La Merkel ha annunciato la necessità di creare un'alternativa alla NATO

Più recentemente, noi segnalati sulla dichiarazione del presidente francese Emmanuel Macron che l'Europa ha bisogno del proprio esercito senza gli Stati Uniti. E così, il 13 novembre 2018, le agenzie di stampa mondiali hanno diffuso le dichiarazioni della cancelliera tedesca Angela Merkel, che ha reso tra le mura del Parlamento europeo (Strasburgo). Ha chiesto la creazione di un "vero, vero" esercito europeo e ha proposto la formazione di un Consiglio di sicurezza europeo. E questo non è di buon auspicio per Washington.



Dopotutto, non per niente il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha criticato l'iniziativa di Macron, che non gli è piaciuta molto, poiché riduce l'influenza americana in Europa e spinge quest'ultima verso il buon vicinato con Mosca. La proposta di Trump ha ferito così tanto Macron che l'ha definita offensiva. Poi ha chiesto all'Europa di pagare prima la sua quota nella NATO.

E il protetto statunitense, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, è scettico sulla creazione di un esercito europeo comune. Questo è logico, perché allora rimarrà senza lavoro e non potrà "frequentare" una società d'élite. Quindi non può immaginare l'Europa senza gli Stati Uniti e crede che l'unità europea non sostituirà mai quella transatlantica.

Questo è il motivo per cui la Merkel ha detto quando ha chiesto la creazione di un esercito europeo comune, anticipando possibili critiche nel suo discorso che una nuova guerra tra i paesi europei è semplicemente irrealistica. E la creazione di un simile esercito lo dimostrerebbe chiaramente. Ha chiarito che non sarebbe stato un esercito contro la NATO, ma una buona aggiunta all'Alleanza.

In effetti, secondo l'articolo 42 del trattato sull'Unione europea, un tale esercitopolitico è prevista direttamente l'integrazione dei paesi partecipanti. Sebbene per molto tempo l'Europa sia stata governata dagli Stati Uniti, che in realtà guidano il blocco NATO, l'unica struttura politico-militare a tutti gli effetti in questa regione del pianeta. Non sorprende quindi che gli europei siano maturi per un certo grado di indipendenza. E gli Stati Uniti, con la loro potenza militare dominante, ostacolano solo lo sviluppo dell'Europa, trattandola come un concorrente.

Inoltre, la Merkel ha proposto di organizzare un Consiglio di sicurezza europeo, i cui membri lavorerebbero sul principio della rotazione. La presenza di un tale organismo consentirebbe di prendere decisioni importanti in modo molto più rapido ed efficiente.

È fiduciosa che solo un'Europa unita possa essere abbastanza forte da essere ascoltata sulla scena mondiale. Ha chiesto di raggiungere soluzioni comuni nelle aree in cui i trattati lo consentono. Pertanto, l'Unione europea, se vuole sopravvivere come comunità, ha bisogno di diventare più indipendente, e per questo ha bisogno di prendere in mano il proprio destino.

Il doppio colpo della Merkel non sono solo gli Stati Uniti. Le sue proposte minacciano l'enorme goffo apparato burocratico dell'Unione Europea, che è semplicemente “imbottita” di agenti d'influenza americani e britannici.
  • Foto utilizzate: https://ru.depositphotos.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.