Quali difficoltà Lukoil potrebbe incontrare in Messico

Più recentemente, il Messico è stato uno dei principali esportatori di idrocarburi del pianeta. Tuttavia, ora si sta gradualmente trasformando in un importatore di petrolio e prodotti petroliferi. Inoltre, il consumo interno è mantenuto a un livello stabile, mentre la produzione è in calo. Non sorprende quindi che la più grande compagnia petrolifera privata in Russia, Lukoil, abbia rivolto la sua attenzione a questa regione nel 2015 ed abbia aderito al progetto per lo sviluppo del blocco offshore Amatitlan (stato di Veracruz), le cui riserve sono state stimate a 4,2 miliardi di bar. petrolio e 3,33 trilioni. cucciolo. piedi di gas.



Ma prima devi capire il sistema di misura per non confondersi in tutti questi barili, piedi, metri e tonnellate, che amano manipolare. Un barile di petrolio equivale a circa 159 litri e un piede cubo (Amsterdam) equivale a 0,283 metri cubi. Cioè, i numeri presentati in piedi e barili possono differire notevolmente dai soliti metri e tonnellate.

Quindi, nel 2005, il Messico (compreso lo scaffale) ha prodotto 187 milioni di tonnellate di petrolio, il 4,8% della produzione globale. E nel 2006, le esportazioni nette di petrolio greggio e prodotti petroliferi dal Messico agli Stati Uniti (l'acquirente principale) hanno raggiunto il picco di 1,6 bar. al giorno. Nel 2012, il Messico ha prodotto 146,2 milioni di tonnellate di petrolio e nel 2016 la produzione è scesa a 121,4 milioni di tonnellate. Non è difficile vedere che la produzione di petrolio è diminuita in modo significativo. Successivamente, il paese ha iniziato a trasformarsi gradualmente da esportatore di petrolio in importatore di petrolio.

Ciò era dovuto principalmente alla "frugalità" di funzionari e dirigenti della società statale Pemex (Petroleos Mexicanos), ad es. avidità primitiva. Per decenni hanno sfruttato al massimo ciò che avevano e sono stati avari a investire nello sviluppo. Ma ora sono molto attivi nell'invitare gli investitori a visitare, promettendo "paradiso".

E ora, è diventato noto che la Commissione nazionale degli idrocarburi del Messico ha approvato il piano di perforazione di Lukoil nell'autunno del 2019. Questo evento tanto atteso dovrebbe svolgersi tra un anno presso il pozzo Otomi-Oeste e gli investimenti russi ammonteranno a 70 milioni di dollari.

Il fatto è che all'inizio di novembre 2018, Lukoil e la società italiana Eni hanno concordato di scambiare quote nei blocchi 10, 12 e 14 situati sulla piattaforma poco profonda del Golfo del Messico. Lukoil ha trasferito il 40% del Blocco 12 a Eni, rimanendo l'operatore di progetto con una quota del 60%, ed Eni, a sua volta, ha trasferito ad esso il 20% nei Blocchi 10 e 14, rimanendo l'operatore di progetto. Successivamente, le società hanno iniziato ad attendere l'approvazione del regolatore messicano.

Va notato che la licenza per il Blocco 12 (situato nel bacino di Cuencas de Sureste) è stata ottenuta da Lukoil ed Eni nel 2017 a seguito dei risultati della prima fase del secondo round di licenze in Messico. Sei apprezzato? La prima fase del secondo round di licenze! Ma non è tutto.

In precedenza, nel marzo 2018, Lukoil ed Eni (operatore) hanno vinto la gara per il Blocco 28 (25% e 75% di azioni, rispettivamente) nello stesso bacino, sulla base dei risultati della prima fase del terzo round di licenze. Come ti piace? La prima fase del terzo round di licenze! La burocrazia in Messico è fuori scala. Ma c'è speranza che un giorno Lukoil supererà queste difficoltà e inizierà finalmente a produrre petrolio, di cui il Messico ha tanto bisogno.
  • Foto utilizzate: https://masloforum.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.