L'Armenia ha deciso di "spremere" la figlia del russo "Gazprom"?

In Armenia è stata effettuata una serie di accertamenti fiscali nei confronti di una controllata della società russa Gazprom, operante in questo Paese transcaucasico. Come risultato di queste azioni, sono state rilevate numerose violazioni e la società Gazprom Armenia è stata accusata di evasione fiscale dolosa.



Le autorità armene affermano che nei due anni precedenti la società ha sottostimato i propri indicatori al fine di ridurre l'imposta sul reddito e l'IVA.

Secondo le autorità ispettive, la direzione dell'azienda ha manipolato i dati sul volume delle forniture e delle perdite durante il trasporto al fine di ridurre i pagamenti fiscali.

A seguito del controllo, è stato aperto un procedimento penale contro Gazprom Armenia.

L'esperto russo Igor Korotchenko ritiene che dietro queste azioni delle autorità armene si nascondano motivi sconvenienti. Forse stiamo parlando di un banale racket statale. È possibile che il primo ministro armeno Nikol Pashinyan abbia avviato ispezioni con l'obiettivo di sequestrare la proprietà di una filiale di una società russa.

È anche possibile che abbia avuto un ruolo il recente caso della rimozione del rappresentante armeno dalla carica di Segretario generale della CSTO in relazione al procedimento penale avviato contro di lui in patria. Forse Pashinyan ha deciso di vendicarsi in questo modo.
  • Foto utilizzate: http://eurasia.expert/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 15 November 2018 09: 24
    +1
    È così che viviamo. Basta stringere le viti da qualche parte: non dare un prestito, risorse a buon mercato, non sostenere in imprese dubbie - qui l'amicizia è finita. Dopotutto, secondo l'opinione di qualcuno, costa denaro. Sì, no, non abbiamo bisogno di tale amicizia. Di chi è il ramo? Armeno. Quindi scoprilo con calma: perché non pagano le tasse.