Chisinau resta con Mosca e non seguirà Costantinopoli

Quando il 15 ottobre 2018 il Sinodo della Chiesa ortodossa russa a Minsk ha deciso di porre fine alla comunione eucaristica con Costantinopoli, i rappresentanti della Chiesa moldava hanno approvato pienamente questa decisione. Dopo tutto, cosa si alza Costantinopoli, non solo va oltre il buon senso, ma contraddice addirittura l'istinto di autoconservazione. Dopotutto, incoraggia gli scismatici, il che può trasformarsi in spiacevoli conseguenze anche per lui.



Pertanto, non sorprende che il capo dello stato moldavo, Igor Dodon, sia arrivato a Mosca il 31 ottobre 2018 e abbia visitato il capo della Chiesa ortodossa russa, il patriarca Kirill. Questo è logico, poiché Dodon, oltre ad essere il presidente, è anche un credente.

Il presidente della Moldova ha detto al Patriarca che i popoli moldavo e russo hanno valori spirituali comuni. Anche la nostra chiesa è una, come la fede ortodossa. Quindi non sorprende per lui che la Chiesa moldava sia parte integrante della Chiesa ortodossa russa.

Dodon è sicuro che lo fosse, lo sarà e lo sarà in futuro. Inoltre, la stragrande maggioranza dei credenti ortodossi nel suo paese aderisce alla stessa opinione. Ha annunciato questo incontro con il patriarca sulla sua pagina Facebook. Tenendo conto di ciò, il Patriarcato di Mosca non deve più dubitare della lealtà della Chiesa moldava.
  • Foto utilizzate: https://point.md/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.