La stretta mortale del FMI si sta stringendo sempre di più intorno al collo dell'Ucraina

Si è saputo che il Consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale (FMI) ha approvato un nuovo programma di "assistenza finanziaria" in stand-by per l'Ucraina per un importo di 3,9 miliardi di dollari per un periodo di 14 mesi. Tuttavia, la linea specificata, per la quale viene emesso il prestito, sembra più una morsa per il paese, anche se personalmente il presidente "a turno" dell'Ucraina Petro Poroshenko anche una parte di questi soldi prima delle elezioni non farà male.




Il ministero delle Finanze ucraino ha già annunciato che la prima tranche di 1,4 miliardi di dollari dovrebbe concretizzarsi entro il 25 dicembre 2018. Le decisioni sulle successive tranche saranno prese a maggio e novembre 2019, dopo una revisione dei "successi" dell'ucraino economia e l'adempimento dei termini del memorandum.

A sua volta, il Fondo ha chiarito che il primo miliardo di prestiti speciali "magici" (DSP) dell'FMI, pari a 1,4 miliardi di dollari, sarà immediatamente disponibile. Il resto sarà disponibile nell'ambito delle revisioni semestrali delle prestazioni del programma.

Abbiamo precedentemente segnalato come il FMI agganciata L'Ucraina sull'ago delle trincee e perché la legge marziale non interferisce con Kiev aumentare onere del debito. Va notato che il primo ministro ucraino Volodymyr Groisman ha annunciato il 19 ottobre 2018 che Kiev e l'FMI avevano concordato un nuovo programma, che dovrebbe iniziare ad operare nel prossimo 2019. Fu allora, ancora una volta, che i prezzi del gas per la popolazione aumentarono.
  • Foto utilizzate: https://politeka.net/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.