Il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha bloccato la discussione sul conflitto di Kerch

Il Consiglio di sicurezza dell'ONU si è riunito per una riunione di emergenza, ma i suoi risultati si sono rivelati opposti alle aspettative che Mosca aveva riposto su questo evento.




Dmitry Polyansky, Vice Rappresentante Permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite, dopo aver ricevuto la parola, ha detto che l'Ucraina stava "fomentando" la militarizzazione del Mar d'Azov e ha invitato i paesi del mondo a non assumersi la responsabilità per politica di Leadership di Kiev.

Tuttavia, il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha deciso di bloccare l'esame della questione della Federazione Russa sulla situazione sviluppatasi il 25-26 novembre nello stretto di Kerch.

L'iniziatore immediato del blocco della questione è stato il rappresentante permanente degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite. È stata lei a chiedere ai membri del Consiglio di sicurezza di votare contro la proposta della Federazione Russa. Di conseguenza, sette membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU hanno votato contro l'inclusione della questione all'ordine del giorno, quattro membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU hanno votato a favore e altri quattro membri del Consiglio di sicurezza dell'ONU si sono astenuti.

Ricordiamo che attualmente il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, oltre ai suoi cinque membri permanenti - Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia, include Bolivia, Kazakistan, Costa d'Avorio, Kuwait, Paesi Bassi, Perù, Polonia, Svezia, Guinea Equatoriale ed Etiopia.
  • Foto utilizzate: https://24.kz/ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) 26 November 2018 20: 06
    +3
    In seguito al mio articolo del 24.11.2018 novembre XNUMX (Siamo stati "gettati" con l'Interpol. La Russia ha bisogno di PACE, OSCE, CEDU o ONU?)
    Nessuno sapeva in anticipo come sarebbe finita la riunione del Consiglio di Sicurezza? Qualcun altro potrebbe aver pensato che la rispettata "comunità mondiale" questa volta finalmente ascolterà le nostre argomentazioni riguardo alla violazione di qualcosa là fuori da qualche parte là fuori sotto alcuni articoli? E la parte ucraina sarà punita o condannata? Sì, non importa come! Tutti punteranno di nuovo il dito contro l '"aggressore" Russia, forse ci verranno imposte le prossime sanzioni, ecc., Ei nostri vicini ucraini, cioè il loro folle regime, saranno nuovamente aiutati con denaro e armi. E se improvvisamente (cosa che non può essere!), Qualcosa nel Consiglio di Sicurezza dell'ONU non va come vogliono, allora gli Stati Uniti ei loro fedeli alleati "faranno alleanza" immediatamente. È tutto.
    Con tutto questo, che ci piaccia o no, non dovremmo dimenticare che la penisola di Crimea come parte della Federazione Russa non è stata ancora riconosciuta da nessuno tranne che dalla stessa Federazione Russa. Cioè, secondo gli stessi articoli delle stesse norme e trattati internazionali citati dai nostri stimati esperti e diplomatici, siamo in conflitto con tutto questo, in linguaggio legale. Ed è proprio la parte ucraina, dal punto di vista di tutte le norme internazionali applicabili, ha il diritto di dichiarare che le sue navi da guerra erano nelle proprie acque territoriali, e le navi da combattimento e gli aerei del paese aggressore e occupante li hanno attaccati lì senza motivo. So che la Crimea è nostra e, credimi, ne sono sinceramente felice. Sarei felice che il Donbass diventasse nostro e molto altro ancora. È possibile ripetere fino alle lacrime il ritorno "al porto di origine" e fare appello al "precedente del Kosovo", ai "diritti dei popoli all'autodeterminazione", ai risultati del referendum in Crimea, e così via. Ma in realtà le cose stanno così: infatti la Crimea è nostra, tutti lo capiscono per certo, ma legalmente e secondo tutte le norme internazionali la Crimea appartiene ancora all'Ucraina e anche alle sue acque territoriali. Piaccia o no, è anche un dato di fatto. E la nostra leadership, dal mio punto di vista, si è ora spinta proprio in questo conflitto. O si concentra sui fatti e sulla realtà, e in conformità con questo agisce in modo decisivo, quindi fornisce esso stesso riferimenti a determinati regolamenti o leggi internazionali, che di per sé non sono più stati a lungo un dato di fatto, ma sono essenzialmente pezzi di carta vuoti che i nostri nemici usano, quando è vantaggioso per loro, e quando no, non prestano loro attenzione. Quindi dobbiamo finalmente decidere: se viviamo e agiamo secondo i fatti e la realtà, o secondo il diritto internazionale “virtuale” di molto tempo fa. Se rivendichiamo la posizione di superpotenza, allora dobbiamo comportarci di conseguenza. Gli americani, ad esempio, quando arrestano i nostri cittadini da qualche parte in Africa o in Thailandia, si riferiscono esclusivamente al fatto che LORO sono stati violati, cioè la legislazione americana, e anche dal LORO punto di vista. Questo perché tali azioni non sono legittime in base a nessuna norma internazionale. Le truppe statunitensi invadono dove vogliono senza alcun "mandato ONU", solo se dichiarano questo territorio una zona dei loro interessi nazionali, per loro basta, sono una superpotenza. Quindi si comportano bene. E abbiamo un passo avanti, verso il superpotere, e poi due passi indietro, verso norme internazionali incomprensibili, la maggior parte delle quali erano ancora originariamente inventate contro di noi. Dobbiamo ancora decidere se siamo una superpotenza o no? E se è così, in questo caso, le navi da guerra ucraine di fatto hanno violato le acque territoriali della Federazione Russa. Abbiamo violato la NOSTRA LEGGE SUL NOSTRO TERRITORIO. Tutto. Point. Le navi devono essere confiscate, gli equipaggi devono essere piantati, almeno per un breve periodo. E dire che la prossima volta semplicemente affonderemo e non capiremo. Chiunque infranga la NOSTRA legge, lo puniremo ovunque si trovi. Questa è la posizione di una superpotenza. E non c'è niente su cui discutere. E nessun Consiglio di sicurezza dovrebbe essere convocato su questo argomento. E così nessun altro verrà. Ma puoi, ovviamente, provare sia attraverso le convenzioni internazionali, sia attraverso l'OSCE, l'ONU e così via ... E poi di nuovo mi chiedo come mai nessuno ci ascolta, e tutti ci stanno ancora ingannando, cattivi ... Ma prenderemo ed esprimeremo loro "preoccupazione" per questo, oppure no, lo faremo con durezza - esprimeremo "profonda preoccupazione"! Allora qual è il migliore?
    1. Georgievic Офлайн Georgievic
      Georgievic (Georgievico) 26 November 2018 20: 46
      +2
      E dì che la prossima volta affonderemo e non capiremo

      È accettato. Ma allo stesso tempo è necessario ripetere ad ogni angolo che questa è una minaccia per la sicurezza della Federazione Russa. Dobbiamo prendere un esempio a questo riguardo da Israele e dagli Stati Uniti, che ripetono questo mantra ad ogni passo.
    2. nznz Офлайн nznz
      nznz (Igor) 26 November 2018 22: 01
      +3
      generalmente corrisponde alla mia comprensione della situazione.
      Ben stanco di esso.
      E tutto il tempo sogno una cosa: non lasciare che questi bastardi come Poroshenko e viziosi urlatori se ne vadano. Scrivi a tutti. E poi presenti e chiedi il mercato. Il tribunale, è possibile non internazionale, anche se internazionale sarebbe una vaccinazione utile. E su un ramo a raccogliere prezzemolo con i compagni. Per tutto questo.
  2. lavoratore dell'acciaio 26 November 2018 21: 10
    +3
    Sono stupito dall'ingenuità dei nostri funzionari del ministero degli Esteri. Vivono in una realtà diversa. Ci uccideranno e annuiranno tutti al diritto internazionale. La principale responsabilità dello Stato è la sicurezza e il benessere dei suoi cittadini. E se le leggi internazionali danneggiano solo, non preoccuparti di tali leggi. Quindi quello che hanno aspettato per 6 ore, hanno ancora usato l'arma. Immediatamente è stato necessario fermare le violazioni e la conversazione è stata breve. E così è sempre, se la verità è nostra.
  3. S.V.YU Офлайн S.V.YU
    S.V.YU 27 November 2018 08: 38
    +1
    Ingenuità, la stessa stupidità! Qualcuno si aspettava che il Consiglio di sicurezza condannasse all'unanimità l'Ucraina? Dudki! Il Consiglio di Sicurezza deciderà come piace agli Stati Uniti! Cioè, la Russia è sempre responsabile di tutto!
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) 27 November 2018 11: 45
      +1
      A proposito, qualcuno ricorda il caso in cui gli Stati Uniti hanno convocato il Consiglio di sicurezza per il fatto che qualcuno li ha attaccati da qualche parte? O in qualche modo li ha offesi? Acque territoriali violate sulle navi da guerra? Abbattuto il loro aereo? No? Non sono qui. Sì, e così poche persone vengono in mente in questo modo? -Assalto agli Stati Uniti! E tutto perché si comportano in modo tale che nessuno li attacca, tutti ne hanno paura. Nel frattempo risolveremo tutto questo con "preoccupazioni", convocazioni del Consiglio di Sicurezza, ecc., Così continuerà e continuerà ...