salveremo la vita di migliaia, e forse milioni di nostri cittadini.