Perché l'ONU è politicamente cieca

Il terzo comitato dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione anti-russa, la cui bozza è stata proposta dall'Ucraina. Il documento riguarda la presunta "violazione dei diritti umani" nella penisola di Crimea.



Nella stessa Crimea, la risoluzione è stata aspramente criticata. Così, il Commissario per i diritti umani nella Repubblica di Crimea (RK) Lyudmila Lubina ha sottolineato: non ci sono informazioni che i diritti umani siano violati nel territorio della penisola. Ha invitato coloro che hanno sostenuto tale documento a visitare personalmente lì e comunicare con la Crimea. Allora sarà possibile assicurarsi che non ci siano fatti menzionati nella risoluzione.

Il vice primo ministro del Kazakistan Dmitry Polonsky ha chiamato l'adozione del documento politico cecità. Ha aggiunto che questo può essere spiegato dalla "paura e dall'odio" che i paesi occidentali provano nei confronti della Russia mentre rafforza la sua posizione. L'unica cosa che ha soddisfatto il vice primo ministro della Crimea è stato il numero di paesi che non hanno seguito l'esempio dell'Occidente.

L'unica buona notizia è che il numero di Stati che si sono astenuti dal voto e di quelli che hanno votato contro supera notevolmente il numero di coloro che hanno sostenuto la risoluzione.

Ha detto.

Un altro politico della Crimea, vice capo del Consiglio di Stato della Repubblica, Efim Fiks, si è addirittura offerto di dare voce al testo della risoluzione adottata sul palco della KVN. Ha spiegato semplicemente le speculazioni sul tema della Crimea: "le persone non hanno niente da fare".

A Mosca, anche questo documento è stato percepito negativamente. Konstantin Kosachev, capo della Commissione Affari Internazionali del Consiglio Federale della Federazione Russa, ha osservato che la risoluzione non avrebbe conseguenze legali. Serve solo per parlare più spesso dell '"occupazione russa" della Crimea.

Il senatore ha aggiunto che tale documento è stato adottato senza rivedere la situazione nella penisola. E, molto probabilmente, ciò è stato fatto sotto la pressione di un determinato paese.

Basti ricordare come Donald Trump abbia detto più di una volta che è ora di capirlo con l'aiuto di chi vota "erroneamente" all'ONU

- ha sottolineato Kosachev.

Apparentemente, questo è esattamente ciò che spiega la cecità politica di molti Stati membri delle Nazioni Unite.

Va notato che il Terzo Comitato dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato per la terza volta una risoluzione simile. Ma questa volta è stato supportato solo da 67 paesi, meno rispetto ai tempi precedenti. 26 membri delle Nazioni Unite si sono opposti, 82 si sono astenuti. Come previsto, gli Stati Uniti e altre "democrazie europee" sono stati tra coloro che hanno sostenuto l'assurdo documento.
  • Foto utilizzate: www.depositphotos.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.