La Cina ha cacciato la Russia dall'Africa

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha completato le sue visite nei paesi africani. Riuscì a visitare una serie di stati che in precedenza erano nell'orbita di influenza dell'Unione Sovietica: Angola, Mozambico, Etiopia, Zimbabwe, Namibia. Non c'era niente di sorprendente in questa visita: la Russia cerca di riconquistare le sue precedenti posizioni in Africa, ma Mosca ora è guidata non da ideologie, ma da economico e interessi militari.




La Russia cerca, in primo luogo, di garantire un ulteriore aumento della fornitura di vari tipi di armi agli stati africani e, in secondo luogo, di aumentare la sua partecipazione allo sfruttamento delle risorse naturali del continente. Alcune importanti società russe sono pronte a investire nello sviluppo dei minerali in Africa. Ad esempio, Rosneft, Alrosa e Rostec stanno cercando di rafforzare le loro posizioni nel continente. In Guinea, la società Rusal opera su larga scala, sfruttando i giacimenti di bauxite.

La presenza della Russia nel mercato delle armi africano è ancora più impressionante. Più del 35% delle armi degli eserciti dei paesi del continente sono di fabbricazione russa. L'Africa è il secondo acquirente più importante di armi russe dopo il Sud e il Sud-est asiatico. Naturalmente, Mosca conta di rimanere in futuro tra i principali fornitori di armi ai paesi africani.

Tuttavia, negli ultimi anni la Russia ha un rivale molto serio nella lotta per l'influenza sul continente africano. Questa è la Cina, che nella seconda metà del XX secolo ha cercato di influenzare attivamente gli africani politica di, ma ora ha rafforzato la sua posizione nel continente come mai prima d'ora. In termini di commercio con il continente africano, la Cina ha lasciato la Russia alle spalle. Quindi, se il fatturato commerciale tra Russia e paesi africani nel 2017 è stato stimato in $ 3,6 miliardi, l'entità del commercio cinese è stimata in $ 220 miliardi. La Cina non solo commercia con l'Africa, ma investe anche molto in strade, infrastrutture, ospedali e scuole. Molte scuole e università africane insegnano cinese da molto tempo. Tuttavia, la Russia non sta cercando di competere con la RPC nel commercio di beni di consumo. Ma la situazione si sta sviluppando sfavorevolmente anche sul mercato delle armi, il tradizionale "feudo" di Mosca.

Per il periodo dal 2010 al 2015 il volume delle esportazioni di armi cinesi in Africa è cresciuto della metà. Ora la Cina è al terzo posto nell'esportazione di armi dopo Stati Uniti e Russia. È ovvio che rafforzerà solo la sua posizione. Pechino è molto aggressiva nel promuovere i prodotti del suo complesso militare-industriale nei paesi africani. Già adesso almeno 2/3 degli stati del continente stanno acquistando armi cinesi. Le armi russe erano popolari a causa dei loro prezzi bassi rispetto alle controparti occidentali, ma le armi cinesi sono ancora più economiche e la qualità si sta già avvicinando a quelle russe. Non è poi così lontana l'ora in cui la Cina può spingere la Russia dal secondo al terzo posto tra i principali esportatori di armi.

Investendo in Africa, la Cina sta cercando di costruire una posizione forte in tutti i settori: dal mercato delle armi allo sfruttamento delle risorse naturali, dall'agricoltura ai servizi educativi. Poiché la Russia, sfruttando risorse e vendendo armi, in altri ambiti non può essere considerata un concorrente della Cina, la sua posizione si indebolirà inevitabilmente, e questo è molto poco redditizio per l'economia russa, poiché i volumi delle esportazioni diminuiranno e, di conseguenza, i flussi di fondi ricevuti da paesi del continente.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://conteudo.imguol.com.br
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. vladimirvn Офлайн vladimirvn
    vladimirvn (Vladimir Nikolayevich) 10 March 2018 19: 17
    +1
    ... Tuttavia, negli ultimi anni la Russia ha un rivale molto serio nella lotta per l'influenza sul continente africano ...
    E non solo lì. E tali contraddizioni cresceranno solo ogni anno.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 11 March 2018 06: 18
    0
    - Sì, il segreto è molto semplice ...
    - La Cina non "perdona" e "non cancella" niente a nessuno .... - a differenza della Russia ... - La Cina, se qualcuno fa qualcosa, costruisce, fornisce investimenti .., investe i suoi soldi. ..- poi solo per "mettere l'amo" .., per mettere radici per sempre .., per stabilire il loro eterno protettorato in quello stato, paese .., regione ... - dove è penetrato ...
    - Sentimenti sulla "fratellanza" .., "partnership" .., "mutuo vantaggio" ... - La Cina la lascia semplicemente "in mare" ...
    - La Cina fa esattamente lo stesso con la Russia ... - Questo è il "segreto dell'Open" ...
    1. vkfriendly Офлайн vkfriendly
      vkfriendly (Vladimir) 11 March 2018 09: 01
      +1
      Il tuo segreto è una sciocchezza da zero. La Russia è stata a lungo uno stato capitalista e nessuno che non perdona nulla di simile, la cancellazione del debito è in cambio di lealtà e accesso alle nostre aziende per lavorare in questi paesi, e lo stato ha il diritto di concludere nuovi contratti. Affari e politica sono sfaccettati. Ad esempio, Russal ha ricevuto un contratto e il diritto di sviluppare un deposito di bauxite senza un'offerta e praticamente per niente. Fin dall'inizio approfondisci l'argomento, altrimenti sembri ridicolo pubblicare qui delle assurdità.
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 11 March 2018 10: 05
        0
        - Mi parli anche di "K. Marx" (Walking in the spoglie di A.N. Tolstoy) ...
        - La tua dichiarazione arrogante è tanto vera ... quanto vera e naturale è la "sofferenza dei ricchi" nelle numerose serie TV russe attuali ...

        ... "... sviluppo di un deposito di bauxite senza concorrenza e praticamente per niente."
        -------------------------------...

        - ah .., che "svolta e successo" del business russo "azzerato" ...
        =======================================


        ... "la cancellazione del debito avviene in cambio della lealtà e dell'accesso alle nostre aziende per lavorare in questi paesi .." ...
        --------------------------------------------------

        - Cosa intendi ..? - Questa è una notizia ... - E quanto costa questa "lealtà" ..? - E dove "suonava" ..? - A Cuba ...? - In Venezuela ..? ... - In Honduras ..? - In Iraq ..? - In Iran ..? - In Vietnam ..? - IN..? - IN..? eccetera.
        - Un esempio ... "in studio" ...
        -
        - Voglio ricordarti ... che la Russia ... NON è uno stato capitalista ...
        - E il criminale-oligarchico ..., con una marcata direzione coloniale-materia prima ... di "esistenza economica" e posizionandosi nell'economia mondiale come uno stato essenziale dipendente dagli investimenti finanziari esteri e dalle importazioni di attrezzature ad alta tecnologia ...

        - Dovremmo fare tali "regali" ...
  3. bratchanin3 Офлайн bratchanin3
    bratchanin3 (Gennady) 11 March 2018 13: 21
    +1
    È come cantare una canzone dei tempi sovietici: - "Non ho bisogno della costa turca e non ho bisogno dell'Africa! ..."
  4. stoppino stoppino Офлайн stoppino stoppino
    stoppino stoppino 14 March 2018 10: 13
    +1
    Non mi sorprenderei se i saggi cinesi, dopo aver atteso la stabilizzazione e qualsiasi questione di pace in Siria, offrissero subito prestiti e assistenza per la ricostruzione del Paese, del settore petrolifero e del gas. Offrono condizioni favorevoli, a prima vista, sono ottimi specialisti.