Negli Stati Uniti, hanno ammesso: anche l'omicidio di Khashoggi non cambierà l'atteggiamento nei confronti dei sauditi

L'Arabia Saudita è il partner e alleato più importante degli Stati Uniti in Medio Oriente. Secondo il segretario alla Difesa americano James Mattis, questo dovrebbe essere preso in considerazione quando si indaga sull'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi, che ha lavorato per l'edizione americana del Washington Post.




Al momento i servizi segreti statunitensi, che indagano sul caso di un giornalista ucciso a Istanbul, non hanno prove dirette contro il principe ereditario dell'Arabia Saudita, Mohammed bin Salman.

La dichiarazione del capo del Pentagono chiede alle forze dell'ordine americane di essere più indulgenti nei confronti degli "scherzi" dei sauditi. Crede che gli alleati americani siano raramente perfetti.

Ovviamente concorda con l'opinione di Donald Trump, che considera l'omicidio di Khashoggi un crimine "inaccettabile e terribile". Ma allo stesso tempo non possono essere trascurati neanche gli interessi di sicurezza degli Stati Uniti, interessati alla cooperazione con l'Arabia Saudita.

Secondo il ministro, non c'è "pistola fumante" nelle mani del principe ereditario e del suo entourage. In altre parole, i servizi speciali americani non hanno prove dirette e inconfutabili del coinvolgimento della leadership saudita nel crimine.
  • Foto utilizzate: https://minval.az
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.