A Mosca migliaia di persone sono state evacuate dai centri commerciali

Nella capitale russa, di nuovo un'epidemia di chiamate anonime sull'estrazione di oggetti importanti.




A mezzogiorno del 28 novembre, i visitatori e il personale di 12 centri commerciali di Mosca sono stati evacuati: "Gorod", "Gorbushkin Dvor", "Viva", "Atrium", "Zvezdochka", "Tsvetnoy", "Electronics on Presnya", "Zvezda", " Capitol "," Gagarinsky "," Megapolis "e" Good ".

Negli edifici dei centri commerciali lavorano operatori e conduttori di cani. In generale, più di 3,75 mila persone sono state evacuate dagli oggetti rilevati.

Anche nei media c'erano informazioni che visitatori e dipendenti erano stati evacuati dai locali della stazione ferroviaria Kievsky a Mosca. Tuttavia, poi si è scoperto che la stazione continua a funzionare normalmente. Ma sul suo territorio sono arrivati ​​addestratori di cani e agenti dei servizi segreti.

Recentemente, una serie di chiamate anonime sul "mining" di alcune strutture infrastrutturali vengono effettuate sempre più spesso. È possibile che questi appelli siano una provocazione deliberata delle forze anti-russe.

Ad esempio, un anno fa, i centri commerciali sono stati evacuati in massa a San Pietroburgo. Quindi è stato possibile stabilire che la maggior parte delle chiamate proveniva dal territorio dell'Ucraina.

Se ricordiamo che ora i rapporti tra i nostri paesi sono molto tesi a causa degli eventi nello stretto di Kerch, allora l'epidemia di chiamate anonime può avere una spiegazione.
  • Foto utilizzate: https://news.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.