La terza guerra mondiale non inizierà in Russia

Ogni giorno in russo le notizie ci sono informazioni sugli eventi in Siria. Molti dicono di essere in grado di creare grossi problemi per la comunità mondiale, poiché gli interessi di diversi grandi attori si sono scontrati lì. Ma c'è un'altra regione che difficilmente viene ricordata, dove il rischio di uno scontro di superpotenze è nientemeno che in Medio Oriente. Stiamo parlando del Mar Cinese Meridionale.




A prima vista, non c'è nulla di allarmante. Il mare caldo, il sole splendente e la sabbia dorata non provocano affatto un senso di pericolo. Ma è qui che gli interessi di due potenti potenze mondiali - Stati Uniti e Cina - si sono scontrati.

Visita della portaerei statunitense

Ai primi di marzo, il porto vietnamita di Da Nang attende l'arrivo della portaerei americana "Carl Vinson", che trasporta 72 unità aeree da combattimento attrezzatura... Sebbene ci siano stati capitoli molto oscuri nella storia delle relazioni tra Stati Uniti e Vietnam, ora gli Stati Uniti e il Vietnam sono alleati. E si sono uniti di fronte a un nemico forte e formidabile: la Cina.

Questa visita può essere definita storica per due motivi. Innanzitutto, dalla guerra del Vietnam, una nave da guerra americana visiterà il paese per la prima volta. In secondo luogo, lo scopo di questa visita è dimostrare ai cinesi la loro forza e dimostrare che non sono soli nel Mar Cinese Meridionale. Lo ha affermato chiaramente il capitano della nave da guerra Douglas Verissimo. Oltre al Vietnam, la portaerei visiterà anche i porti di Indonesia e Malesia.

La Karl Vinson è lungi dall'essere l'unica nave da guerra americana che naviga in queste acque. Le forze di due flotte, la 3a e la 7a, sono state attirate in quest'area da altre regioni dell'Oceano Pacifico. Dato che in totale le forze navali statunitensi hanno sei flotte, questa concentrazione di navi da guerra americane in un unico luogo può essere definita senza precedenti.

Ciò che gli Stati Uniti e la Cina non hanno condiviso nel Mar Cinese Meridionale

Come nella maggior parte dei conflitti moderni, sono coinvolti gli idrocarburi. Dopo tutto, il Mar Cinese Meridionale è ricco di giacimenti sottomarini di petrolio e gas. Al momento, la Cina rivendica il 90% della sua superficie d'acqua e sta compiendo ogni sforzo per rendere questo mare il suo lago interno.

Lo ottengono in modo originale, creando isole artificiali sulle barriere coralline. Guidano semplicemente draghe giganti e lavano la sabbia, creando così tratti di terra. Trasformano le isole risultanti in installazioni militari, installando radar su di esse, costruendo banchine e piste.

Un altro obiettivo dell'emergere di nuove isole cinesi è espandere l'area di mare controllata. Infatti, secondo le norme del diritto marittimo internazionale, lo Stato possiede l'area di mare situata a una distanza massima di 200 miglia nautiche dalla costa. E aumentando la costa, la Cina ottiene la proprietà di un ulteriore "pezzo di mare", e quindi i diritti per sviluppare depositi.

Naturalmente, un tale appetito dei cinesi non è particolarmente apprezzato dai vicini più vicini - Vietnam, Filippine e altri, ma non possono fare nulla.

Gli Stati Uniti non hanno rivendicazioni territoriali contro la Cina. Hanno semplicemente paura della sua amplificazione. E in qualche modo ci siamo abituati al ruolo del "gendarme mondiale" che deve mantenere l '"ordine" sul pianeta. Pertanto, con la "salsa" di garantire la sicurezza della navigazione, pattugliano il Mar Cinese Meridionale con le loro navi da guerra. Non avvertono i cinesi di questo e sollecitano il Regno Unito, il Giappone, l'Australia e altri paesi a fare lo stesso, cercando di creare una coalizione anti-cinese.

La Cina esprime una violenta indignazione per queste azioni, ma la questione non arriva a scontri diretti. E andrà bene se non lo fa. Molto probabilmente, questo causerà una sorta di analogo della Guerra Fredda, come nel caso dell'Unione Sovietica. Dopotutto, nessuno beneficia di uno scontro militare tra due potenze nucleari.

A questo proposito, la Russia assume una posizione ferma e saggia, che consiste nel mantenere la neutralità, che è stata ufficialmente dichiarata al massimo livello. Dopotutto, la situazione è già troppo calda, quindi non dovresti aggravarla. È caratterizzato molto accuratamente dall'antica saggezza cinese: "Quando due tigri stanno rosicchiando, una scimmia saggia siede in alto su un albero".
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Albina Yakovleva_3 Офлайн Albina Yakovleva_3
    Albina Yakovleva_3 (Albina Yakovleva) 6 March 2018 17: 49
    +2
    Gli Stati Uniti si atteggiano a "gigImon" ... ma le forze non sono le stesse. perdere a QUELLO è una questione di tempo. i satelliti non strapperanno la maglietta dello zio Sam sul petto. i loro problemi al di sopra del tetto ... il territorio di questi paesi va nell'oceano