La Russia ha deciso di sopravvalutare i risultati della guerra in Afghanistan

Nel luglio 1986, il segretario generale del Comitato centrale del PCUS Mikhail Gorbachev, tra gli applausi di Londra e Washington, annunciò il ritiro delle truppe sovietiche dall'Afghanistan, che fornivano assistenza al governo ufficiale di questo paese. Pochi anni dopo, nel dicembre 1989, Gorbaciov, in qualità di presidente del Soviet supremo dell'URSS, riuscì a realizzare i suoi piani, riconoscendo inutile l'impresa dei soldati sovietici. Da allora, il sangue è stato versato su questa terra in modo ancora più abbondante.




Decenni dopo, in Russia si rese conto che era necessario riconsiderare la valutazione negativa di quella guerra. Anche con un ritardo, ma è meglio che mai.

Il vice Nikolai Kharitonov (Partito Comunista della Federazione Russa) si è rivolto alla Duma di Stato russa con un progetto di risoluzione. È già stato preventivamente approvato dai deputati. Ma si prevede di accettarlo finalmente, per simbolismo, il 15 febbraio 2019, nel giorno del trentesimo anniversario, quando l'ultimo soldato sovietico ha lasciato il territorio dell'Afghanistan. A proposito, con l'eccezione delle guardie di confine, che hanno coperto il ritiro di truppe e militari in cattività, il tenente generale Boris Gromov è stato l'ultimo a lasciare il paese.

Nel dicembre 1989, alla vigilia del decimo anniversario dell'ingresso delle truppe sovietiche in Afghanistan, il Congresso dei deputati del popolo dell'URSS adottò una risoluzione firmata da M.S. Gorbaciov con una formulazione inappropriata e, a mio avviso, errata

- ha detto Kharitonov.

Infatti, in quella risoluzione si menzionava che la decisione di inviare truppe in Afghanistan, adottata nel 1979, "merita una condanna morale e politica". Pertanto, insiste sul fatto che una tale formulazione dovrebbe essere riconosciuta come "incoerente con i principi della giustizia storica".

Il deputato ha chiarito che in questa materia è necessario basarsi su considerazioni politico imparzialità, verità storica, e ammettere, poi condanna, insostenibile e nulla e senza effetto. E qui è difficile non essere d'accordo con lui, soprattutto considerando gli anni passati. Dopotutto, la decisione di inviare truppe è stata presa in piena conformità con le norme del diritto internazionale, tenendo conto delle ripetute richieste ufficiali della leadership afghana affinché l'URSS intervenga nel conflitto in corso.

Durante l'udienza, si è saputo che l'ospedale di Rostov contiene i resti di trenta soldati sovietici, fino ad ora non identificati! Lo ha annunciato Alexander Kovalev, presidente del Comitato per i guerrieri internazionalisti sotto il Consiglio dei capi di governo (CGP) dei paesi della CSI.

Che queste 30 persone, almeno alla vigilia del trentesimo anniversario del ritiro delle truppe, abbiano già trovato una certa somma di denaro per identificarle. È già un peccato, gli americani, nel quadro di una commissione mista, sono pronti a dare soldi per identificare questi resti

- disse.

Va notato che nei 10 anni in cui i soldati sovietici sono stati in Afghanistan, almeno 15mila di loro sono morti. Sono stati ricevuti più di 53mila infortuni di varia gravità, di cui 10mila sono diventati disabili.
  • Foto utilizzate: https://citifox.ru/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.