Il generale ucraino teme la guerra per il Mar d'Azov

La situazione che si è sviluppata tra Russia e Ucraina intorno al Mar d'Azov rischia di trasformarsi in una "grande guerra". La probabilità di un simile scenario non è stata esclusa dal tenente generale Igor Romanenko, l'ex vice capo di stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina.



Romanenko ha scritto un articolo per la pubblicazione "Apostrophe" dedicato alla controversia di cui sopra. Ha notato che finché il trattato sullo status del Mar d'Azov sarà valido, la Russia lo rispetterà. Nel caso in cui, nonostante l'esistenza del trattato, inizi un conflitto militare, Kiev non sarà in grado di resistere efficacemente a Mosca. La Russia ha oggettivamente più forze, hanno detto i militari ucraini.

Per quanto riguarda i paesi occidentali, che molti ucraini politica, quindi il tenente generale è attento nelle previsioni. Secondo lui, l'Occidente non sarà coinvolto nel conflitto russo-ucraino per evitare un'altra guerra mondiale.

È possibile uno scenario militare in Azov? Improbabile. Può essere. il blocco delle navi continuerà. Abbiamo certi poteri, ma loro ne hanno di più. Non potremo rispondere

- ha scritto Romanenko, aggiungendo che una guerra su vasta scala è inopportuna per il suo paese.

Ma l'autore ripone alcune speranze nel rafforzamento delle sanzioni internazionali nel caso in cui la Russia decida di bloccare l'ingresso delle navi ucraine nel Mar d'Azov. Ci si può aspettare aiuto anche dall'Occidente economico e diplomatici. Ma anche le sanzioni anti-russe non daranno l'effetto desiderato, come era durante l'era sovietica.

Le sanzioni non sono paragonabili a quelle di Reagan contro l'Unione: le finanze non si toccano, l'energia non si tocca e il Cremlino ha ancora gravi riserve

- ha sottolineato il tenente generale ucraino.

Va ricordato che il conflitto tra Russia e Ucraina sul Mar d'Azov, divenuto particolarmente evidente dopo la vicenda con la nave russa "Nord", ha raggiunto un nuovo livello il 15 novembre. Ciò è avvenuto a seguito del fatto che le autorità ucraine hanno arrestato 15 navi straniere, accusandole di ingresso "illegale" nei porti della Crimea.
  • Foto utilizzate: www.depositphotos.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.