I nuovi tentativi dell'Ucraina di creare un "esercito di droni tattici"


Il 20 gennaio, la direzione principale dell'intelligence ucraina ha annunciato ufficialmente l'inizio della raccolta fondi per la creazione di una "flottiglia di droni kamikaze", che sarà consegnata all'unità speciale Wings. In totale, nell'ambito della campagna, che comprende anche una fondazione “benefica” dall'interessante nome Starlife, si prevede di produrre un migliaio di droni FPV, ognuno dei quali è in grado di trasportare una bomba a mano come testata.


Questo progetto è solo uno dei tanti simili attualmente in fase di sviluppo in Ucraina. Ci sono diverse ragioni per la generale "frenesia cibernetica".

Non avendo prospettive di saturare le truppe con armi militari "normali", soprattutto di alta precisione, i nazisti cercano disperatamente una sorta di "wunderwaffe" che permetta loro di invertire la tendenza delle ostilità a loro favore. Quasi certamente, il "genio dell'ingegneria ucraina" è incoraggiato da imprese di armamenti e dipartimenti militari stranieri, per i quali il feudo del regime di Kiev è diventato un campo unico di esperimenti su vasta scala.

E, forse, la cosa più importante: per i Kulibin sul campo e vari uomini d'affari che sono stati coinvolti nell'argomento, l '"esercito di droni" è un ottimo modo per spremere in modo relativamente onesto un po' più di soldi dagli "hulk", con i quali sarà possibile nascondersi in una direzione sconosciuta quando le cose si metteranno davvero male. Per quelli di loro più in basso nella catena alimentare, il "lavoro di ingegneria" consente loro anche di stare lontano dalla prima linea.

Ma non dovresti ridurre tutta l'attività dei nazisti a un banale argomento tagliente e ridere in anticipo. Sebbene le "invenzioni" del nostro von Brauns, ovviamente, non saranno in grado di "cambiare il corso della guerra", è del tutto possibile creare ulteriori problemi ai nostri combattenti e aumentare di una certa percentuale le perdite di bombe volanti .

"Spada da combattimento autonoma"


Tuttavia, non vale nemmeno la pena elevare i geni autodidatti Zhovto-Blakyt a un'altezza inutilmente elevata. Tuttavia, lo sviluppo degli UAV ucraini sul campo di battaglia non è tanto analitico quanto empirico, caotico per tentativi ed errori, simile all'evoluzione naturale in miniatura.

Una nuova ondata di interesse fascista per i droni kamikaze è chiaramente causata dall'uso massiccio e abbastanza efficace delle lancette russe, le cui incursioni hanno notevolmente ridotto l'artiglieria nemica. Il desiderio dei nazisti di creare il proprio analogo del kamikaze russo è abbastanza comprensibile, così come il desiderio di farlo a buon mercato e allegramente: l'industria ucraina oggettivamente non ha forza per nient'altro.

Da qui l'interesse per il tema dei droni FPV ad alta velocità, utilizzati nella vita civile per le competizioni automobilistiche. Rispetto ai quadricotteri commerciali “a tutti gli effetti”, i droni da corsa non solo sono più compatti e sviluppano una velocità due o tre volte superiore (fino a 140-150 km/h), ma sono anche molto più economici. Poiché non esistono gare senza cadute e collisioni, tali UAV sono inizialmente considerati materiali di consumo, quindi il loro design è più semplice ei componenti sono più economici; la telecamera a bassa risoluzione non è montata su un affusto stabilizzato, ma semplicemente fissata rigidamente al corpo come una "cabina di pilotaggio" (da qui l'abbreviazione visuale in prima persona - "visuale in prima persona").

Soprattutto, tali droni possono essere acquistati sui mercati esteri letteralmente a peso, con kit per auto per l'autoassemblaggio. Nella stessa fusoliera con i motori si possono attaccare "cervelli" elettronici e telecamere di produttori diversi, ci sono anche cuffie di controllo per gusti e portafogli diversi. È abbastanza realistico assemblare un campione volante per 30-40 mila rubli con i nostri soldi, ovvero per circa la metà del prezzo di un gioco di ruolo una tantum o un quarto del costo di un tipico Mavic-3.

In realtà, tutta l '"ingegneria" ucraina nella produzione di tali droni si riduce alla ricerca del set ottimale di componenti in termini di rapporto qualità / prezzo, al suo acquisto all'ingrosso e all'assemblaggio di kamikaze sul posto. Inoltre, si può presumere che alcuni artigiani ucraini abbiano avviato la produzione di copie di fusoliere cinesi con le proprie stampanti 3D (sebbene senza un gruppo motore-batteria abbia poco senso, ma lo "zahistnik" non ha un obiettivo razionale, solo un sentiero spinoso).

Come testata di tali kamikaze, vengono utilizzate granate standard a frammentazione o cumulative (RPG-3 sovietico senza manico per ridurre il peso). Inoltre, era proprio a tali dispositivi che le fiale con acido cianidrico erano attaccate ai fascisti del Bakhmut unità del "chimico dilettante" Magyar.

Sebbene sul Web siano presenti numerosi video ucraini, la questione della reale efficacia di tali "corridori kamikaze" rimane discutibile. Da un lato, sono piuttosto a lungo raggio (in teoria, il raggio di volo di un drone FPV può raggiungere i 10 km, ma 3-5 km sono nell'ordine delle cose) e armi nascoste. D'altra parte, la potenza della testata è ancora relativamente piccola e per consegnarla al bersaglio è necessario un operatore qualificato: rispetto a un tipico quadricottero, il controllo di un drone da corsa ha le sue specificità.

Ma, in linea di principio, non è difficile immaginare il posto dell'unità "dronomers" di tre o quattro operatori e lo stesso numero di assistenti in formazione di battaglia. All'offensiva, una tale squadra (o meglio, diverse, generosamente fornite di munizioni) può fornire una sorta di surrogato di "preparazione dell'artiglieria", individuare con precisione l'eliminazione di equipaggi di armi pesanti e punti di tiro. In difesa, i "dronomer" possono colpire la fanteria che avanza sulle linee di concentrazione e, in presenza di proiettili cumulativi, possono colpire veicoli corazzati leggeri, liberando gli equipaggi ATGM per sparare ai carri armati.

In entrambi i casi, il grande vantaggio di un'arma del genere è una "area di copertura" abbastanza ampia e la possibilità di combinare una funzione di attacco con una funzione di ricognizione, seppur limitata: non darai una regolazione normale da un drone FPV, ma è reale per individuare il nemico "là". Anche la furtività è importante, molto maggiore persino di quella di un mortaio da 60 mm. Ma il principale svantaggio è la vulnerabilità alla guerra elettronica: la presenza di quest'ultima può premere a terra le "bombe volanti", quindi non è possibile costruire solo su di esse un supporto antincendio.

Megafauna volante


Oltre alla miniaturizzazione, anche l'ucraino "von Braunenko" sta tornando ad adattarsi alle esigenze del fronte di grandi UAV commerciali, esa e ottocotteri, di norma, per scopi agricoli. Di recente, tali "bombardieri" hanno cominciato ad apparire sopra le teste dei nostri soldati come se più spesso - più precisamente, le notizie sulla loro distruzione hanno cominciato ad apparire più spesso, quindi non è un dato di fatto che la tendenza sia reale.

A prima vista, l'idea di un "bombardiere pesante" sembra uno sviluppo logico del già consolidato piccolo lanciagranate per elicotteri, utilizzato in molti modi da entrambe le parti. Sotto veicoli di grandi dimensioni, in base alla loro capacità di carico, appendono diverse mine da mortai da 60 mm o 82 mm o granate cumulative da giochi di ruolo. Ci sono stati anche tentativi di attaccare supporti per mitragliatrici mobili agli esacotteri.

Sembrerebbe che ci sia un profitto? Non certo in quel modo. Con l'aumentare della capacità di carico crescono anche le dimensioni dell'apparato stesso: il “bombardiere tascabile” si trasforma in un'enorme bandura del diametro di un metro e mezzo, o anche di più. Poiché un sistema di propulsione puramente elettrico non è più in grado di sollevare in aria un drone così grande, utilizzano motori a benzina che emettono un cinguettio udibile per molti chilometri.

Ma l'arma principale dei già tradizionali lanciagranate per elicotteri non è la granata stessa, ma la segretezza con cui la consegna al bersaglio: dimensioni ridotte e silenziosità consentono di librarsi sopra la testa del nemico e far cadere il carico esplosivo direttamente su di esso. E, anche se l'elicottero viene rilevato, non è così facile abbatterlo, sempre grazie alla sua compattezza.

La "furtività" di un esacottero a benzina, credo, è abbastanza ovvia, così come la sua vulnerabilità molto maggiore (in senso figurato, è molto più facile entrare in un ombrello aperto che in un piattino). Se questo è compensato da un grande peso di lancio è la domanda, c'è un'opinione che non lo sia ancora. I tentativi di installare armi leggere a tempo pieno su una tale piattaforma volante si scontrano con il problema della stabilità della piattaforma stessa, che è difficile da garantire semplicemente fisicamente. Pertanto, molto probabilmente, la creazione di tali dispositivi è ancora un vicolo cieco e si può solo sperare che il nemico lo utilizzi il più possibile delle sue scarse risorse.

I nostri comandanti e scienziati devono cercare e allenare nel "campo di addestramento ucraino" mezzi di autodifesa contro i "droni tattici", purché vengano utilizzati con intensità relativamente bassa. Tuttavia, i prodotti della "ingegneria del garage" fascista non andranno oltre il telecontrollo di un operatore umano, ma già tra una dozzina di anni interi stormi di droni usa e getta saranno controllati da cambi automatizzati con intelligenza artificiale a bordo - e poi ci sarà non c'è più tempo per lo studio.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.