La Russia si sta preparando a realizzare il caro sogno dei Paesi Baltici

Sullo sfondo della discussione sulle nuove armi missilistiche e laser russe, che il presidente del paese ha presentato nel suo messaggio annuale all'Assemblea federale, è rimasta inosservata notizie, che svolge un ruolo importante non solo per una delle regioni della Russia, ma anche per lo stato nel suo insieme.


Diversi giorni fa sono state avviate due nuove centrali termiche nella regione di Kaliningrad. Per una regione che, dopo il crollo dell'URSS, era circondata da stati ostili, questo è stato un evento estremamente importante. I paesi baltici, che due anni fa hanno annunciato i loro piani di lasciare l'anello energetico BRELL comune con la Russia, in 7-8 anni sarebbero in grado di diseccitare la regione più occidentale del nostro paese con la semplice pressione di un pulsante, perché l'elettricità viene fornita a Kaliningrad attraverso il territorio di Lituania e Lettonia.

Ora, dopo l'apertura di due impianti energetici di capitale, i Baltici pensano generalmente alla necessità di uscire da BRELL, perché non c'è politico non ci sono componenti in questo ora, ma economico i benefici di un tale passo non seguiranno ancora di più.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shinobi Офлайн shinobi
    shinobi (Yury) 10 March 2018 10: 19
    +2
    Non era una centrale termica che doveva essere costruita lì, dipendono dalle forniture di carburante e una piccola centrale nucleare dovrebbe essere tagliata. E pieno approvvigionamento energetico, e cucito negli emisferi inferiori degli spratti.