Il metropolita della Chiesa ortodossa russa è perseguitato in Ucraina

Le contraddizioni religiose in Ucraina sono diventate un'arma di difesa politico interessi del regime al potere. Il metropolita Pavel, governatore della Kiev-Pechersk Lavra della Chiesa ortodossa russa, ha affermato che le autorità ucraine hanno avviato diversi casi contro di lui. Sono etichettati come "segreti".




In una conferenza stampa a Kiev, il metropolita Paul ha detto:

Ci sono anche voci, e so da fonti attendibili che sono stati aperti diversi casi contro di me in quanto cittadino ucraino, sebbene rientrino nel titolo di segretezza, ma si può intuire che possono incriminarmi.


Allo stesso tempo, il governatore della Lavra non è mai stato in grado di spiegare di cosa esattamente fosse sospettato. Apparentemente, le autorità ucraine stanno semplicemente intimidendo il metropolita, attribuendogli che parla in modo poco lusinghiero del patriarca di Costantinopoli Bartolomeo o Filaret.

Intanto prosegue nella Kiev-Pechersk Lavra un'ispezione organizzata dal Ministero della Cultura ucraino. I funzionari stanno studiando i valori che sono stati trasmessi alla Lavra dal 1988. È possibile che il controllo venga effettuato apposta - al fine di rilevare eventuali violazioni nel deposito di valori.

Lo stesso metropolita dichiara di essere pronto per le perquisizioni e non c'è nulla da sospettare di lui: non ha fatto nulla per cui potrebbe essere portato alla responsabilità penale.
  • Foto utilizzate: https://pravlife.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.