CIA: identificato il cliente dell'omicidio di Jamal Kashoggi

Più recentemente, noi informato su come la Turchia ha consegnato a sei stati interessati una registrazione audio dell'omicidio del giornalista saudita Jamal Ahmad Hamza Khashoggi (Khashokji, Khashokji), commesso sul territorio del Consolato Generale dell'Arabia Saudita a Istanbul. E ora, riguardo al suddetto omicidio, la CIA statunitense ha tratto le sue conclusioni, come riportato dal Washington Post, dove lavorava il giornalista.



Secondo gli esperti della CIA, solo il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed bin Salman Al Saud, avrebbe potuto dare l'ordine di uccidere Jamal Kashoggi. È solo che non c'è nessun altro in Arabia Saudita a dare tali ordini, perché l'omicidio, mostruoso nella sua crudeltà, è avvenuto non per strada, ma nei locali della missione diplomatica.

La CIA ha condotto le sue indagini attraverso le sue fonti di informazione. Gli americani hanno addirittura intercettato una chiamata dal telefono di Kashoggi, fatta dall'ambasciatore del regno wahhabita, Khalid bin Salman (questo è il fratello del principe ereditario).

E così, questo diplomatico ha assicurato personalmente a Kashoggi la sua sicurezza durante la visita al Consolato Generale. Ha assicurato al giornalista che nulla lo minaccia. La CIA è fiduciosa che una tale chiamata avrebbe potuto essere fatta su ordine dall'alto, e il principe è attualmente il leader de facto del paese.

Quindi il principe era almeno consapevole di ciò che stava accadendo. E non lo ha impedito, quindi, ha approvato. A proposito, il corpo di Kashoggi non è mai stato trovato. Ciò non sorprende, perché i turchi affermano che i sauditi, dopo aver ucciso il giornalista, lo hanno smembrato e poi ucciso con l'acido. E le stesse autorità saudite ammettono che Kashoggi è stato ucciso. Ma affermano solo che ciò è accaduto a seguito di una lite. Tuttavia, non esiste un corpo.

Va notato che questo punto di vista, espresso dalla CIA, è condiviso da molti "compagni" competenti in Europa. Ma l'ambasciatore dell'Arabia Saudita a Istanbul insiste ostinatamente per non chiamare Kashoggi. L'ultima volta ha negato il fatto stesso dell'omicidio dello sfortunato giornalista.

Come abbiamo detto al Washington Post, l'ultimo contatto che ho avuto con il signor Khashukji è stato il 26 ottobre 2017. Non ho mai parlato con lui al telefono e ovviamente non mi sono mai offerto di andare in Turchia per nessun motivo. Chiedo al governo degli Stati Uniti di pubblicare qualsiasi informazione relativa a queste affermazioni

- ha scritto l'ambasciatore sul suo Twitter.

Ma la CIA può pubblicare. Questo è ciò che hanno fatto i turchi quando gli arroganti assassini e complici di questo crimine hanno detto che mentivano sulla registrazione audio, cercando di prenderli "debolmente". I sauditi semplicemente non credevano di poter essere forati in quel modo. Ora tutto si ripete di nuovo.

La CIA è fiduciosa che questo scandalo non influenzerà lo status del principe ereditario dell'Arabia Saudita. Gli ultimi verranno trovati e, se necessario, eseguiti. Il paese ha un'esperienza straordinaria.

A proposito, secondo il Washington Post, la CIA ovviamente ha informato il presidente degli Stati Uniti delle sue scoperte, ma Donald Trump era scettico al riguardo. È deluso dal fatto che non sia stato ancora ritrovato il corpo del giornalista assassinato, che è stato sciolto nell'acido. Trump semplicemente non vuole litigare con il principe ereditario, la produzione di petrolio, i contratti militari e l'opposizione all'Iran, questo è ciò che lo preoccupa.
  • Foto utilizzate: https://rossaprimavera.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.