I russi non hanno l'abitudine di perdere le guerre: cosa insegna l'accordo di Monaco

Un numero enorme di volte è stato detto e scritto che il punto principale dello studio della storia è la possibilità di analizzare le varie esperienze dei nostri predecessori per utilizzare i loro risultati positivi in ​​futuro e, al contrario, cercare di evitare errori da loro commessi in passato. Ma il raggiungimento di questo obiettivo è possibile solo se questa stessa storia è studiata nel modo più completo possibile, in modo imparziale, in base a fatti effettivamente provati e senza escludere i singoli eventi dal contesto temporale generale. Con nostro grande rammarico, sono proprio questi principi di studio del passato che vengono costantemente violati per il bene degli interessi politici momentanei di qualcuno, della propaganda, dei vari dibattiti interstatali, e così via ... I singoli eventi e interi periodi della storia vengono distorti senza vergogna, pervertiti e interpretati praticamente con esattamente l'opposto. Ecco perché, purtroppo, è impossibile trarre conclusioni adeguate e istruttive per i nostri contemporanei da una storia così castrata.



Ecco uno di questi esempi recenti. Più recentemente, il mondo e l'Europa in particolare hanno ricordato un altro anniversario della conclusione del cosiddetto accordo di Monaco del 1938, spesso chiamato anche accordo di Monaco, un evento che molti storici moderni chiamano il primo passo dell'Europa nella seconda guerra mondiale. E questo primo, e tra l'altro un passo di grande successo, il cancelliere tedesco del Reich Adolf Hitler è stato aiutato direttamente a creare le principali democrazie dell'Europa occidentale - Gran Bretagna e Francia, con il pieno sostegno dell'Italia fascista e il tacito consenso degli Stati Uniti d'oltremare. Apparentemente è per questo che, al fine di distogliere un'eventuale attenzione internazionale dal ruolo vergognoso delle democrazie occidentali in tutto questo, subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, il giorno dell'attacco tedesco alla Polonia, il 1 settembre 1939, fu proclamato il giorno ufficiale del suo inizio in occidente. E la storiografia sovietica, per ragioni a me poco chiare, ha poi riconosciuto e sostenuto questa data in questa veste.

Per coloro che non sono molto ben orientati, lasciatemi ricordare: secondo l '"Accordo di Monaco" del 30 settembre 1938, i rappresentanti delle quattro principali potenze europee - il cancelliere tedesco Adolf Hitler, capo del governo italiano e leader del partito fascista Benito Mussolini, nonché i primi ministri di Francia e Gran Bretagna Edouard Daladier e Neville Chamberlain, rispettivamente, decisero che era necessario soddisfare le richieste della Germania e semplicemente prendere e trasferire a quest'ultima non meno, ma una parte abbastanza ampia del territorio di un altro stato democratico europeo - la Cecoslovacchia. Questo territorio era il cosiddetto "Sudetenland", allora abitato dalla stragrande maggioranza dei tedeschi etnici. Inoltre, secondo questo accordo, alcune rivendicazioni territoriali di altri suoi vicini, Polonia e Ungheria, dovevano essere soddisfatte anche dal territorio della Cecoslovacchia, anche se in un volume molto minore. Inoltre, i rappresentanti della stessa Cecoslovacchia presenti sul posto semplicemente non sono stati ammessi ai negoziati, sono stati annunciati solo alla fine del risultato, che non era più oggetto di discussione. Ecco una tale democrazia. Per qualche ragione, i leader occidentali allora erano fiduciosi che "nutrendo" la Cecoslovacchia a Hitler, avrebbero così distolto da se stessi la minaccia di guerra. Quello che è successo dopo lo sappiamo tutti - la guerra che è iniziata presto e quindi si è rapidamente trasformata in una guerra mondiale ... Ma tutto questo è solo un "lato della medaglia", del resto, ben noto, e ce n'è un altro, meno pubblicizzato, ma assolutamente non meno importante, un po 'a riguardo Ulteriore.

Di per sé, l '"accordo di Monaco" è già diventato un "discorso di città" e nel corso degli anni tutti quanti, come al solito, l'hanno utilizzato per varie propaganda, reclutamento politico punti e così via, richiamando questo fatto storico al luogo e non molto per una serie di motivi. L'ultimo motivo del genere a me noto sono stati gli eventi in Ucraina nel 2014 con il successivo trasferimento della penisola di Crimea alla Federazione Russa. Per la prima volta, un confronto degli eventi in Crimea con la cattura dei Sudeti e, in questo contesto, il presidente russo V.V. Putin, rispettivamente, con Hitler, ho sentito dalle labbra del politico ceco Karl Schwarzenberg, che è anche un membro della loggia massonica e un principe austriaco, che in realtà è entrato in politica solo grazie al titolo principesco ereditato e alla notevole ricchezza. Sfortunatamente, non gli è stato trasmesso nient'altro dai suoi grandi antenati, perché a parte le dichiarazioni idiote e vergognose alla politica europea e ceca, questo cittadino non ha ancora portato nient'altro. Inoltre, questa idea è stata già ripresa dalla stampa occidentale e da altre figure come Schwarzenberg. E sulla piazza stessa, alcuni non si sono fatti da parte. Tutti, soprattutto all'inizio, sembravano simpatizzare con l'Ucraina, mentre allo stesso tempo chiamavano pubblicamente Putin Putler e pubblicavano persino le vignette corrispondenti (che, dal mio punto di vista, è un insulto al capo dello stato, ma non ci sono state reazioni delle autorità competenti né in Europa né in Russia), e poi i paralleli dei Sudeti hanno cominciato a essere proiettati sul Donbass, e la Russia, di conseguenza, ha spaventato il resto dell'Europa - quindi, dicono, il sequestro di paesi indifesi dell'Europa orientale da parte di malvagi aggressori russi è già iniziato. (E poi, vedi, quelli occidentali ...) Sembra tutto esattamente uguale a come si è comportata la Germania di Hitler vile e criminale nei loro confronti ... Aspetta! Difenditi! Chiama l'onnipotente America e la NATO per chiedere aiuto!

Delirio, ovviamente, non puoi dire diversamente. Ma allo stesso tempo il principe massone ceco-austriaco Schwarzenberg, che da me non è rispettato in alcun modo, a quanto pare non si è nemmeno reso conto di quanto fosse vicino alla verità, confrontando la situazione sviluppatasi nel 2014 in Crimea e in Ucraina in generale con gli eventi della crisi dei Sudeti del 1938. La verità è molto vicina dall'altra parte - da una delle principali cause profonde dell'allora situazione di crisi. Non conosce davvero la storia del suo paese. E quindi, né lui né tutti coloro che gli hanno dato questo e continuano a farlo, non sono in grado di trarne conclusioni adeguate e adeguate. Di nuovo hanno tirato fuori un pezzo dal contesto, senza considerare l'intero evento. E qui ci sono paralleli. E le conclusioni da loro avrebbero potuto essere tratte presto per evitare qualcosa. Ed è ancora possibile impedire lo sviluppo degli eventi nel modo peggiore, per l'Ucraina, prima di tutto. Devi solo considerare tutto in un complesso - e cosa è successo nel 2014 e oltre, ma in realtà è maturato molto prima, dal 1991, e cosa è uscito in superficie nel 1938, ma è iniziato esattamente cento anni fa, nel 1918.

Prima dell'inizio della prima guerra mondiale, sulla mappa dell'Europa c'era uno stato enorme (per gli standard europei) e multinazionale: l'impero austro-ungarico. La sua parte austriaca comprendeva la stessa Austria nella sua forma attuale, così come l'Italia settentrionale, Repubblica Ceca, Moravia, Slovacchia, Slesia, parte della Polonia e parte dell'Ucraina moderna, inclusa la Galizia (o Galizia), che è ricordata oggi con una parola poco gentile, e anche qualcosa e qualcosa -dove altro. La famiglia monarchica austriaca degli Asburgo era di origine etnicamente tedesca, quindi il tedesco era la lingua principale dell'impero. Sotto il monarca, l'Austria aveva anche un parlamento composto da rappresentanti di varie nazionalità, e dalla metà del XIX secolo circa, le lingue nazionali, per lo più slave, furono introdotte nell'uso ufficiale nelle province. Pertanto, i cittadini del paese, in presenza delle proprie lingue, avevano anche il tedesco nazionale, prestavano servizio nello stesso esercito austriaco al momento della coscrizione, potevano lavorare e ricevere istruzione completamente liberamente in tutto l'Impero austriaco, ei confini tra le singole province erano, in linea di principio, puramente nominali all'interno di uno stato.

Come in altri stati, che includono territori abitati da diversi gruppi etnici, nell'Austria asburgica a quel tempo c'erano vari movimenti nazionalisti, ma nel quadro di un governo forte e unificato del paese, non avevano alcun significato speciale e gli interessi nazionali di specifici popoli erano rappresentati nel parlamento del paese. deputati. Per lungo tempo (infatti, un paio di secoli) di tale convivenza congiunta di più popoli all'interno di uno stato e migrazione naturale della popolazione, i confini originari delle province hanno già cessato di corrispondere alla reale distribuzione delle persone nel territorio dell'allora Austria secondo principi nazionali e linguistici. Ma all'interno della cornice di un paese, nessuno naturalmente ci ha prestato attenzione in alcun modo, e questo, in generale, era abbastanza comprensibile: c'erano problemi più urgenti nello stato delle linee sulla mappa geografica interna che erano inutili e, di fatto, non cambiavano nulla. Cioè, se all'interno della monarchia stessa questo o quel pezzo di un certo territorio apparteneva a uno o un altro soggetto, nulla sostanzialmente è cambiato per gli abitanti di questi territori - sono rimasti sudditi austriaci con tutti i diritti e gli obblighi che ne derivano, i funzionari e le forze armate avrebbero dovuto avere per conoscere la lingua tedesca ufficiale di stato, per tutti gli altri era essenzialmente volontario, sebbene fosse studiato nelle scuole come parte di un programma obbligatorio.

Questa situazione ricorda qualcosa agli ex cittadini dell'Unione Sovietica?

Inoltre, come sapete, nel 1914, in alleanza con la Germania, la monarchia austro-ungarica entrò nella prima guerra mondiale, nella quale, insieme alla stessa Germania, alla fine del conflitto quattro anni dopo era dalla parte dei perdenti. Le conseguenze della sconfitta per entrambi gli stati si rivelarono fatali: la Germania fu completamente sconfitta dal punto di vista militare, oltre che politicamente ed economicamente in rovina, e il Trattato di Pace di Versailles firmato sotto la pressione dei vincitori di fatto lo cancellò dal numero delle grandi potenze europee, imponendovi anche enormi contributi monetari ai paesi vincitori; in Austria-Ungheria, sullo sfondo della guerra perduta, cadde effettivamente la monarchia, da cui iniziarono subito a rinnegare tutti i popoli non tedeschi che abitavano l'impero, che non volevano pagare per alcune decisioni avventate del loro un tempo grande imperatore, che li trascinò in un'avventura militare. In questo contesto di collasso generale dello stato multinazionale e di tutte le strutture del suo potere centrale, ovviamente, varie figure apparvero sul palco in tutta la loro gloria, il cui vero obiettivo era, sotto gli slogan dell'autodeterminazione nazionale, strappare il proprio pezzo dell'impero in disintegrazione, poiché l'impero doveva resistere in questo il momento non è più in grado. E poi è iniziato il divertimento. Era già chiaro che il Paese sarebbe stato diviso, ma prima doveva essere diviso in base a qualcosa di più o meno legittimo; in secondo luogo, anche la comunità mondiale dovrebbe riconoscere questa divisione; in terzo luogo, per evitare un possibile caos sul territorio dell'ex monarchia, la divisione doveva essere eseguita il più rapidamente possibile. Vedendo cosa stava accadendo sul territorio di un altro impero che si era disintegrato in quel momento - quello russo, i rappresentanti dell'allora comunità internazionale, o meglio solo i paesi vittoriosi della Grande Guerra, erano anche molto preoccupati che il prossimo sanguinoso massacro non si sarebbe svolto sotto il loro naso - proprio nel il centro dell'Europa.

Pertanto, l'unica soluzione rapida e più o meno legittima alla divisione dell'Impero austriaco per tutti i giocatori, sia all'interno che all'esterno del paese, vedeva la divisione esattamente lungo i confini interni ufficiali delle province esistenti in quel momento. Ma loro, come si è detto prima, a quel tempo non corrispondevano più alla reale distribuzione dei gruppi etnici nazionali sulla terra. Inoltre, nella maggior parte dei territori delle province nazionali dell'Austria-Ungheria, i popoli che formavano lo stato vivevano in un modo o nell'altro: i tedeschi e gli ungheresi. In alcuni di questi territori, come circa un terzo della moderna Repubblica Ceca, il cosiddetto "Sudetenland", la popolazione tedesca era la stragrande maggioranza. Tuttavia, a causa del fatto che erano i tedeschi e gli ungheresi a essere considerati sia i colpevoli che i perdenti nella guerra mondiale, nessuno avrebbe ascoltato particolarmente le loro affermazioni e i tentativi dei tedeschi austriaci di rivolgersi alla Germania un tempo potente per chiedere aiuto e persino unire la cosiddetta I territori austriaci tedeschi non sono stati coronati dal successo a causa del divieto di questa stessa "comunità internazionale". La stessa Germania a quel tempo era tutt'altro che in grado di intercedere per i compatrioti: lei stessa era minacciata di collasso interno, caos e una situazione rivoluzionaria. Così, l'Austria asburgica era ancora divisa praticamente lungo i vecchi confini delle sue province interne. Uno dei nuovi Stati emersi in questo modo è stata la Repubblica Cecoslovacca, il cui primo presidente è stato effettivamente istituito dall'ex deputato del parlamento austriaco Tomas Garik Masaryk, fortemente nazionalista.

Né gli ungheresi né i tedeschi austriaci, che erano già in territorio cecoslovacco a causa di tutta questa divisione, più di tre milioni e mezzo di persone, non volevano sopportare la situazione. Pertanto, fin dall'inizio della sua esistenza, la nuova repubblica sotto la guida del presidente Masaryk e la sua nuova formazione dai resti delle unità ceche dell'esercito austriaco entrarono in conflitti militari sia sul proprio territorio con i tedeschi dei Sudeti che non volevano obbedire alle autorità cecoslovacche e cercarono di formare la propria repubblica indipendente, e con la vicina Ungheria, dove la battaglia era principalmente per i Subcarpathian Rus (queste sono le moderne regioni Transcarpathian dell'Ucraina). Con il pieno sostegno morale e materiale dell'Occidente e l'assenza di assistenza dalla Germania, entro la fine del 1919, i recalcitranti tedeschi dei Sudeti furono effettivamente costretti a diventare cittadini della Cecoslovacchia con la forza militare, e anche la Transcarpazia entrò a far parte del neonato stato ceco e slovacco. T.G. Masaryk, divenuto presidente del nuovo stato da un deputato austriaco non molto in vista, scoprì all'improvviso forti inclinazioni filo-slave, al limite dello sciovinismo. Non perdonò né i tedeschi né gli ungheresi per la loro disobbedienza, e forse per la precedente posizione dei "principali" popoli dell'impero, rendendoli, infatti, nei nuovi stati cittadini di "seconda classe". In tutto il paese, la lingua ceco / slovacca è stata introdotta per ordine e senza alcun periodo di transizione, in cui era obbligatorio condurre tutti i negoziati e la documentazione ufficiale. E nessuno prestò attenzione al fatto che più di un terzo della popolazione della repubblica in quel momento semplicemente non parlava queste lingue per ragioni completamente oggettive, e non perché queste persone non lo volessero. In tutte le regioni con una popolazione di etnia tedesca, tutti i dipendenti pubblici, compresa la polizia, la dogana, le guardie di frontiera, il personale delle ferrovie, gli uffici postali, i notai, i tribunali, ecc. sono stati sostituiti da personale ceco o slovacco. E se la gente del posto non era in grado di essere d'accordo con loro, era un loro problema, l'insubordinazione alle autorità veniva punita duramente, qualsiasi manifestazione di protesta civile o disobbedienza, comprese le dimostrazioni, veniva soppressa dalla forza delle truppe. La trasmissione radiofonica in tedesco nel paese è stata eliminata, la stampa in lingua tedesca è stata limitata in circolazione ed era strettamente regionale.

Quasi tutti i grandi appalti pubblici nelle regioni "tedesche" sono stati ricevuti da imprese dei territori cosiddetti "interni", cioè cechi (la popolazione tedesca viveva principalmente nelle grandi città e lungo i confini con Austria e Germania, lungo il perimetro del Paese). Il risultato è stato un tasso di disoccupazione molto alto nei Sudeti e, come conseguenza naturale, un crescente impoverimento e malcontento tra la popolazione locale. E questo è nella situazione in cui era nelle terre di lingua tedesca che il livello di tecnologia e sviluppo sia dell'agricoltura, dell'industria, dell'artigianato e dell'industria mineraria espansi in questi luoghi era generalmente molto più alto della media nazionale, e la stragrande maggioranza della popolazione era istruita e molto ben addestrato. Inoltre, i popoli non slavi della Cecoslovacchia, tagliati in questo modo nei loro diritti, erano obbligati ad adempiere ai doveri civili, compreso il servizio obbligatorio degli uomini nell'esercito. Ma le autorità allora cecoslovacche, e con tutto il loro sciovinismo e un evidente atteggiamento negativo nei confronti dei loro concittadini tedeschi e ungheresi, non arrivarono ancora al divieto di libri, spettacoli teatrali o istruzione scolastica nella lingua madre delle minoranze nazionali (a differenza delle autorità dell'Ucraina moderna che hanno perso ogni adeguatezza ). Anche i partiti sudeti-tedeschi erano rappresentati nel parlamento repubblicano, ovviamente, a condizione di comunicazione in ceco, ma le loro varie iniziative per migliorare le condizioni di vita delle persone che rappresentano, di regola, non hanno incontrato l'accettazione della maggioranza parlamentare e delle autorità del paese.

Così, infatti, una nazione europea piuttosto piccola e lontana dalla più forte ha deciso di integrare con la forza in sé i numerosi rappresentanti di una delle nazioni più avanzate, potenti e indipendenti del continente che erano nominalmente sul suo territorio. E questo è stato un enorme errore. Nei due decenni successivi di esistenza della Repubblica Cecoslovacca, le relazioni, naturalmente, si sono "abituate", le persone nei Sudeti si sono abituate alla nuova realtà, hanno iniziato a imparare la lingua ceca, ecc. Anche se la realtà che li circonda e per loro non è cambiata in meglio. Ma all'inizio degli anni '30, proprio sotto il loro naso, oltre il confine non lontano, la Germania ricominciò letteralmente a "risorgere dalle ceneri", verso la quale i tedeschi dei Sudeti oppressi in patria volsero nuovamente gli occhi in questo modo e con rinnovata speranza. I trasmettitori radio civili tedeschi "finivano" liberamente abbastanza oltre i confini cechi, e la stampa "dalla grande Patria" era anche molto richiesta nei Sudeti. I "tedeschi cechi" delle regioni di confine ricevettero presto il diritto di lavorare in Germania e il locale Partito dei lavoratori tedeschi dei Sudeti iniziò a ricevere un forte sostegno dal NSDAP, che salì al potere nello stato confinante. Inoltre, dalla seconda metà degli anni Trenta, grossi investimenti industriali tedeschi andarono nei Sudeti. Cioè, la minoranza etnica, che era oppressa dalla "casa", (a quel tempo circa un quarto della popolazione dell'intero paese) iniziò a ricevere dallo stato vicino a loro etnicamente vicino tutto ciò che mancava nel loro paese. Ma la leadership politica ceca di quel tempo, miope e sicura di sé, invece di cercare di risolvere il problema "tedesco" già chiaramente in via di maturazione in modi adeguati, iniziò semplicemente ad aumentare la pressione restrittiva e forte. Nella seconda metà degli anni '30 si registrano addirittura casi di utilizzo di mezzi corazzati dell'esercito contro manifestanti nei Sudeti. E la reazione dei tedeschi locali, già attivamente supportati e dall'estero, non si è fatta attendere: sono comparsi i primi scontri armati di attivisti locali con unità dell'ordine ceche. Gli appelli per la separazione dei Sudeti dalla Cecoslovacchia sono stati espressi apertamente. E poi c'era lo schema già noto: i “fratelli maggiori”, che non erano indifferenti ai tormenti dei loro connazionali, decisero di schierarsi per loro sulla scena internazionale. Il risultato è Monaco di Baviera nel 1938.

Ora guardiamo alla nostra modernità e allo stesso "rastrello" dello spazio post-sovietico. Si può discutere se l'URSS abbia perso la guerra fredda. Ci sono opinioni diverse. Ma a giudicare da quello che è successo al paese nel 1991, a quanto pare ha perso: è estremamente difficile definire un risultato del genere una vittoria. Il regime è caduto. E ancora una volta il Paese multinazionale doveva essere diviso e il più rapidamente possibile. E ancora, al timone dell'intero processo c'erano i nostri "partner" occidentali fuori e dentro la gente di campagna, i cui obiettivi a quel tempo erano decisamente tutt'altro che la prosperità dei singoli popoli dell'ex Unione Sovietica. E ancora, linee nominali precedentemente prive di significato sulla mappa interna del paese si sono improvvisamente trasformate in confini di stato, spesso lontani dal dividere equamente sia le singole famiglie o gli insediamenti, sia intere nazioni. E, purtroppo, nessuno ha ricordato davvero la storia e il motivo dell'origine di queste stesse righe, purtroppo. E più recentemente, i leader di alto rango dello Stato comune si sono improvvisamente preoccupati esclusivamente dei loro interessi nazionali, ancora una volta, non senza il sostegno attivo dall'estero, ovviamente. E ancora, come nel caso descritto in precedenza, il più diviso e privo di diritti in questi stati di nuova formazione era il popolo che formava lo stato e il portatore dell'unica lingua ufficiale di recente un enorme potere: i russi, così come coloro che si consideravano tali. Furono proprio i russi che, dispersi in tutta l'enorme unione (e un tempo nell'impero russo), si trovarono improvvisamente nella posizione delle più grandi "minoranze nazionali" in alcuni stati di recente formazione, che, salvo rare eccezioni, fin dall'inizio sembrava volere poi vendicarsi di coloro che fino a poco tempo fa erano chiamati il ​​popolo fraterno. In alcuni luoghi, si sono verificati persino incidenti con massicci spargimenti di sangue. E la stessa madre Russia era in questo momento molto critico così indebolita da tutto questo e lacerata da contraddizioni e conflitti interni attivamente inflazionati (tutti dallo stesso luogo, dall'estero) che non era semplicemente in grado di fornire un aiuto reale ai suoi compatrioti che erano rimasti indietro. ...

Sembra che tutto questo sia già successo da qualche parte? Penso di sì. Vai avanti. Fortunatamente, nella maggior parte degli stati post-sovietici, cioè nelle ex repubbliche dell'URSS, il potere del buon senso e della comprensione dell'importanza della storia comune e delle prospettive di un ulteriore sviluppo comune hanno prevalso sulle manifestazioni frenetiche del nazionalismo poco dopo la prima euforia dall'indipendenza appena acquisita. Inoltre, presto si è capito quanto sia importante avere una lingua di connessione in cui diversi popoli diversi possano comunicare tra loro - in questo caso, storicamente, è successo che il russo diventasse questa lingua. Ma questa illuminazione non è avvenuta ovunque. Le repubbliche baltiche e, sembrerebbe, così vicina a noi l'Ucraina, hanno deciso di seguire la strada scivolosa della costruzione di Stati mono-nazionali. E in loro, le minoranze nazionali che non lo facevano di loro spontanea volontà, secondo il piano delle nuove autorità, dovevano passare attraverso il processo di piena integrazione nella nuova nazione in formazione di stato, indipendentemente dal fatto che lo volessero o meno. La storia in questi paesi era apparentemente poco studiata e l'esperienza, ad esempio, il crollo dell'Austria-Ungheria, non insegnò loro nulla. E ancora, alcuni, lontani dai popoli europei più grandi e non più potenti, decisero di tentare l'integrazione forzata sul loro territorio, ma questa volta uno dei popoli più potenti, capaci, pronti al combattimento e indipendenti del mondo in generale: i russi. Inoltre, proprio al confine con la Russia stessa. Riuscite a immaginare una misura ancora più alta dell'idiozia statale? E la stessa Russia, con dispiacere e orrore dei suoi numerosi nemici e "partner" giurati, non rimase a lungo tra le rovine del crollo dell'Unione Sovietica. Una delle nazioni più vitali al mondo ha dimostrato ancora una volta la sua forza a tutti e il paese ha ricominciato a riconquistare la sua posizione perduta come uno dei leader mondiali. Il potere crescente del nuovo stato russo ha anche instillato qualche nuova speranza nei cuori dei compatrioti del vicino estero. Ma anche questa "campana" non ha risvegliato la memoria storica in alcuni nostri vicini.

E ancora, invece di trovare sul loro territorio alcune vie civili e soluzioni per una convivenza reciproca e confortevole con la minoranza di lingua russa, che costituisce anche da un quinto a un terzo dell'intera popolazione in questi paesi, hanno intrapreso la strada dell'inasprimento delle regole nazionaliste, delle pressioni aperte e persino repressione. E hanno deciso di assicurare la loro sicurezza e impunità unendosi o sforzandosi di unirsi a un altro blocco militare occidentale e "democratico", questa volta la NATO, che è sotto il pieno patrocinio degli Stati Uniti. E se fino alla fine del 2013 credevamo tutti che la situazione della minoranza russa fosse la peggiore negli Stati baltici, allora dopo gli eventi del "Maidan" l'Ucraina ha semplicemente "superato" tutto questo in una volta, e ha subito perso la vera perla del suo territorio, abitato per la maggior parte da persone di lingua russa - Penisola di Crimea. E come risultato dello spargimento di sangue che ha avuto inizio, il suo est, popolato anche da russi etnici - finora solo le regioni di Donetsk e Luhansk, erano in fila per lasciare questo paese. E poi improvvisamente a qualcuno venne in mente di paragonarlo alla crisi di Monaco del 1938! E il presidente della Russia con Hitler! Non è davvero una mente o una fantasia! Ma poi vorrei suggerire a questi cittadini di rileggere attentamente nei documenti storici ciò che ha preceduto questo stesso Patto di Monaco, chi lo ha concluso e con chi, e cosa è successo dopo ... Dopo tutto, la Cecoslovacchia era allora membro di un'alleanza militare di "democrazie occidentali", un lontano analogo del moderno La NATO, i cui membri principali a quel tempo in Europa erano la Gran Bretagna e la Francia, cedette con tanta grazia il loro piccolo alleato a Hitler in cambio della loro immaginaria tranquillità. E tra questi "alleati" c'era anche la Polonia, che non si è dimenticata di "mordere" di nascosto un pezzo del suo già indifeso vicino. Ma subito dopo il trasferimento dei Sudeti cechi alla Germania, il resto della Cecoslovacchia, poi la Polonia e la Francia, e l'Impero britannico scomparvero, e le stesse isole britanniche al largo della costa europea furono sostanzialmente salvate dalla cattura da parte delle truppe naziste solo per miracolo e l'entrata in guerra prima dell'URSS, e poi gli Stati Uniti.

Si dice che la storia si sviluppi in una spirale, ripetendosi periodicamente. L'esempio della disintegrazione postbellica dell'Austria, l'Accordo di Monaco e gli eventi successivi mostrano molto bene, a mio avviso, cosa accade a coloro che cercano di impegnarsi in una "integrazione" malvagia e violenta di popoli forti e amanti della libertà, approfittando della loro temporanea debolezza. E anche con coloro che contribuiscono a questo dall'esterno e per i propri interessi egoistici.

Prevedendo in anticipo che, sulla base di questo articolo, qualcuno possa accusarmi di confrontare la Russia moderna e le sue azioni o intenzioni di azione con la Germania di Hitler negli anni '30 -'40, cioè per sciocchi e provocatori, spiego: quelli intelligenti imparano dagli errori degli altri, lo preferisci da solo proprio; tutto questo non riguarda la Germania e la Cecoslovacchia in quanto tali, e non il documento firmato qualche volta a Monaco, ma i principi della politica internazionale e interetnica, che sono sempre e ovunque gli stessi, come le leggi della fisica. E per trarre le giuste conclusioni dalla storia e non ripetere gli errori già commessi da qualcuno, essa, come la fisica, deve essere studiata in modo completo e imparziale. Presi fuori contesto o appositamente adattati a specifici interessi momentanei, i fatti non porteranno mai a conclusioni corrette - un esempio dalla fisica: se una mela cade in testa da un albero, ciò non significa che hai un magnete speciale nel tuo cranio che attrae le mele, ma questo semplicemente perché hai ostacolato uno dei milioni di oggetti che cadono ogni secondo sotto l'influenza della gravità. Tuttavia, molti, a quanto pare, sono ancora sicuri che in questo caso particolare sia proprio il magnetismo intracranico delle mele. Altrimenti, è semplicemente impossibile spiegare una tale ignoranza senza speranza da parte di queste stesse persone sulle conclusioni di eventi storici ben noti. O come si può spiegare il confronto tra le azioni della Russia nei confronti dell'Ucraina con l'aggressione della Germania di Hitler, quando persone con torce e simboli nazisti percorrono a frotte le strade delle città ucraine, le forze armate ucraine usano i simboli delle Waffen-SS tedesche e ci sono rabbiosi nazisti nel governo di questo paese ? Ed è esattamente ciò che persone e territori stanno cercando di lasciare alla Russia e sotto la sua protezione? E di che tipo di aggressione ha paura la regione baltica, dove si svolgono anche le campagne dei veterani delle SS, e i collaboratori del regime di Hitler sono ora considerati eroi nazionali, come in Ucraina?

A proposito, qualcos'altro sulle conclusioni storiche, la NATO odierna e la deplorevole esperienza della stessa Germania nazista: questa alleanza "difensiva" del Nord Atlantico occidentale è stata recentemente attivamente impegnata nel fatto che praticamente "per le orecchie" sta trascinando sempre più nuove membri, per la maggior parte, paesi con un valore militare altamente discutibile. Un tempo, durante la seconda guerra mondiale, i tedeschi avevano dalla loro parte esattamente gli stessi, e spesso anche gli stessi alleati, ma vale la pena ricordare cosa ne fu di tutti questi alleati, non appena le cose andarono storte con la Germania sui fronti buono - questi "alleati" nella migliore delle ipotesi lasciarono semplicemente la guerra, e nel peggiore dei casi andarono direttamente dalla parte degli avversari di Hitler, non appena divenne chiaro che quest'ultimo prese finalmente l'iniziativa nelle ostilità .. E nelle battaglie contro l'esercito tedesco da parte di questi ex alleati usate più spesso dalla stessa Germania, le armi che avevano recentemente fornito. Come questo. E se oggi alcuni esperti della NATO pensano di essere in qualche modo migliori, più intelligenti e di maggior successo della leadership tedesca degli anni Quaranta del ventesimo secolo, e i loro nani "alleati" sono più affidabili e leali, allora questo è un grosso errore, che può diventare fatale se certo sviluppo di eventi. Inoltre, come la storia mostra e insegna, un grosso errore sono le speranze di alcuni membri della NATO nani e semplicemente non molto grandi e / o dei loro alleati che tutte le principali forze dell'alleanza si precipiteranno immediatamente a proteggerli se vengono stupidamente coinvolti in qualche tipo di pericolo un'avventura con un nemico molto superiore in forza. Ancora una volta, puoi guardare all'accordo di Monaco e al destino della Cecoslovacchia, che, tra l'altro, era allora il paese più sviluppato, più democratico e lontano dal più piccolo dell'Europa orientale con un esercito non il più debole. E questo paese si stava muovendo esattamente nel modo in cui lo stavano dirigendo i suoi partner occidentali. Tutti conoscono la fine di questa storia, anche le azioni dei partner e degli alleati.

Spero che la conclusione sia chiara. O ancora, non tutti? ... Qualcuno ha ancora speranze per l'attrazione reciproca della testa e delle mele? Ti piace confrontare la Russia con la Germania di Hitler? Ebbene ... Per gli sciocchi, come si suol dire, la legge non è scritta ... Ma anche in questo caso, aprite libri e leggete la storia: la Russia non è la Germania, ei russi non hanno l'abitudine di perdere le guerre. Qualunque sia il costo.

Grazie a tutti coloro che hanno letto fino alla fine.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 2 November 2018 11: 47
    +5
    Un articolo sensato e molto pertinente! buono Un po '"contorto", ma mi è piaciuto.
    hi Ringrazio l'autore rispettato per l'argomento sollevato!
  2. Almaz Shavkatovich Офлайн Almaz Shavkatovich
    Almaz Shavkatovich (Diamante) 2 November 2018 11: 51
    +3
    Dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dal Trattato INF, nulla impedirà una guerra con la NATO guidata dagli Stati Uniti tranne il timore dei generali della NATO di un'alleanza militare tra Russia e Cina. Non è chiaro perché una simile alleanza militare non sarà conclusa dai nostri "leader", forse hanno paura come il fuoco che in Occidente "diranno qualcosa all'improvviso". "Gli Stati Uniti oggi sono in un confronto diretto con la Cina, dal momento che il presidente Trump, infatti, ha lanciato una guerra commerciale" - è giunto il momento di concludere il Trattato di amicizia e assistenza reciproca. Il Patto di Varsavia è crollato su suggerimento del traditore Gorbaciov, ottenere un altro blocco opposto alla NATO. Che morbido MFA, nessuna durezza. Espressioni preferite: "Alcuni politici occidentali ci accusano ...", "Sembra che ..." e chi più ne ha più ne metta. E come leader occidentali non esitano: "La colpa è della Russia, Putin ...". E abbiamo risposto ancora: "Ci dicono ..." Sembra che ... "E il pubblico non ascolta più, perché è malato ...
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex 2 November 2018 21: 57
      +2
      Diamante ... Il problema non è con noi, non con la Russia. La Cina si considera autosufficiente e capace di autonomamente ... beh, ecc. eccetera. ...
      Non pensi. che la Russia supplicherà e supplicherà?
      E la Russia potrà dare OTPOR (non sto dicendo cosa vincere, ma rispondere in modo tale che non sembrerà esattamente sufficiente - non sarà possibile viverci (dove dovrà essere la risposta)) a chi ha il desiderio di migliorare la propria situazione materiale e finanziaria a nostre spese. Vale a dire, la catastrofica situazione finanziaria ed economica degli anglosassoni alla vigilia di quasi tutte le guerre è la vera causa di queste stesse guerre.
  3. Almaz Shavkatovich Офлайн Almaz Shavkatovich
    Almaz Shavkatovich (Diamante) 2 November 2018 13: 26
    +1
    Due citazioni: "leggi la storia - la Russia non è la Germania, ei russi non hanno l'abitudine di perdere le guerre. Qualunque sia il costo". E il secondo: "È possibile discutere se l'Unione Sovietica abbia perso la Guerra Fredda. Ci sono opinioni diverse. Ma a giudicare da quello che è successo al Paese nel 1991, apparentemente perduto, è estremamente difficile definire un tale risultato una vittoria". Più di tutto mi è piaciuta l'espressione: "La storia, come si suol dire, si sviluppa a spirale, ripetendosi periodicamente". Ed è proprio così. Sono passati cento anni dalla prima guerra mondiale. Quindi la Germania ha avviato il ritiro della Russia dalla guerra aiutando Lenin con i soldi, che, dopo la Rivoluzione, ha immediatamente emesso il primo decreto in primis: il decreto sulla pace. E ora la stessa Germania ha creato un cuneo tra Russia e Ucraina, "chiamato" gli Usa per chiedere aiuto. A quei tempi, le ragioni dello scoppio delle guerre erano questioni di proprietà territoriale. E ora questa domanda è in prima linea. Mio padre (JOB, un pilota) mi ha detto, ricordo come prima dell'inizio della guerra si parlava solo della guerra che si avvicinava. E ora ne parlano tutti. C'è una differenza: allora l'URSS aveva alleati, ora non ci sono alleati militari seri. L'espressione dell'autore: "e i loro nani" alleati "sono più affidabili e leali, quindi questo è un grosso errore, che può diventare fatale in un certo svolgimento degli eventi". - potrebbe riferirsi principalmente alla stessa Russia odierna. E in questa situazione molto pericolosa, non creare un'alleanza tra Russia e Cina come contrappeso alla NATO con una linea obbligatoria nella carta (come la NATO): un attacco a una delle parti del trattato significherebbe un attacco a tutti i paesi del trattato ", e quindi non creare una simile Unione può essere considerato un grande errore storico fatale.
    1. A.Lex Офлайн A.Lex
      A.Lex 2 November 2018 22: 24
      +1
      E ti risponderò subito:
      1. A proposito di aiutare "Lenin con i soldi" - perché non ricordi come il governo provvisorio (sì, c'era anche l'identità dello zar) - prestiti, rastrellati? Gli stessi prestiti che la Francia ha quasi forzatamente stretto a Nikolai, e poi al vicepresidente. E il fatto che "il cugino Willie" abbia offerto a Nikolai di coprire i debiti all'Intesa con un prestito (a condizioni molto buone), se solo la Russia non si fosse lasciata coinvolgere nella redistribuzione del mondo ... probabilmente non insieme ... Come il fatto che "aiuti esteri dalla comunità mondiale" finanziario e militare contro la giovane Repubblica Sovietica COLLOBANTI RINEGATI, che ha promesso ai creditori TAKOOOE (!!!) che solo i capelli sulla testa (e su tutto il corpo) si rizzano - un FULL PAC4 COUNTRY LENNY - come ti piace, perché non lo dici ??? Non va bene, cittadino ... non va bene - se hai già iniziato a tagliare la verità, andiamo alla fine ...
      2. Per quanto riguarda il soyuznichki ... E la Russia non fa affidamento su nessuno: chiunque, anche il più fedele alleato, può tradire. (La storia ne è testimone, e la stessa Russia l'ha tradita e tradita più di una volta ... tale è la vita politica - la Germania dell'Est ne è un esempio - l'abbiamo tradita? Avete tradito! E parliamo di "scelta indipendente del popolo" - non ditelo ai miei stivali, sono comunque divertenti) I tempi cambiano costantemente e l'alleato di ieri potrebbe essere il nemico di domani. E quindi: non trovare un alleato - non rimpiangerai amaramente il tradimento di domani (a proposito, la DDR è l'alleato più coerente e fedele ... lo era ... fino a quando noi russi non li abbiamo ceduti all'Occidente ...)
  4. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
    gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 2 November 2018 14: 36
    +3
    Grazie a tutti coloro che hanno letto fino alla fine.

    Grazie per l'articolo. buono
  5. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex 2 November 2018 21: 50
    +3
    Xha! Il compagno Alexey ha ragione !!! La storia non insegna NIENTE! Punisce per non aver imparato! La storia non ha sicuramente insegnato nulla ai nazisti e ai loro seguaci ... soldato
  6. Volodymyr Офлайн Volodymyr
    Volodymyr (Vladimir) 3 febbraio 2019 13:57
    -1
    L'Accordo di Monaco del 1938, spesso chiamato anche Accordo di Monaco, è ciò che molti storici moderni chiamano il primo passo dell'Europa nella seconda guerra mondiale.
    E che dire dei negoziati separati tra Hitler e Stalin (protocolli segreti)? La Russia dopo il 1923 non fu coinvolta nella vile e segreta rianimazione della Wehrmacht, insegnando agli ufficiali della Wehrmacht, ai carri armati (Kazan), ai piloti (Lipetsk) nelle sue scuole (tedesche) nell'URSS? Non fu questa “assistenza fraterna degli avventati sovietici ai fascisti tedeschi che portò alla seconda guerra mondiale? E quando a settembre, abbracciando e tormentando la Polonia, ha preso d'assalto la fortezza di Brest e ha tenuto parate congiunte - questa non è una fusione in estasi di due paesi totalitari? E quando i tedeschi bombardarono Londra nel 2 e l'URSS inviò bombe pesanti in Germania per aerei tedeschi? E dopo di che sono rimasti isterici per molto tempo che gli inglesi non hanno aperto il 1940 ° fronte per molto tempo ...

    ... storicamente, il russo è diventato questa lingua.
    E che dire della russificazione e del divieto di pubblicare libri di testo, libri, giornali in ucraino? E la persecuzione per il culto nazionale in Ucraina all'inizio. XX secolo ? E che dire dello sterminio del popolo ucraino e della deportazione delle famiglie ucraine dopo la repressione delle rivolte di massa e delle rivolte in tutta l'Ucraina? E decine di migliaia di "vengono in gran numero" di russi dopo l'occupazione dell'Occidente. Ucraina dal settembre 39? Storicamente ... Dietro questa frase ci sono mari di sangue, milioni di morti e devastazioni fino al midollo, e poi ...

    … Gli eventi in Ucraina nel 2014 con il successivo trasferimento della penisola di Crimea alla Federazione Russa. Per la prima volta, un confronto degli eventi in Crimea con la cattura dei Sudeti e, in questo contesto, il presidente russo V.V. Putin, rispettivamente, con Hitler ..
    Non vedi una differenza nell'occupazione dei Sudeti e della Crimea? Non si sa come ha mentito Putin, dichiarando "ichtamnet", cioè l'esercito russo non c'è e non c'era. E i buriati, gli yakut, i moscoviti e un altro gruppo militare "sono appena passati di lì"? Sì, l'intera Crimea, molto prima dell'occupazione e del furto della Crimea, è stata inondata da forze speciali russe, truppe regolari, armi e tutti i tipi di armi russe che non erano in servizio con l'esercito ucraino. L'occupazione della Crimea era in preparazione da 10 anni (dal 2004). Pertanto, l'espressione della volontà del popolo della Crimea (in gran numero di russi) appare ridicola agli occhi della comunità mondiale, e gli ucraini hanno solo un atteggiamento schizzinoso nei confronti dei "miei fratelli".

    ... il più diviso e privo di diritti in questi stati appena formati era il popolo che in precedenza si formava e portatore dell'unica lingua ufficiale di un enorme potere: i russi, così come quelli che si consideravano tali.
    Questa è una vera bugia se applicata all'Ucraina. Io e tutti i miei conoscenti e sconosciuti parlavamo russo e questo non ha mai destato alcuna preoccupazione in nessuno. Questa storia dell'orrore inventata al Cremlino ha sollevato tutta la merda separata e il cotone idrofilo sulla superficie di eventi ispirati alla Russia. Come però tutto è iniziato ovunque con provocazioni. Il modo in cui la Russia ha organizzato provocazioni in Abkhazia, in Ossezia meridionale e prima in Cecenia - tutto questo è uno scenario dagli uffici del Cremlino.

    ... dopo gli eventi "Maidan", l'Ucraina ha semplicemente "superato" tutto questo in una volta, e ha subito perso la vera perla del suo territorio, abitato per la maggior parte da persone di lingua russa: la penisola di Crimea. E come risultato dello spargimento di sangue che ha avuto inizio, il suo est, popolato anche da etnia russa - finora solo le regioni di Donetsk e Luhansk, si sono messe in fila per lasciare questo paese.
    Caro autore, si sa da dove provenissero gli "etnici russi" nelle primordiali terre ucraine nel Donbass? E quando e chi occuparono le loro case alla fine degli anni '20 e all'inizio degli anni '30 dopo il sanguinoso sterminio degli ucraini, che sollevarono più di 200 rivolte nell'est e nel nord-est dell'Ucraina? Oppure si può ricordare quanti milioni furono distrutti dal popolo sovietico "fraterno" in Ucraina durante l'Holodomor del 1932/33 e perché furono spopolate e svuotate intere regioni, poi colonizzate dalla "etnia russa". E, naturalmente, in questi territori non si poteva parlare di alcuna lingua, cultura, scrittura ucraina.
    E assolutamente incantevole! ... I russi non hanno l'abitudine di perdere le guerre. Qualunque sia il costo.
    Se non fosse stato per l'aiuto degli alleati nella seconda guerra mondiale, l'URSS sarebbe ancora in guerra con la Germania nazista. E il fatto che la vita umana non sia mai costata nulla è risaputo sin dal primo Medioevo. Così come le vite di altri popoli.
    È un peccato per l'autore (Alexei Pishenkov) di una simile opera multi-lettera non conoscere i risultati della guerra di Crimea, delle guerre giapponesi, finlandesi, vietnamite, afghane e un mucchio di altri. Con la guerra in Ucraina, sarà lo stesso, poiché il popolo ucraino non vuole e non vivrà nel prossimo gulag sovietico. Così come non vogliono gli ex Stati baltici ei paesi dell'Europa orientale.
    Vivi nella tua palude avventata, ma non diffondere la puzza e la peste rossa nel 21 ° secolo.
    Grazie a tutti coloro che hanno letto fino alla fine ...
    1. Vitaly Yakovlevich Офлайн Vitaly Yakovlevich
      Vitaly Yakovlevich (Vitaly Yakovlevich) 6 febbraio 2019 17:55
      +1
      --- VolodyaMiMir, probabilmente soffocando con la propria saliva, iniziò a balbettare, confondendo "il sambuco del giardino con uno zio di Kiev" ... Tutto in un mucchio - le guerre di Crimea, giapponese e vietnamita ..... È meglio che ci dica quando e come hanno scavato il Mar Nero (discendenti tornare utile ...). Mi piacerebbe ascoltarti in un'atmosfera civile, con documenti, con analisi .... E quindi - sciocchezze di un cane da cancello !!! "Lo spargimento di sangue post Maid in Crimea" ... Anche gli Stati Uniti hanno riconosciuto il passaggio della Crimea come BRILLANTE, senza sparare un solo colpo ... Riuscite a conquistare il territorio senza usare le armi? L'Ucraina Donbass e Lugansk hanno mostrato - NON POSSO !!!!! E la Crimea è PASSATA a noi! E - con grande piacere! E se NON fosse passato, i TUOI "treni dell'amicizia" gli avrebbero ricordato il 91 ° anno ... Te li ricordi personalmente? E i Crimeani - ricordano, è per questo che hanno incontrato questi treni nel 14 al loro confine, non li hanno lasciati andare oltre, e le persone di Donetsk e Luhansk - hanno capito tardi con chi avevano a che fare ...
      --- Per ogni articolo, paragrafo, puoi colpire il naso dell'irriverente VolodyaMiMir, ma questo è inutile! Il mondo riconosce che non c'era Holodomor, una situazione simile in quegli anni era in Europa, Mecica, America, .... RSFSR, ma - c'era "genocidio del popolo ucraino"! Dimmi - chi ha separato gli ucraini nei villaggi da altre nazionalità e ... genocida?
      --- Mi sono seduto e ho pensato ... e con chi sto parlando ??? E dubitava che ci fosse UNA persona che stava guardando dall'immagine del profilo !!! Dubbioso perché questo scarabocchio è un ASTRATTO di talk show russi con la partecipazione di Kovtun, Okhrimenko, Yali e altri come loro !! Devi solo sopportare finché tu, nella tua aspirazione "all'Europa", non raggiungerai .... l'orgasmo e, possibilmente, adotterai la tua esperienza !!! Solo qui è come spiegarti in modo più popolare che la Terra è la nostra casa comune e tu ed io siamo vicini, viviamo praticamente nello stesso ingresso ... E se tu, desiderando vivere meglio, trascini una bombola del gas nel tuo appartamento, DOBBIAMO guardare in modo da non violare (Dio non voglia!) le misure di sicurezza ...! isolare da te questo palloncino !!!
      --- Grazie se hai letto e capito bene !!!