La Turchia fornisce la registrazione audio dell'omicidio di Jamal Kashoggi

Quando il 2 ottobre 2018, sui media turchi sono apparse solo notizie secondo cui il giornalista saudita Jamal Ahmad Khamza Khashoggi (Khashokji, Khashokji) è stato brutalmente ucciso sul territorio del consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul, molti non credettero. Dopotutto, i dettagli dell'omicidio, dello smembramento e della distruzione del corpo hanno causato orrore e non si adattavano all'idea del lavoro di un'istituzione diplomatica.



Allo stesso tempo, le autorità turche hanno mantenuto la loro posizione con sicurezza, poiché, secondo le loro parole, hanno una registrazione audio di ciò che è accaduto, su cui molto è registrato, e le scuse dei funzionari sauditi sulla scomparsa di un giornalista nel consolato sembravano ridicole, erano chiaramente confuse nella loro testimonianza. Dopotutto, l'ingresso di Khashoggi nel territorio del consolato è stato documentato, e da lì non è davvero mai partito. Serious ha iniziato politico scandalo. E solo 18 giorni dopo l'incidente, Riyadh ha ammesso che il giornalista era morto, ma non ha mostrato il corpo.

E ora, per rimuovere tutte le domande su quanto accaduto, le autorità turche hanno condiviso la registrazione audio menzionata con sei stati (Arabia Saudita, USA, Francia, Canada, Germania e Gran Bretagna). Come riportato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Ha affermato che la registrazione audio dell'omicidio è stata trasmessa a tutti coloro che l'hanno richiesta. E ha chiarito che inizialmente l'intelligence turca non ha nascosto nulla.

Erdogan ha anche condiviso le sue impressioni sulla sua conversazione con uno degli ufficiali dell'intelligence saudita, a cui è stata data una registrazione audio. Era scioccato e ha suggerito che l'assassino potrebbe aver già usato l'eroina per farlo. Lo ha detto Erdogan ai rappresentanti dei media mentre si trovava su un aereo di ritorno da Parigi, dove si celebrava il centenario della fine della prima guerra mondiale.

Il presidente turco ha aggiunto che "la Turchia attende pazientemente" che Riyadh faccia luce su questa deliberata atrocità. Sebbene ci siano grandi dubbi su questo, dopotutto, il procuratore generale del regno wahhabita, Saud al-Muajib, che ha visitato la Turchia, sta solo impedendo le indagini, ritenendo che l'omicidio non sia stato intenzionale e sia avvenuto a seguito di una lite. E questa posizione è comprensibile, perché 18 alti funzionari dell'Arabia Saudita sono coinvolti nel crimine, in un modo o nell'altro collegati al principe ereditario Mohammed Al Saud. Erano stati inviati appositamente a Istanbul il giorno dell'omicidio di Khashoggi, su questo Erdogan non ha dubbi.

Tra queste 18 persone ci sono sicuramente dei criminali. Chi altro? Quello che ha dato l'ordine. Oltre agli esecutori testamentari, va stabilito anche colui che ha dato loro l'ordine.

- ha riassunto Erdogan, sottolineando che la Turchia continuerà a monitorare questo caso ea porre a Riyadh varie domande, tra cui il luogo in cui si trova il corpo di Khashoggi.
  • Foto utilizzate: https://debati.bg/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.