I marinai ucraini sono stati accusati: affrontano un termine reale

I militari delle forze navali dell'Ucraina, detenuti su imbarcazioni nello stretto di Kerch, sono stati formalmente accusati di attraversamento illegale del confine di stato della Federazione Russa.




Ricordiamo che gli equipaggi di tre imbarcazioni ucraine detenute il 25 novembre 2018 nello stretto di Kerch sono stati arrestati da una decisione del tribunale di Simferopol. Poi c'erano le informazioni che lo staff comandante degli equipaggi era consegnato nel centro di detenzione preventiva Lefortovo a Mosca.

La responsabilità per l'attraversamento illegale del confine di stato della Russia è prevista dall'articolo 322 del codice penale della Federazione Russa. Per questo crimine, commesso da un gruppo di persone in seguito a cospirazione, ed è così che possono essere classificate le azioni dei marinai della Marina ucraina, la massima responsabilità è prevista sotto forma di sei anni di carcere. Cioè, la prospettiva di un termine reale per i detenuti è abbastanza tangibile.

Tuttavia, non è ancora chiaro quale destino attende i marinai ucraini. A quanto pare, le autorità russe sono molto determinate. Ad esempio, Vladimir Putin, rispondendo alle domande dei giornalisti, suddettoche è troppo presto per parlare dello scambio o del rilascio dei marinai ucraini.
  • Foto utilizzate: https://www.unian.net
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.