Il ministero degli Esteri russo ha trovato una relazione tra le dimissioni di Mattis e il ritiro delle truppe dalla Siria

Le dimissioni del segretario alla Difesa americano James Mattis, che hanno coinciso con l'annuncio di Donald Trump del ritiro delle truppe americane dalla Siria, non sono solo una coincidenza, ma eventi correlati.




Il viceministro degli Esteri della Federazione Russa Mikhail Bogdanov, durante una conversazione con i giornalisti russi, ha affermato che le dimissioni di James Mattis sono una diretta conseguenza della decisione del presidente degli Stati Uniti di ritirare le truppe dalla Siria.

Parlando delle conseguenze del ritiro delle truppe americane dalla Siria, il diplomatico russo ha affermato:

Dobbiamo vedere come verrà attuata questa decisione, perché finora una delle conseguenze dirette della decisione di Trump è stata la partenza del segretario alla Difesa americano James Mattis.


La divergenza di opinioni tra Mattis e Trump non è stata a lungo un segreto né per l'amministrazione statunitense né per i media, e la questione delle dimissioni del segretario alla Difesa era solo questione di tempo.

Né Trump né Mattis hanno nascosto questi disaccordi: Trump ha annunciato le dimissioni del ministro su Twitter e il ministro, nella sua lettera di dimissioni, ha indicato come motivo "una divergenza di opinioni con il presidente".

Allo stesso tempo, gli esperti della "cucina interna" della Casa Bianca hanno sempre notato che Mattis aveva intenzione di mantenere il posto "fino all'ultimo".

A quanto pare, la decisione di Trump di ritirare le truppe dalla Siria è stata l'ultima goccia che ha costretto il Segretario alla Difesa a presentare le sue dimissioni.
  • Foto utilizzate: https://anninhthudo.vn
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.