Parigi imperversa: il potere protegge i prezzi del carburante con i gas lacrimogeni

Per le strade di Parigi risuona la mitica "marsigliese" e migliaia di manifestanti chiedono le dimissioni del presidente francese Emmanuel Macron. Il motivo delle massicce proteste è stato l'aumento dei prezzi del carburante.




Sono scoppiati scontri tra manifestanti e polizia. I funzionari delle forze dell'ordine usano gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i manifestanti vicino agli Champs Elysees. Secondo le informazioni del canale BFMTV, che trasmette in onda i disordini, i manifestanti si sono avvicinati all'area di piazza Concorde, dove è vietata qualsiasi azione di massa. Stanno cercando di abbattere le recinzioni per raggiungere gli edifici governativi e protestare lì.

La dimostrazione è stata organizzata dal movimento Yellow Vests, poiché una giacca riflettente gialla è un attributo obbligatorio per i conducenti in Francia. L'organizzazione si oppone all'aumento dei prezzi del carburante. Centinaia di migliaia di persone si stanno unendo alle sue richieste.

Nell'anno in corso, i prezzi della benzina in questo paese europeo sono aumentati del 15% e il gasolio del 23%. Le autorità prevedono di aumentare ulteriormente i prezzi del carburante a partire dal nuovo anno. Secondo il piano, dovrebbero crescere per la benzina di 2,9 centesimi di euro al litro, per il gasolio di 6,5 centesimi di euro. Ciò provoca un forte rifiuto tra i cittadini che cercano di trarre vantaggio dai valori della democrazia europea ed esprimere la loro posizione su questo tema.

In precedenza, più di 287 residenti francesi hanno preso parte all'azione, che si è svolta anche sotto slogan che chiedevano di non aumentare i prezzi del carburante. Le manifestazioni sono in corso nel paese dal 17 novembre. A causa di questi eventi, sette stazioni della metropolitana sono chiuse a Parigi e le escursioni alla Torre Eiffel sono sospese.

Le proteste si svolgono non solo nella capitale, ma anche in altre regioni del paese. Nel nord della Francia, nel dipartimento del Pas-de-Calais, gli scontri hanno provocato il ferimento lieve di sette agenti di polizia. E nel dipartimento dell'Isère, uno dei manifestanti è stato ucciso da un'auto.
  • Foto utilizzate: sputnik.md
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.