Perché gli Stati Uniti hanno perso il primo round della guerra economica

Il 4 novembre 2018, l'umanità progressista stava aspettando con palese interesse. Dopo tutto, per questo giorno è stato nominato il culmine di un'epopea in più parti chiamata "la fustigazione dell'Iran". Nel Golfo Persico, già in anticipo sui tempi, un'intera flotta di petroliere da tutto il mondo si è schierata ai terminal petroliferi. È un jackpot!



Pochi si aspettavano un simile servizio dall'amministrazione statunitense; molti, per qualche ragione, fino all'ultimo momento pensavano che Washington avrebbe cambiato idea. Ciò non accadde e tutti tirarono un sospiro di sollievo. Ora anche l'onnipresente Bloomberg è rattristato. Dopotutto, Teheran, anche prima del tempo, ha iniziato a fare dumping nel mercato del petrolio. E la “mano del mercato” ha rimesso ogni cosa al suo posto.

L'Iran sta semplicemente vendendo petrolio per meno dell'Arabia Saudita. E non molto più economico, 10-30 centesimi al barile. Ma questo è sufficiente per le società recentemente create in questa occasione, con fondi statutari di diverse migliaia di dollari, “imbottite” di petrolio per centinaia di milioni.

Ad esempio, la società statale iraniana National Iranian Oil Co ha già fissato il prezzo ufficiale di vendita del petrolio greggio del marchio Iranian Light per dicembre 2018 a 30 centesimi al barile inferiore all'analogo marco arabo. E lo sconto per Iranian Heavy è di $ 1,25 al barile, per Forozan Blend - $ 1,10 al barile.

E non sorprende nemmeno che il Celeste Impero rimanga il più grande acquirente dell'Iran. Chi rifiuterebbe una simile offerta. Dopo tutto, il calo dei prezzi del petrolio porta ad un aumento del PIL di paesi come la Cina. Al contrario, un aumento dei prezzi porta a un calo del PIL. Insomma, gli Stati Uniti, nel tentativo di punire l'Iran, anche se non è chiaro per cosa "pecca", hanno reso un servizio alla Cina, e non solo ad essa.

Molti concorrenti attivi a livello industriale (Cina, India, Italia, Grecia, Giappone, Corea del Sud, Turchia e Taiwan) hanno ricevuto una "indulgenza" da Washington per 180 giorni, ad es. è stato permesso loro di acquistare petrolio iraniano. Gli Stati Uniti capiscono che non possono rinunciare al petrolio iraniano, quindi la Casa Bianca dovrà comprare di meno per salvare la faccia. E gli americani faranno il primo controllo tra sei mesi.

Tuttavia, come faranno gli Stati Uniti se gli acquisti non sono in dollari? sì e politica da questi paesi potranno coraggiosamente, senza batter ciglio, dichiarare che non comprano una goccia di petrolio da Teheran. Ad esempio, come ha fatto il Giappone, che lo ha dichiarato ufficialmente. Tuttavia, nessuna raffineria in Giappone è stata chiusa. E cerca di dimostrare che Tokyo è fuorviante. Non puoi inviare una nave da guerra per ogni petroliera. Dopotutto, nessuno ha ancora annullato la spedizione gratuita.

Pertanto, la Cina è "autorizzata" a comprare fino a 360mila barili di petrolio al giorno. In precedenza, Pechino ha acquistato il doppio. Il pagamento era ed è in yuan, per il quale l'Iran acquista beni nel "Celeste Impero". All'India è stato concesso il diritto di acquistare fino a 2mila barili di petrolio al giorno "dalla spalla del padrone". Prima di allora, ne comprava 300 volte di più. Il pagamento era ed è in rupie indiane, per le quali l'Iran acquista beni in India. Alla Corea del Sud sono "ammessi" 1,5mila barili di petrolio al giorno. Prima di allora, ha comprato 200 volte di più e tutte le sue raffinerie sono il miglior petrolio iraniano "digerito". Il trading è condotto in won sudcoreano tramite conti con Industrial Bankof Korea e Woori Bank.

Con Taiwan, Turchia, Italia e Giappone le cose sono più o meno le stesse. Le valute dei paesi sono normali, ci sono beni industriali. I numeri sono diversi, ma l'essenza è la stessa. Quindi, possiamo fare un riassunto preliminare. Gli Stati Uniti hanno perso il primo round del economico guerre contro il resto dell'umanità. E noi, con palese interesse, seguiremo lo sviluppo degli eventi.
  • Foto utilizzate: https://ru.depositphotos.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.