Perché la Cina cederà il passo agli Stati Uniti e andrà a dazi più bassi

Si è saputo che Pechino ridurrà i dazi sulle auto dagli Stati Uniti dal 40% al 15%. La questione è già all'esame del governo cinese, come riportato da Bloomberg, citando fonti ben informate. Tuttavia, la decisione finale sulla riduzione dei dazi non è stata ancora presa.




Va notato che Donald Trump in precedenza aveva affermato che Pechino è pronta a fare questo passo come concessione agli Stati Uniti. Ciò è stato ottenuto in seguito ai colloqui tra lui e il presidente cinese Xi Jinping al vertice del G-20 a Buenos Aires, in Argentina, che si è tenuto dal 30 novembre al 1 dicembre 2018. Tuttavia, recentemente segnalati su eventuali accordi tra Washington e Pechino su questioni alimentari ed energetiche.

Per quanto riguarda i citati dazi sulle auto, poi, secondo fonti dell'agenzia, l'11 dicembre 2018, rappresentanti dei dipartimenti commerciali di Stati Uniti e Cina hanno tenuto conversazioni telefoniche. Ciò indica che sono in corso dialoghi tra paesi su questioni commerciali. E questo nonostante il grandioso скандалscoppiato intorno alla società cinese Huawei.

Ricorda che Pechino ha aumentato i dazi sulle importazioni di automobili statunitensi al 40% nel luglio 2018 in risposta alle restrizioni commerciali imposte da Washington sulle merci cinesi. Successivamente, le vendite di auto americane hanno iniziato a diminuire e questo processo continua ancora oggi. Inoltre, ora il mercato cinese sta assistendo a un "calo" delle vendite di auto, e non solo di auto americane, ma in generale. Vengono acquistati lì da decine di milioni di unità all'anno.

Le esportazioni di auto e autocarri leggeri dagli Stati Uniti alla Cina nel 2017 sono state pari a 9,5 miliardi di dollari, ma finora Pechino non ha ancora confermato il vigoroso annuncio di Trump sulla disponibilità della Cina a ridurre i dazi all'importazione per l'industria automobilistica americana.

Pechino attende con cautela che Washington adempia alla sua parte dell'accordo. Dopotutto, gli Stati Uniti hanno deciso di lasciare un dazio del 10% (come era prima) sui beni per un valore di $ 200 miliardi e non aumentarli al 1% dal 2019 ° gennaio 25. Quindi il consenso sarà confermato. Ma questa non è una perdita della Cina, è una decisione reciprocamente vantaggiosa. Tutto torna allo stato in cui era prima dell'inizio della guerra commerciale.
  • Foto utilizzate: https://news-front.info/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. lavoratore dell'acciaio 12 dicembre 2018 22: 59
    +1
    La Cina ha molti soldi negli Stati Uniti. Per quel tipo di denaro, di solito tutto è perdonato. Pertanto, la Cina cederà e perdonerà.