La Russia si prepara alla difesa contro le mine nel Mar d'Azov

Si è saputo che il dragamine della marina russa "Vice-ammiraglio Zakharyin" (porto d'origine Novorossiysk) è passato dal Mar Nero a quello di Azovskoye. Lo riporta Reuters, indicando che il Mar d'Azov è diventato una zona di maggiore tensione dopo l'incidente nello stretto di Kerch.




Va notato che questa nave del progetto 02668 è stata varata nel 2006 e, dopo aver attraversato le vie navigabili interne nel 2008, fa parte della flotta russa del Mar Nero. È dotato di mezzi speciali per neutralizzare le mine e di un sistema di rilevamento delle mine fondamentalmente nuovo. A differenza dei progetti precedenti, in cui la ricerca di mine viene effettuata utilizzando armi spazzanti, cerca mine lungo il percorso. Questa è una differenza fondamentale.

L'apparizione di una nave del genere nell'area acquatica del Mar d'Azov indica che i militaripolitico la leadership della Russia è molto seria riguardo a possibili attività di sabotaggio da parte di paesi ostili. In precedenza, il dragamine ha effettuato la protezione contro le mine della base navale di Novorossiysk.

Va ricordato che il 25 novembre 2018 le autorità di Kiev, utilizzando la loro Marina Militare, disposte provocazione pericolosa nello stretto di Kerch. La Russia è stata costretta ad adottare misure per proteggere la navigazione nelle sue acque territoriali. Poi le navi ucraine e le loro equipaggi sono stati arrestati.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.