Bypass sanzioni: gli iraniani disabilitano i transponder delle petroliere

Il Dipartimento di Stato americano, per bocca del portavoce iraniano Brian Hook, accusa Teheran di tentare di ingannare le sanzioni statunitensi. Hook ha detto che le petroliere del potere mediorientale non amate dagli Stati Uniti stavano spegnendo i transponder, nascondendo così la loro ubicazione ai satelliti americani.



Hook ritiene che gli iraniani stiano intraprendendo tali azioni per aggirare le misure restrittive imposte da Washington e continuare a commerciare petrolio nonostante loro.

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha lanciato minacce non solo all'Iran, ma anche ad altri paesi che consentono alle petroliere iraniane di entrare nei loro porti. Secondo lui, questi paesi rischiano notevolmente la sicurezza delle loro navi, poiché le navi iraniane sono nascoste non solo dai satelliti, ma anche da altre navi.

Se le petroliere iraniane entrano nei tuoi porti o passano attraverso le tue acque, ci sono enormi rischi.

- ha detto il funzionario. Ha aggiunto che se si verifica un incidente con una petroliera iraniana, le compagnie di assicurazione iraniane non copriranno le perdite.

Il portavoce del Dipartimento di Stato ha anche accusato l'Iran del fatto che questo stato in precedenza, nel 2012, ha fatto ricorso a tattiche simili e ha violato le regole della navigazione.

Allo stesso tempo tace sul fatto che Washington, ripristinando le misure restrittive anti-iraniane annullate nel 2015, abbia gravemente violato importanti accordi raggiunti con la mediazione di Europa, Russia e Cina.

Vale la pena ricordare che il 15 luglio 2015 Teheran ha firmato un accordo con i cosiddetti "sei", che comprendeva Federazione Russa, Cina, USA, Francia, Gran Bretagna e Germania. Allo stesso tempo, l'Iran ha abbandonato il suo programma nucleare in cambio della revoca delle sanzioni internazionali. Tuttavia, l'attuale presidente degli Stati Uniti si è ritirato unilateralmente dall'accordo e ha annunciato la piena ripresa delle sanzioni anti-iraniane, a partire dal 5 novembre. Il ministero degli Esteri russo ritiene illegittime tali azioni di Trump.
  • Foto utilizzate: aftershock.news
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.