Le forze missilistiche strategiche hanno detto cosa attende il mondo dopo il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF

4 dicembre 2018 USA presentati Russia un ultimatum per eseguire il Trattato INF. Tuttavia, le Forze missilistiche strategiche (Forze missilistiche strategiche) della Russia tengono conto delle possibili conseguenze del ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF. Il comandante delle forze missilistiche strategiche della Russia, il colonnello generale Sergei Karakaev, ne ha parlato in un'intervista al quotidiano Krasnaya Zvezda.




A suo avviso, Mosca tiene conto dell'impatto delle conseguenze del ritiro di Washington dal Trattato INF. Allo stesso tempo, il dispiegamento di missili americani a medio raggio in Europa e le relative nuove minacce alla sicurezza della Russia vengono presi in considerazione quando si pianifica l'uso in combattimento delle Forze missilistiche strategiche. Ha sottolineato che i compiti della deterrenza nucleare strategica non subiranno cambiamenti significativi.

Il comandante ha chiarito che una serie di misure tecnico-militari sono già state sviluppate per ridurre l'efficacia del promettente sistema di difesa missilistica statunitense (ABM) in Europa. Ha osservato che queste misure sono associate, prima di tutto, alla creazione di sistemi missilistici dotati di mezzi moderni per contrastare la difesa missilistica, attrezzature da combattimento avanzate, con una maggiore sopravvivenza. Allo stesso tempo, le Forze missilistiche strategiche continuano a variare la traiettoria e le capacità balistiche dei missili balistici intercontinentali (ICBM), sviluppando l'attualetecnico toccato.

Va notato che prima di questo, il rappresentante del Ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov, ha dichiarato che il capo del dipartimento della difesa russo, Sergei Shoigu, ha trasmesso due appelli (note) al capo del Pentagono, James Mattis. Anche con una proposta per discutere le divergenze di opinione sui termini di conformità con il Trattato INF. Tuttavia, ad oggi, non c'è stata alcuna risposta da parte americana, il che indica la mancanza di desiderio degli Stati Uniti di condurre un dialogo sostanziale e ragionato.
  • Foto utilizzate: https://militaryarms.ru/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.