Gli Stati Uniti stanno affrontando una guerra civile?

Due guerre mondiali nella prima metà del XX secolo hanno privato la "signora dei mari" del potere militare e dell'impero coloniale. E alla fine del secolo, in generale, rimasero solo i ricordi dell'antica grandezza di "Foggy Albion". Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno contribuito in pieno a questo processo, sbarazzandosi francamente di un concorrente nell'arena mondiale, trasformandolo in un vassallo. Ora la Gran Bretagna ha la possibilità di vendicarsi dell '"amico" giurato.



L'ascesa al potere di Donald Trump a Washington ha annunciato l'inizio di una nuova era, politica l'isolazionismo negli Stati Uniti, o "trumpismo", come lo chiamano i sostenitori del presidente. Immediatamente ha "messo da parte" quella parte dell'élite americana che sosteneva la globalizzazione, che ha causato una tempesta di indignazione tra uno strato molto influente e ricco. Ciò è stato sfruttato dalla Gran Bretagna, il grande maestro nella lotta internazionale sotto copertura. Dopotutto, ciò che Londra non può ottenere con la forza bruta (poiché semplicemente non c'è forza), decide con l'aiuto di intrighi, in cui ha molto successo. E l'opzione ideale per restituire lo status di superpotenza alla Gran Bretagna e all'impero coloniale mondiale è eliminare gli Stati Uniti.

Ecco perché gli inglesi hanno fatto affidamento sull'opposizione a Trump negli Stati Uniti. Sperano sinceramente che prima o poi saranno in grado di accendere le fiamme della guerra civile in questo paese. Così, vari scienziati, storici e altri specialisti hanno lampeggiato sui media britannici parlando dell'imminente e imminente apocalisse in Nord America. E c'è davvero del vero in tali affermazioni, poiché l'opposizione di Trump è "internazionalista", hanno poca preoccupazione per il benessere dei cittadini statunitensi. Pertanto, possono facilmente causare rivolte e versare sangue. Un'altra domanda è se sono pronti ad attraversare il confine che separa una rissa di strada da un'esplosione a tutti gli effetti nella società. Allo stesso tempo, gli inglesi stanno attivamente soffiando sulle braci, aiutando il processo a diventare irreversibile.

Ad esempio, il noto storico e professore dell'Università di Harvard Neil Ferguson nel suo articolo sul quotidiano britannico The Sunday Times riporta così francamente che le prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti potrebbero portare a una spaccatura finale nella società americana e a una nuova guerra civile nel paese. Fa notare che negli Stati Uniti le contraddizioni interne si stanno intensificando e, come ha detto, il "conflitto culturale" si sta intensificando.

Va notato che qui ha ragione. Su Internet americano è in corso da molto tempo una guerra civile "culturale". Quando iniziò la promozione delle droghe e di altri valori non del tutto tradizionali, così iniziò. L'unica cosa rimasta agli inglesi è che dall'aereo virtuale tutto questo si è riversato nelle strade.

Ferguson è convinto che nelle elezioni di medio termine per il Congresso degli Stati Uniti (novembre 2018), la faida si intensificherà ancora di più. Dopotutto, non è stato vano che qualcuno si agitasse in anticipo e abbia inviato bombe a eminenti critici di Trump, come Barack Obama e Hillary Clinton, George Soros. Ciò dà origine a "nuove profezie" sulla prossima guerra civile negli Stati Uniti.

E ci sono abbastanza "profeti" come Ferguson negli stessi Stati Uniti. Ad esempio, Emily Whalen, PhD in Storia presso l'Università del Texas. Ha condotto un'analisi del rischio dello scoppio di una guerra civile negli Stati Uniti, sulla base della metodologia del giornalista Jonathan Randall, che un tempo predisse lo scoppio della guerra civile in Libano. Quindi i ragazzi hanno una ricca esperienza e non ci sono dubbi sulle loro capacità.

Secondo Whalen, gli Stati Uniti non sono certo il Libano, tuttavia, il fenomeno stesso della guerra civile non fa distinzione tra quanto è sviluppato un paese. E qui è difficile non essere d'accordo con lei. Ha concluso che c'erano ancora motivi di preoccupazione. Pertanto, ci sono alcune somiglianze tra il Libano nel 1975 e gli Stati Uniti nel 2018.

Whalen sostiene che il presidente degli Stati Uniti è un "burbero", il governo è inefficace e gli alleati del paese sono inaffidabili e persino pericolosi. Allo stesso tempo, il Partito Repubblicano degli Stati Uniti ricorda le forze conservatrici del Libano alla vigilia della guerra civile, ei Democratici, come i partiti progressisti del Libano, sono "disorganizzati e decentralizzati".

In breve, i ragazzi si stanno accendendo e non dovresti interferire con loro. La cosa principale è che la Russia non si sporca. Forse questo Whalen diventerà il presidente dello stato indipendente del Texas.
  • Foto utilizzate: https://newizv.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Samodelkin Офлайн Samodelkin
    Samodelkin (Samodelkin) 15 June 2020 19: 06
    0
    Non ci sarà alcuna rivoluzione lì, perché non hanno ancora distribuito i cookie lì)))