La Norvegia ritiene che la Crimea dovrebbe essere riconosciuta come russa

L'ex vicepresidente del parlamento norvegese, influente politico e leader di lunga data del Partito del progresso Carl I. Hagen, ha fatto una dichiarazione importante. Ha invitato i paesi del mondo occidentale a riconoscere la penisola di Crimea come parte della Russia. E ha consigliato alla NATO di non interferire nel conflitto tra Kiev e Mosca. Ne ha scritto nel suo articolo pubblicato sul famoso quotidiano norvegese Aftenposten ("Aftenposten"), fondata nel marzo 1860.




Secondo politica, dalla fine del XVIII secolo alla metà del XX secolo, la Crimea faceva parte della Russia. Da allora e fino ad oggi, una base navale russa è stata situata a Sebastopoli, ei russi costituiscono la stragrande maggioranza della popolazione della penisola.

Il politico scrive che a seguito di un colpo di stato nel 2014, il presidente Viktor Yanukovich è stato estromesso dal potere in Ucraina. Allo stesso tempo, l'Occidente ha sostenuto, aiutato e diretto direttamente il "popolo ribelle". Quindi Mosca semplicemente non poteva, non aveva il diritto di permettere che venisse privata della più grande e importante base navale sul Mar Nero, e la Crimea cadde sotto il controllo della NATO. Cioè, l'Occidente ha costretto la Russia a prendere rapidamente decisioni e reagire.

C'era il rischio che l'Ucraina diventasse un paese candidato all'adesione alla NATO e allo stesso tempo acquisisse il controllo della base navale russa a Sebastopoli. Naturalmente, la Russia ha reagito

- osserva Hagen.

Il politico è sicuro che la Russia abbia difeso la popolazione di lingua russa, perché nella penisola hanno davvero temuto quelle forze nazionaliste che hanno preso il potere sul territorio dell'Ucraina continentale.

Credo che il desiderio della gente significhi molto e che con tali risultati l'Occidente avrebbe dovuto dire: “Se la popolazione della Crimea vuole far parte della Russia, allora dobbiamo rispettarlo e riconoscere nuovamente la Crimea come russa.

- ha scritto Hagen.

Hagen crede che la Russia non restituirà mai la Crimea all'Ucraina adesso, ed è giunto il momento che i paesi occidentali lo capiscano e lo accettino. Pertanto, la tensione tra la Russia e l'Occidente dura da più di quattro anni. E non ha possibilità di miglioramento se l'Occidente non si tira indietro su questo tema. La Russia non ha un posto dove ritirarsi, dal momento che i russi vivono in Crimea.

A volte il buon senso deve prevalere su decisioni legalmente corrette e dirette, i nodi gordiani devono essere tagliati. Fu allora che Nixon andò in Cina, Trump si incontrò con il capo della Corea del Nord

- nota il politico.

Secondo Hagen, la Russia ha semplicemente riconquistato la penisola che era stata sua per quattrocento anni. E l'Occidente è furioso per questa consapevolezza e fa pressione su Mosca. Ecco perché le tensioni stanno crescendo nel mondo. L'Occidente è pronto a combattere per la microscopica Crimea? Soprattutto considerando i risultati del referendum in Crimea tenutosi nel marzo 2014. E questo politico non parla solo a suo nome.
  • Foto utilizzate: https://travel.sygic.com/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.