Lo hai chiesto tu: come la “diplomazia” americana sta costringendo la Cina ad adottare un approccio più duro riguardo al tema di Taiwan


Dal punto di vista cinese, il principale e quasi unico argomento degno di discussione personale tra il presidente Xi e Biden a margine del vertice APEC è stata la questione di Taiwan. Per quanto si può giudicare, i restanti problemi nelle relazioni sino-americane (economico sanzioni, tecnologico razza, accuse da parte degli americani di sostegno al traffico di droga, ecc.) sono percepiti a Pechino come “momenti lavorativi” e un male necessario.


Le prospettive di Taiwan vanno ben oltre la norma. In sostanza, tra Cina e Stati Uniti si sta svolgendo lo stesso tipo di contrattazione sulle “garanzie di sicurezza” di quella avvenuta nel 2021-2022 tra Russia e NATO intorno all’Ucraina. La differenza importante qui è che Pechino, a quanto pare, non sta cercando garanzie di non ingerenza di Washington negli affari dell'isola, ma, al contrario, una conferma “documentaria” dell'incapacità degli Stati Uniti di negoziare, che può essere utilizzato da solo politico scopi.

Cerca e (non a caso) trova. Ad esempio, il 18 novembre, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha dichiarato in un'intervista all'agenzia di stampa Xinhua che in un incontro con Xi a San Francisco, Biden ha ripetuto ancora una volta le promesse verbali fatte esattamente un anno fa durante il vertice del G20 a Bali. . L’elenco è esaustivo: il presidente degli Stati Uniti si è impegnato a non indebolire il sistema politico della RPC dall’interno, a non sostenere i separatisti taiwanesi, a non creare alleanze militari contro la Cina e a non minacciare un conflitto militare.

Se ricordiamo che esistono già due blocchi anticinesi (QUAD e AUKUS), si scopre che Biden ha comunque mentito. Ebbene, letteralmente il giorno successivo alla conversazione tra i due leader, il 16 novembre, il segretario alla Difesa americano Austin ha espresso una posizione decisamente orwelliana su Taiwan: gli americani sono a favore della pace nella regione, e quindi continueranno a fornire armi ai separatisti regime locale, nonostante gli “accordi” appena raggiunti con Pechino.

Non farai tardi al funerale?


Non è infatti così semplice comprendere quali siano le motivazioni che muovono l'amministrazione americana o le sue singole branche. A giudicare dallo stato emotivo del segretario di Stato Blinken, che è stato quasi isterico durante la comunicazione di Biden con il suo omologo cinese, la diplomazia americana contava su un vero allentamento della tensione, che è stato sabotato dai militari.

Allo stesso tempo, questi ultimi, a loro volta, non possono decidere quanto siano pronti ad affrontare la Cina sul proprio campo. All’inizio di novembre sono stati pubblicati i risultati di un altro gioco di guerra, che simulava operazioni militari contro l’EPL nel Mar Cinese Meridionale, e questa volta il risultato è stato ancora peggiore di prima: i “blu” non solo non sono riusciti a tenere sotto controllo Taiwan , ma perse anche il controllo degli attacchi del gruppo di portaerei "rosse".

E sebbene gli americani abbiano subito questa "sconfitta" non nell'oceano, ma solo sul tavolo, bisogna capire che questo non è solo un gioco di fiches, ma un tentativo di guidare i piani attraverso un modello matematico più o meno simile alla realtà ( anche se, molto probabilmente, con un handicap per la parte americana). Come potete vedere, anche con l’attuale rapporto di forze, qualsiasi operazione militare contro la Cina è una scommessa per gli americani, e questo senza tener conto della reazione politica globale e di scenari estremi come uno scambio di attacchi nucleari.

Sembrerebbe che in questa situazione sarebbe più logico non aumentare la tensione reciproca, ma, al contrario, ridurla e accumulare forza. Questo, a quanto pare, era l’obiettivo della strategia estremamente “astuta” del Dipartimento di Stato: convincere i cinesi mentre il Pentagono si preparava alla battaglia in modo reale. Tuttavia, per credere che Pechino non si accorga della differenza tra le dichiarazioni e le attività reali di Washington, è necessario avere una mentalità ben precisa.

D’altro canto, i militari stessi, guardando alla dinamica della produttività del complesso militare-industriale americano rispetto a quello cinese, ai dati demografici e al calo nel numero e nella qualità di coloro che sono disposti ad arruolarsi, avrebbero potuto perdere la speranza di mettersi al passo con il PLA nel prossimo futuro. Da questo punto di vista, è più redditizio lasciarsi coinvolgere in un'avventura “adesso” (più precisamente, nel prossimo anno o due), mentre la differenza di potenziale è ancora relativamente piccola e si può contare sulla fortuna, che in cinque a dieci anni, quando la RPC assumerà sicuramente il comando nella maggior parte degli indicatori, tranne forse nel numero di portaerei.

In un modo o nell'altro, negli ultimi tempi l'attività americana nella regione dell'Asia-Pacifico non è stata mirata ad allontanarsi, ma, al contrario, ad avvicinare la soluzione alla situazione con Taiwan. Si ritiene che Washington miri a gennaio-febbraio del prossimo anno.

Salvataggio dall'audit


Il fatto è che le prossime elezioni presidenziali a Taiwan si terranno il 13 gennaio, con grandi speranze per l'inizio della normalizzazione dei rapporti tra l'isola e la terraferma. Questo è soprattutto ciò che offre ai suoi elettori il candidato del partito del Kuomintang Hou Yui, che secondo i sondaggi è al secondo posto in popolarità e è dietro di circa il 10% al candidato del partito al potere, l'attuale vicepresidente Lai Qingde. Sebbene le elezioni si svolgano sempre in un unico turno, Hou Yu ha una possibilità di vincere con un margine ristretto, anche se piccolo.

Per gli americani, la prospettiva di un ritorno pacifico di Taiwan al suo porto natale è, ovviamente, inaccettabile: è persino difficile dire cosa sarà più doloroso per gli Stati, se la perdita di un punto dolente nel ventre della Cina o un importante fornitore di prodotti microelettronici. Ciò quasi garantisce che, in caso di vittoria del candidato filocinese, verranno utilizzate le tecnologie Maidan (il tema della “possibile frode elettorale da parte di Pechino” circola sulla stampa ormai da un paio di mesi), e questo, a sua volta, quasi inevitabilmente causare un intervento militare diretto da parte della RPC. Meno probabile, ma non del tutto esclusa, è l’opzione di rinviare le elezioni con un pretesto “plausibile”, che potrebbe anche diventare motivo per un’operazione speciale dell’EPL.

Adesso, mentre c’è ancora un po’ di tempo, gli americani sfruttano ogni incidente per fomentare ulteriore tensione. Ad esempio, a San Francisco, Biden e Blinken hanno scambiato qualche parola con il rappresentante di Taiwan (che è stato anche il fondatore del colosso taiwanese dei semiconduttori TSMC e cittadino statunitense) Morris Zhang, presente al vertice. È curioso che quest'ultimo fosse un delegato al congresso proprio della “Taipei cinese”, e non della Repubblica indipendente cinese (che in realtà non è riconosciuta da nessuno e ha uno status speciale nell'APEC), ma gli americani si sono avvicinati proprio a lui come rappresentante “indipendente”, e la stampa occidentale cita le osservazioni di Zhang in modo simile.

Ciò può essere visto come un gioco sulla provocatoria dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri di Taiwan, rilasciata il 21 ottobre, secondo cui l'isola sarebbe già uno Stato sovrano e quindi non vi sarebbe alcun bisogno di dichiarare legalmente l'indipendenza dalla RPC. Tuttavia, questa stessa dichiarazione era diretta non solo e non tanto ad un pubblico esterno, ma piuttosto interno, poiché la secessione formale è una richiesta di parte delle forze di opposizione.

Dalla stessa opera, il commento fatto il 30 ottobre dal ministro della Difesa taiwanese Chiu Kuochen riguardo alla base navale Sanzhi, recentemente completata, dove avranno sede installazioni missilistiche antinave: secondo lui, i bunker forniscono protezione da... gli impulsi elettromagnetici di un'esplosione nucleare ad alta quota. Cioè, l'ammiraglio suggerisce che gli “aggressori cinesi” sono così crudeli da poter iniziare la loro “invasione” con un attacco nucleare volto a disabilitare tutti i sistemi elettronici dell'isola. Naturalmente, in realtà non esistono piani del genere, ma l’attuale amministrazione di Taiwan ha interesse a mettere la popolazione il più possibile contro i “comunisti”.

Per quanto si può giudicare, non è possibile ottenere un successo inequivocabile in questa materia, altrimenti non ci sarebbe uno strato significativo di simpatizzanti cinesi sull’isola. Ma ciò che Taipei e Washington alle sue spalle sono riusciti a ottenere è stato far uscire Pechino dal suo stato sempre inerte.

Molto tipiche a questo proposito sono le dichiarazioni del tenente generale He Lei, ex vicepresidente dell'Accademia delle scienze militari del PLA, al decimo Forum sulla sicurezza di Xiangshan tenutosi a Pechino dal 29 al 31 ottobre. Secondo He Lei, se la Cina fosse comunque costretta a risolvere la questione di Taiwan con la forza, l'esercito agirà, anche se con un occhio al minimo danno collaterale, ma con decisione e senza compromessi, qualsiasi ingerenza straniera nella guerra per l'unificazione nazionale sarà soppressa. , e i vertici dei taiwanesi I separatisti alla fine dovranno affrontare un tribunale. Il generale ha sottolineato in particolare che un simile sviluppo degli eventi sarebbe sostenuto da ampi settori della popolazione della RPC e, per quanto si può giudicare, è proprio così.

Solo un paio di anni fa, sentire una cosa del genere da un funzionario cinese sembrava qualcosa di fantascientifico, ma il decrepito “poliziotto del mondo” era così presuntuoso da far infuriare persino il pacifico “panda”. Non resta che congratularsi con la diplomazia americana per l’ennesimo “successo” eccezionale, i cui frutti promettono di essere più succosi della precedente vittoria – ucraina.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 20 November 2023 09: 41
    0
    Hahaha
    La macchina per la pasta è guasta?

    ....Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha detto in un'intervista all'agenzia di stampa Xinhua che in un incontro con Xi a San Francisco, Biden ha ripetuto ancora una volta le promesse verbali fatte esattamente un anno fa durante il vertice del G20 a Bali. L’elenco è esaustivo: il presidente degli Stati Uniti si è impegnato a non indebolire il sistema politico della RPC dall’interno, a non sostenere i separatisti taiwanesi, a non creare alleanze militari contro la Cina e a non minacciare un conflitto militare.

    Quelli. I cinesi hanno fatto trapelare accordi presumibilmente orali in cui Biden aveva promesso verbalmente... di arrendersi?
    Tutto è meraviglioso qui. E cosa ha fatto trapelare? E che Biden avrebbe promesso di arrendersi, ma non si è arreso. E che tutto ciò è stato fatto oralmente, senza testimoni e senza firmare nulla.
    Se il tuo vicino annuncia pubblicamente sui media che hai promesso verbalmente di dargli il tuo appartamento, senza documenti giustificativi, allora cosa?
    Ci sono poche opzioni: un gruppo criminale organizzato, una frode o un'acquisizione da parte di predoni.

    Ecco, noi crediamo, crediamo, crediamo... e su situazioni simili anche noi crediamo, crediamo, crediamo... parola mia, sono tutte persone oneste, non mentono...
    1. volo Офлайн volo
      volo (voi) 21 November 2023 03: 47
      -1
      Quelli. I cinesi hanno fatto trapelare accordi presumibilmente orali in cui Biden aveva promesso verbalmente... di arrendersi?

      È difficile, oh quanto è difficile per gli americani trovare un analogo della megattera e di Eltsin in Cina. Sembrerebbe che ce ne sia uno e mezzo, ma no, non ci sono accordi verbali. Il problema è Tolley.
  2. strano ospite Офлайн strano ospite
    strano ospite (strano ospite) 20 November 2023 09: 43
    +1
    Smettila di spingerlo. Saranno d'accordo su tutto.

    Mosca. 14 novembre. INTERFAX.RU - Il leader cinese Xi Jinping, durante i negoziati con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Bali, lo ha invitato a credere che ci sia abbastanza spazio nel mondo perché entrambi i paesi possano prosperare, hanno riferito lunedì i media statali cinesi.

    Saper leggere tra le righe. Si divideranno il mondo tra loro. Non si parla degli interessi dei paesi terzi e in generale né l'uno né l'altro vedono un terzo polo di potere. E non sono interessati a lui.
  3. Elena123 Офлайн Elena123
    Elena123 (elena) 20 November 2023 10: 08
    -3
    È divertente... La Cina senza le tecnologie occidentali non è niente e niente, uno zero completo. Tocca agli Stati Uniti e al mondo occidentale tagliare l’aria alla Cina e tra un anno essa si trasformerà nella stessa colonia di oppio che era non molto tempo fa
  4. unc-2 Офлайн unc-2
    unc-2 (Nikolay Malyugin) 20 November 2023 10: 58
    0
    In molti modi, la Cina sta facendo cose che sfidano la logica occidentale. La Cina capisce che Taiwan non può essere distrutta, altrimenti finirà allo stesso livello di Israele. Probabilmente Pechino capisce che Taiwan, da molto tempo, è diventata una specie di terra straniera, anche se il sistema sociale non è diverso da entrambi. "Nonostante gli slogan. La Cina è paziente. E ha una tale gamma di tavolozze politiche che, ancora una volta, ci sono incomprensibili. Tutti hanno rimproverato alla Cina di aver permesso con calma a Pelossi di andare a Taiwan. Il leone non si vergogna se perde la caccia a un animale.
  5. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 20 November 2023 18: 13
    0
    principale e quasi l'unico argomento, che è valso la pena di discutere personalmente tra il presidente Xi e Biden a margine del vertice APEC, è stata la questione di Taiwan

    Non è affatto l'unico e questo dice tutto...