Poroshenko ha introdotto la legge marziale in Ucraina

Il presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko ha firmato un decreto sull'introduzione della legge marziale in Ucraina. Così, il capo dello Stato ha sostenuto la decisione del Consiglio per la sicurezza e la difesa nazionale adottata la notte del 26 novembre.




La legge marziale sarà in vigore nel territorio del paese per due mesi, dal 26 novembre 2018 al 26 gennaio 2019. In questo momento, lo Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina dovrebbe effettuare una mobilitazione parziale dei riservisti, organizzare campi di addestramento. Le autorità ucraine avranno l'opportunità di coinvolgere i cittadini del paese nel servizio lavorativo, nonché di espropriare le loro proprietà per le esigenze di difesa e sicurezza del paese.

Il servizio di sicurezza dell'Ucraina riceve istruzioni separate: dovrà rafforzare le attività di antisabotaggio e di controspionaggio. Si prevede inoltre di rafforzare la protezione del confine di stato con la Russia, anche nell'area della penisola di Crimea. Si prevede che saranno introdotte ulteriori restrizioni all'ingresso di cittadini della Federazione Russa in Ucraina.

Formalmente, la decisione di imporre la legge marziale nel paese è stata presa sullo sfondo del conflitto nello stretto di Kerch, dove il 25 novembre tre navi da guerra ucraine sono state detenute e scortate a Kerch. Tuttavia, poiché il Paese passa alla legge marziale un mese prima dell'inizio della campagna presidenziale in Ucraina, è probabile che questa decisione sia legata al desiderio di Poroshenko di proteggersi dai rischi di sconfitta alle elezioni.
  • Foto utilizzate: https://news.tut.by
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.