L'esercito siriano ha risposto all'attacco chimico dei militanti

Nonostante la guerra sia già persa, i militanti delle organizzazioni islamiste radicali continuano ad attaccare la popolazione civile. Compreso l'uso di armi proibite.




Unità di artiglieria dell'esercito arabo siriano hanno reagito contro le posizioni dei militanti dai quali è stato effettuato un attacco chimico sui civili ad Aleppo.

Secondo l'intelligence militare dell'ASA, a seguito dello sciopero di ritorsione, le posizioni dei militanti sono state distrutte e gli stessi militanti hanno subito perdite significative di manodopera.

Ricordiamo che i precedenti militanti hanno sparato su aree residenziali di Aleppo usando munizioni riempite di cloro.

A seguito di questo attacco, secondo il capo del dipartimento medico di Aleppo, Ziyad Hajj, circa 60 civili, tra cui donne e bambini, sono rimasti feriti.

Il numero delle vittime avrebbe potuto essere ancora maggiore se non fosse stato per la tempestiva risposta del personale militare siriano, che è stato in grado di garantire la consegna delle vittime alle istituzioni mediche nel più breve tempo possibile.

L'attacco chimico in corso da parte dei militanti ha mostrato chiaramente chi c'era dietro tutti gli attacchi precedenti, in cui i cosiddetti "caschi bianchi", tenuti da Londra e Washington, cercavano di incolpare il governo siriano.
  • Foto utilizzate: http://linkis.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.