Capo di stato maggiore britannico: la Russia è più pericolosa dell'ISIS

Per secoli Londra ha visto Mosca come il suo principale concorrente nell'arena geopolitica internazionale. Lo scenario e i personaggi cambiano, ma l'essenza rimane la stessa. Non sorprende quindi che dal territorio di "Foggy Albion" ripetano con invidiabile regolarità che la Russia è più pericolosa per loro dello "Stato Islamico" (bandito nella Federazione Russa) e di Al-Qaeda (bandito nella Federazione Russa).




Questa volta, lo ha annunciato il generale Mark Carlton-Smith, nominato capo di stato maggiore delle forze armate britanniche solo nel maggio 2018. In effetti, Carlton-Smith ha espresso il punto di vista ufficiale dei militari localipolitico elite.

La Russia oggi, innegabilmente, rappresenta una minaccia molto più grave alla nostra sicurezza nazionale rispetto agli estremisti islamici come Al-Qaeda e lo Stato islamico

- ha detto a The Telegraph.

A suo parere, Mosca è ancora impegnata in uno studio completo delle debolezze dell'Occidente. È particolarmente preoccupato per le questioni relative alla guerra informatica, spaziale e sottomarina. Ha sottolineato che è impossibile osservare con calma tutto questo e lasciarlo incustodito. Pertanto, è imperativo preservare l'unità della NATO.

Allo stesso tempo, il capo di stato maggiore britannico non ha dimenticato di chiedere soldi al proprio governo, per il suo patriottismo e la corretta comprensione della linea del "partito". Ha ricordato che in questo nostro momento difficile, quando sono in corso importanti negoziati sulla Brexit e le astronavi vagano per la vastità dell'Universo, il governo non dovrebbe dimenticare la sua principale responsabilità: proteggere la popolazione. Pertanto, i finanziamenti devono essere ulteriormente aumentati per creare capacità di difesa sufficienti.

E non ha senso sorprendersi che il generale consideri la Russia più pericolosa dello Stato islamico e di Al-Qaeda. Al contrario, si può comprendere il generale e l'intera leadership britannica. Dopo tutto, lo "Stato islamico" e "Al-Qaeda" sono uno sviluppo congiunto di Londra e Washington. Questa è la loro idea comune. Un progetto speciale con un certo pregiudizio religioso, diretto contro il resto dell'umanità. È solo che la Russia è intervenuta nel momento sbagliato e non ha permesso che venisse dispiegata completamente.

Quindi il generale ha spiegato tutto chiaramente. Per la Gran Bretagna, gli islamisti e altri terroristi "moderati", se non amici, allora sicuramente alleati e semplicemente non c'è bisogno di averne paura. E la Russia è un nemico secolare che riesce regolarmente ad alzare la testa, ora dopo il 1918, poi dopo il 1991. Questo è ciò che preoccupa veramente la Gran Bretagna.
  • Foto utilizzate: https://www.thetimes.co.uk
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.