In Russia, le petroliere della classe Aframax entrarono in serie

Nella città di Bolshoy Kamen, sul territorio del complesso cantieristico Zvezda, si è tenuta una cerimonia di taglio dei metalli per la fabbricazione della seconda petroliera Afromax. Si tratta di moderne navi di grande tonnellaggio della nuova generazione che utilizzano il GNL come carburante, prima che tali navi non fossero state costruite affatto in Russia.



Tali navi sono essenziali per il trasporto di petrolio e prodotti petroliferi. Soprattutto per la Russia, che è il più grande esportatore di idrocarburi del pianeta. E questa importanza è sottolineata dal fatto che alla cerimonia hanno partecipato personalmente la recitazione Oleg Kozhemyako, governatore del territorio di Primorsky e Igor Sechin, capo di Rosneft.

Secondo Igor Sechin, queste petroliere entrarono in produzione. Il peso morto di ciascuno è di 114 mila tonnellate. Soddisfano i più recenti standard ambientali. La loro area di navigazione è illimitata. Cammineranno anche lungo la rotta del Mare del Nord.

Va ricordato che il varo della prima petroliera (di testa) è previsto per il 2020. Allo stesso tempo, il taglio dei metalli per questa nave è avvenuto presso il cantiere navale di Zvezda non molto tempo fa, l'11 settembre 2018. Inoltre, Zvezda è una grande impresa situata a Primorye , è stato creato appositamente da un intero gruppo di grandi compagnie russe, come Rosneftegaz, Rosneft e Gazprombank, per costruire una flotta russa su larga scala.

L'impresa sarà in grado di produrre navi con un dislocamento fino a 350 mila tonnellate. A proposito, il numero di petroliere Afromax ordinate presso il cantiere Zvezda è di 12 unità. In totale, SSK Zvezda ha già firmato più di 30 contratti, anche per un folto gruppo di navi ice-class: 4 navi rifornimento, 10 petroliere con una portata lorda di 42mila tonnellate e una petroliera per 69mila tonnellate.

Per la comprensione. Le petroliere del tipo Afromax (Average Freight Rate Assessment) sono navi con una portata lorda da 80 a 120 mila tonnellate, la loro larghezza non supera i 32,31 metri. L'aumento del numero di queste navi è stato causato dalla messa in servizio dell'oleodotto Siberia orientale - Oceano Pacifico (ESPO). E la domanda di Afromax continuerà a crescere.
  • Foto utilizzate: http://www.imperiyanews.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.