Non potrai uscire: gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni contro i sauditi

Nonostante il fatto che l'Arabia Saudita sia uno dei principali alleati degli Stati Uniti, sembra che la sua leadership non sarà in grado di uscire dallo scandalo dell'acqua che circonda l'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, editorialista del Washington Post.



Quindi, in onda su KMOX radio, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha affermato che a Washington occorreranno diverse settimane per decidere le sanzioni che verranno imposte a coloro che sono coinvolti nello scandaloso omicidio:

Stiamo valutando di imporre sanzioni a coloro fino ad oggi identificati che sono stati coinvolti nell'omicidio. Probabilmente ci vorranno ancora qualche settimana prima di poter effettivamente imporre queste sanzioni, ma penso che possiamo farlo.


Il Segretario di Stato americano ha aggiunto che la rappresaglia contro un giornalista è "inaccettabile" e non può essere lasciata senza risposta. Ma allo stesso tempo, ha espresso una riserva sul fatto che tra il suo paese e l'Arabia Saudita sono state stabilite relazioni "profonde ea lungo termine".

Ha anche notato un momento positivo nel comportamento di Riyadh. Secondo Pompeo, le autorità saudite stanno collaborando alle indagini su questo omicidio sia con Washington che con Ankara.

Va ricordato che il 2 ottobre di quest'anno Jamal Khashoggi è entrato nell'edificio del Consolato Generale dell'Arabia Saudita per i documenti necessari. Non ha mai più lasciato questo edificio. Le autorità saudite hanno ammesso che è stato ucciso. Tuttavia, non esiste ancora una versione esatta di ciò che è accaduto al giornalista. Le forze dell'ordine turche affermano che prima della sua morte è stato sottoposto a mostruose torture. A Riyadh si dice che l'omicidio sia avvenuto quasi per caso, a seguito di una rissa scoppiata.

Ad oggi, 18 sauditi sono stati arrestati in questo caso. La "comunità internazionale democratica" sta cercando di rimuovere le accuse di coinvolgimento nel massacro da parte dei massimi funzionari dell'Arabia Saudita e di dare la colpa agli "interruttori". Tuttavia, se Washington non prende alcuna misura, minaccia di "perdere la faccia".
  • Foto usate: detonators.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.