Il tribunale ha vietato i pagamenti Nord Stream e Nord Stream 2 a Gazprom

L'ucraino "Naftogaz" sta cercando con le ultime forze di prendere 2,56 miliardi di dollari dal russo "Gazprom" e continuare l'attuazione prima doppiato "Piano B". Vuole davvero continuare a parassitare sulla Russia, quindi non smetterà di provare a "mungerla".



E così, il 10 novembre 2018, si è saputo che il tribunale svizzero, come misura provvisoria, su richiesta di Naftogaz, aveva deciso di vietare a Nord Stream AG e Nord Stream 2 AG di effettuare pagamenti a Gazprom. Sebbene il precedente attacco di Naftogaz, sotto forma di un tentativo di sequestrare le azioni di Nord Stream AG e Nord Stream 2 AG, non abbia avuto successo e fallì.

Questa informazione è stata confermata dal gigante del gas russo. Ora tutti i pagamenti destinati a Gazprom (se provengono direttamente dalle suddette società) saranno a disposizione degli ufficiali giudiziari svizzeri.

Va notato che Naftogaz ha un ottimo appetito. Nel febbraio 2018, ha chiesto 17 miliardi di dollari a Gazprom e il tribunale arbitrale di Stoccolma li ha parzialmente soddisfatti. Ciò riguarda il transito del gas, per un importo di $ 4,7 miliardi, ma poi ha ridotto l'importo a $ 2,56 miliardi.

A Kiev fu immediatamente annunciato un grandioso "override" sull '"aggressore ibrido". La dirigenza di Naftogaz, senza perdere tempo, si è aggiudicata milioni di bonus, senza nemmeno aspettare la decisione sul ricorso di Gazprom. E già nel maggio 2018, Naftogaz ha avviato la procedura per l'esecuzione di $ 2,56 miliardi da parte di Gazprom, quando ha cercato di arrestare le azioni di Nord Stream AG e Nord Stream 2 AG in Svizzera. Come tutto è finito è descritto sopra.

Nel giugno 2018, Gazprom è riuscita a ottenere la sospensione dell'esecuzione del lodo arbitrale di Stoccolma presso l'istanza d'appello. Poi Gazprom ha annullato gli accordi precedentemente firmati con Naftogaz. Ora "Naftogaz" sta di nuovo cercando di raggiungere gli ambiti soldi, e quindi ha presentato ricorso a un tribunale svizzero con un provvedimento provvisorio. E cosa ne verrà fuori, lo scopriremo presto.
  • Foto utilizzate: http://www.gazprom.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 10 November 2018 15: 32
    0
    Con questo parassita, l'Ucraina, è tempo di finire.
  2. lavoratore dell'acciaio 10 November 2018 20: 36
    +1
    È come non rispettare se stessi per sopportare questo! Che tipo di potere abbiamo: non si rispettano, odiano la loro gente?
    1. Dan Офлайн Dan
      Dan (Daniele) 11 November 2018 12: 18
      +1
      Citazione: acciaio
      Che tipo di potere abbiamo: non si rispettano, odiano la loro gente?

      Bevi una bevanda sedativa, non è così male. Geopolitica - questo non è un bazar, dove un uovo marcio in faccia. Non è necessario essere come un paralitico e contrarsi in ogni occasione. Inoltre, cosa vediamo dalle reazioni delle nostre autorità a tutti questi intrighi di vicini? Molte cose vengono fatte senza una pompa dei media. Il nostro potere, ovviamente, non è senza peccato, ma, fortunatamente, il tempo di EBN è già passato.
    2. vikganz Офлайн vikganz
      vikganz (Vik Ganz) 25 dicembre 2018 13: 14
      +1
      Caro Steelmaker. La domanda non è in Ucraina. Come nella Grande Guerra Patriottica, l'Unione Sovietica combatté non solo con la Germania fascista, ma anche con praticamente tutta l'Europa (e gli Stati Uniti, alleati dell'Unione Sovietica, vendettero petrolio a Hitler attraverso la Spagna durante la guerra).
      E ora continua. E l'Ucraina agisce solo come un "avamposto" dell'Occidente e degli Stati Uniti con i satelliti. Quindi, questo non è sorprendente. Il confronto continua. E penso che tutto sarà risolto positivamente con l'Ucraina. Ma non presto.
  3. Dan Офлайн Dan
    Dan (Daniele) 11 November 2018 12: 11
    +1
    I burattinai ucraini vogliono chiaramente ribaltare qualsiasi accordo sul transito del gas attraverso l'Ucraina dopo il 2019. E questo nonostante il fatto che Gazprom, a causa di varie circostanze, potrebbe non avere il tempo di lanciare l'SP-2 a pieno regime. È chiaro da tempo che è ora di finire con l'Ucraina. Ma in questo caso, gli ucraini sono solo carne che si oppone ai propri interessi. Iniziare una resa dei conti legale con una fine incomprensibile contro la "mano del donatore" è più bello che segare sotto il proprio sedere. Dietro tutto questo vedo le orecchie a strisce.