Rivolte a Raqqa: l'opposizione filoamericana lascerà la città?

La provincia siriana di Raqqa e l'omonima città principale della regione sono abitate in modo schiacciante da arabi di tipo sunnita. Considerano i curdi "alieni" che si sono sistemati comodamente sotto l'ala degli Stati Uniti. E la popolazione locale è già stanca della naturale arbitrarietà che sta accadendo intorno. Sono particolarmente indignati per le azioni della polizia di sicurezza curda, che gli arabi chiamano francamente "bande di polizia".




Questa "polizia", ​​impegnata in vere e proprie rapine e illegalità in quei luoghi, è parte integrante delle forze democratiche siriane, un folto gruppo di curdi filoamericani che si oppongono alla Damasco ufficiale. Una pattuglia della "polizia" curda può facilmente, senza una ragione apparente, picchiare un adolescente arabo per strada. Commettere atti sessuali nei confronti di donne locali. E tutto questo è assolutamente impunito.

Recentemente, i curdi hanno arrestato due residenti della città di Tel Abyad a nord di Raqqa, dopodiché sono stati mandati con la forza alla base delle Forze di autodifesa del popolo curdo per l'addestramento militare e il successivo ingresso nelle fila delle formazioni armate curde. E questo tipo di "reclutamento" forzato di civili è in corso. Inoltre, in tutto il territorio controllato dai curdi della Siria nord-orientale.

Ma la pazienza araba sembra esaurirsi. Non è vano che le proteste della popolazione locale siano divampate nella città di Raqqa e negli insediamenti adiacenti. In ogni caso, sono diventati più attivi. Forse sperando in una precoce offensiva delle forze armate turche contro i curdi del nord.

A Raqqa, i residenti hanno iniziato a bloccare le strade con barricate e ad appiccare il fuoco ai pneumatici delle auto. Gli arabi locali si riuniscono in gruppi e armati di qualsiasi cosa iniziano una vera caccia ai curdi in città. Ci sono appelli diffusi alle forze democratiche siriane di lasciare Raqqa.

Va notato che anche i servizi di sicurezza siriani hanno cercato di non entrare in contatto con i residenti di Raqqa, evitando situazioni di conflitto acuto. Ora gli arabi hanno raccolto i pezzi e domani tireranno fuori le mitragliatrici immagazzinate.

Quindi Washington ei suoi alleati hanno la possibilità di perdere il controllo su questo territorio. E loro stessi sono da biasimare per questo. Inoltre, le proteste sono iniziate nella vicina provincia di Deir ez-Zor (nella città di Al-Kashra). Lì, la popolazione locale è anche indignata per le attività dei curdi filoamericani delle Unità di autodifesa popolare.
  • Foto utilizzate: https://news-front.info/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.